ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
7 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
9 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
9 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
9 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
10 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
10 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
10 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
11 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
11 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
11 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
11 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
11 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
Locarnese
11 ore

Gordemo, arriva (con gusto) il Carnevale in piazza

Libagioni protagoniste ai festeggiamenti, previsti domenica prossima, 5 febbraio, grazie alla Società Ricreativa
Locarnese
11 ore

Campo Vallemaggia, fondi al recupero di edifici e muri a secco

Dalla Fondazione per la tutela del paesaggio un sostegno economico a favore della salvaguardia dei preziosi paesaggi culturali nelle regioni di montagna
Locarnese
11 ore

Duo Rossi in scena al Palacongressi di Muralto

Il nuovo spettacolo dialettale tutto da ridere il 10 febbraio per l’organizzazione della Società Carnevale Muraltese
Luganese
11 ore

Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask

Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Locarnese
11 ore

Concorso miglior ratafià: altri 15 giorni di tempo

Elio Moro del Girasole Benefico ha prorogato i termini di iscrizione alla terza edizione del concorso aperto ai produttori ticinesi
Mendrisiotto
11 ore

Si premiano i vincenti della riffa del Beato Manfredo

A Riva San Vitale la Filarmonica comunale ha estratto i numeri fortunati dell’ultima edizione della sagra
Mendrisiotto
12 ore

Morbio Inferiore premia i cittadini meritevoli

La popolazione del paese si è ritrovata in occasione della tradizionale cerimonia di inizio anno
Luganese
12 ore

Massagno celebra i suoi dipendenti più fedeli

Trentaquattro i collaboratori al servizio del Comune da svariati lustri. Nel paese c’è un funzionario ogni 27 cittadini
Locarno
12 ore

Partecipazione, itinerari, futuro: è il Piano d’azione comunale

Licenziato dalla Città il messaggio con la richiesta di un credito di mezzo milione per l’allestimento. È una risposta a chi chiede strategia
Luganese
13 ore

In 400 al giorno sul San Salvatore per le ultime festività

Continua l’apertura invernale di funicolare e montagna. Già pronti a festeggiare il Carnevale
Mendrisiotto
13 ore

Con l’Atte alla scoperta della Stabio romana e longobarda

La sezione del Mendrisiotto ripropone la passeggiata storica dopo il grande successo della prima uscita
Lavizzara
13 ore

Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’

Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Mendrisiotto
13 ore

L’ultimo libro di Andrea Netzer a LaFilanda

Il volume, ‘Camminare oltre, una vita’, sarà presentato domenica al Centro culturale di Mendrisio
laR
 
14.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:44

Lo psicologo sempre più esperto giudiziario

La nuova offerta formativa in Psicologia legale della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana è un unicum in Ticino

lo-psicologo-sempre-piu-esperto-giudiziario
Una parte del team del Centro competenze psicologia applicata della Supsi

È stata definita un unicum in Ticino la nuova offerta formativa in psicologia legale della Supsi. Lo spunto un sondaggio che ha riportato, fra gli addetti ai lavori, la necessità di una formazione, hanno spiegato i promotori, "che permettesse un affinamento delle competenze nell’indagine di tipo peritale. All’interno della pratica clinica psicologica, che sia in ambito privato o in un’istituzione cantonale, spesso e volentieri ci si trova a dover interloquire con diversi rappresentanti dell’autorità e a collaborare con essi, sia con funzione valutativa che in un lavoro sinergico a tutela e sostegno del paziente. Ecco, quindi, che una conoscenza approfondita del funzionamento di questi organi, così come l’acquisizione di determinati strumenti giuridici e conoscenze nell’ambito legale risultano preziosi al fine di una collaborazione dove i rispettivi obblighi, responsabilità ma anche consapevolezza del proprio campo d’azione siano stabiliti in modo chiaro e trasparente". Il corso offre, dunque, "uno sguardo ad ampio respiro sulla psicologia legale ed è riconosciuto come parte della formazione per la specializzazione dalla Société suisse de psychologie légale. Questa prima formazione è incentrata sull’età adulta ed è rivolta specificatamente a psicologhe e psicologi ed è quindi la loro funzione, sia nell’ambito penale che in quello civile, a essere interrogata".

I contenuti

Sei obiettivi certificati

Quali gli obiettivi? Si comincia dalla necessità di conoscere il contesto giuridico, le procedure e gli interlocutori nell’ambito della psicologia legale ed essere in grado di interfacciarsi con consapevolezza con i differenti organi (per esempio il Ministero pubblico, la Pretura penale, l’autorità regionale di protezione). Si porrà poi l’attenzione sulla comprensione dei differenti snodi dei processi penali e civili, sul ruolo, le responsabilità, i doveri e campi d’azione dello psicologo in veste di esperto giudiziario. Si approfondiranno le conoscenze sulla psichiatria forense e la criminologia che permettano di contestualizzare e leggere la pratica dello psicologo, si acquisiranno le competenze e gli strumenti metodologici di valutazione specifici in ambito peritale per differenti casistiche dell’età adulta. Infine si approccerà la valutazione psicologica con le modalità di report dei risultati raccomandate. Un campo, quindi, tanto ampio quanto appassionante che abbiamo approfondito con Lorenzo Pezzoli, responsabile del Centro competenze psicologia applicata.

Perché un corso di psicologia legale in Ticino?

Il percorso formativo che presentiamo non nasce oggi, questo è importante sottolinearlo. È infatti frutto di un lungo processo di ponderazione e valutazione sostenuto in particolare con il contributo del comitato dell’Associazione ticinese degli psicologi, con la rappresentante degli psicologi dell’Osc e la collega responsabile dell’Unità di psicologia della Polizia cantonale. È con loro che oramai alcuni anni fa abbiamo svolto una indagine a tappeto coinvolgendo tutti i colleghi attivi sul territorio in vari settori della psicologia, sia pubblici che privati, esplorando l’impatto attuale dell’attività peritale, il campo di applicazione, gli strumenti utilizzati e la loro disponibilità e interesse per una formazione specifica in questa area. Avevano risposto al sondaggio un totale di 113 psicologhe/gi tra cui la gran parte attive/i nell’ambito peritale con indagini sull’idoneità genitoriale, sulla relazione madre-bambino, sull’affidamento e sulla credibilità segnalando poi anche altri campi di indagine, come ad esempio le valutazioni su minori, la relazione padre-bambino, l’ascolto del minore in casi di separazioni, le valutazioni testistiche in perizie psichiatriche, casi di abusi su minori, indagini in ambito assicurativo, idoneità a testimoniare, invalidità/abilità lavorativa, capacità di discernimento, indagini peritali neuropsicologiche e psicodiagnostiche, abilità alla guida. Insomma, un ventaglio ampio e complesso di investimento dove il ruolo dello psicologo rappresenta una tappa importante e delicata. Il 58% di coloro che avevano risposto al questionario si erano detti interessati a impegnarsi in una formazione in ambito peritale riconoscendo, nella grande maggioranza, che per lo svolgimento dell’attività peritale sarebbe stata utile una formazione specifica e sostenendo anche che quest’ultima sarebbe andata a incidere positivamente sul riconoscimento a livello istituzionale della figura della/o psicologa/o attiva/o in ambito peritale.

Il territorio chiede, la scuola risponde.

Per il Centro competenze in psicologia applicata della Supsi è stato prioritario tenere un legame stretto con i bisogni e le esigenze del territorio. Su questa base si è allora avviato il lungo ma proficuo processo di tessitura del Cas (Certificate of Advanced Studies) che oggi si è concretizzato e che ha coinvolto diversi attori e istituzioni beneficiando di un comitato scientifico di eccellenza attivato appositamente per accompagnare le tappe finali della sua realizzazione grazie alla disponibilità e alla presenza di due rappresentanti del Dipartimento della sanità e della socialità e del Dipartimento istituzioni, che sono i dipartimenti interessati a questo tipo di attività, assieme a un membro della Società svizzera di psicologia legale. Società, lo ricordiamo, che ha sostenuto con la Federazione svizzera delle psicologhe e degli psicologi la nascita e la realizzazione di questa formazione. Per noi un riconoscimento importante di attenzione a livello nazionale in quanto conferma il desiderio di uniformità con il contesto svizzero che questo tipo di formazione veicola.

Quali aspetti della psicologia vengono soprattutto affrontati?

Il programma, scaturito dal confronto con le colleghe e i colleghi della Società svizzera di psicologia legale e con i partner del territorio, va a esplorare alcune aree utili per chi, nell’ambito della psicologia, si occupa di svolgere, in particolare, attività peritale. La psicologia legale si estende dalle attività di consulenza all’interno degli istituti legati all’universo carcerario all’applicazione di misure e pene giuridiche fino all’effettuazione di perizie sia in ambito civile, si pensi ad esempio a tutto il mondo della tutela e della curatela, fino al campo penale in collaborazione con gli psichiatri coinvolti. Ma la psicologia legale è anche quell’area della psicologia che si dedica alla presa a carico terapeutica sotto controllo giuridico, previa domanda dell’autorità, coi rapporti relativi a come il trattamento prescritto si sviluppa; per non parlare della formazione e della ricerca che costituiscono un ulteriore investimento per gli specialisti di quest’area. Tra queste e altre aree di attività si è focalizzata nel Cas l’attenzione proprio sull’attività peritale stabilendo, nel percorso formativo proposto, delle tappe, degli snodi, che costituiscono alla fine tre blocchi di percorso tra loro dialoganti.

Ci parli di quelli che lei definisce i tre blocchi di percorso tra loro dialoganti.

Il primo si sviluppa attraverso un approfondimento del contesto giuridico e psicolegale con voci autorevoli capaci di dare gli strumenti di orientamento necessari a chi svolge questa attività o a chi si appresta a farlo. Lo si farà approfondendo gli aspetti giuridici, forensi e criminologici, oltre che naturalmente di ruolo, con l’intento di contestualizzare al meglio il lavoro dello psicologo con mandato peritale. Nella seconda tappa lo scopo è quello di approfondire gli ambiti specifici di investimento del perito. Si è scelto, per questa prima edizione, di concentrarsi sull’adulto, dunque ci saranno specifiche formazioni che si muoveranno in questo contesto, con ampio utilizzo della casistica portata dai formatori. Si è voluta sostenere infatti una formazione non solo teorica e frontale, ma anche basata su situazioni concrete con metodologie di coinvolgimento dei partecipanti che li vedono protagonisti attivi della loro formazione. Discussione di casi, esercitazioni, approfondimenti basati su esperienze concrete faranno da filo rosso a questa seconda tappa ma anche costituiranno un preambolo al terzo e ultimo contenitore formativo, quello rappresentato dalla sessione dedicata e concentrata sulla stesura del report psicodiagnostico. Qui le giornate formative saranno volte a tradurre l’osservazione e la valutazione in rapporto peritale con attenzione al tipo di interlocutore e istituzione al quale esso è rivolto.

Non è mancata recentemente anche una novità.

Dando seguito al processo di sviluppo dell’attività dell’Unità di psicologia applicata del Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale, oramai sufficientemente strutturata per costituirsi come entità a sé stante, e in considerazione anche dell’aumento della massa critica gestita, la Direzione della Supsi ha deciso di separare l’Unità di psicologia applicata dal Centro competenze metodologie della ricerca dandole statuto e percorso autonomo. A partire dall’1 febbraio 2022 l’Unità di psicologia applicata è diventata quindi Centro competenze psicologia applicata che è oggi attiva sui fronti della ricerca, della didattica di base e nella post-formazione così come nei servizi che vanno dallo sportello di ascolto all’interno della Supsi per personale e studenti, alle indagini peritali. Un team che crea legami tra le diverse dimensioni di cui si occupa inserendosi nei contesti regionali legati alla psicologia e alla sua pratica. Sviluppare un progetto di questo tipo ha rappresentato dunque una continuità con un lavoro di rete e di collaborazioni coltivato nel tempo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved