mafie-in-ticino-il-pool-cantonale-non-serve
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
2 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
3 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
3 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
4 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
4 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
4 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
4 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
03.07.2022 - 15:41
Aggiornamento: 16:08

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’

Allo stato attuale la creazione di un pool per affrontare e proporre misure contro il fenomeno della mafia in Ticino non è ritenuta necessaria. Questo, data "la buona collaborazione fra Autorità cantonali e federali, le quali, a loro volta, hanno buoni contatti con i loro partner esteri". Sono le conclusioni a cui giunge il Consiglio di Stato nel messaggio relativo alla mozione di Matteo Quadranti (Plr) "Mafie in Ticino: è ora di un pool cantonale".

Nell’atto parlamentare il deputato liberale radicale chiedeva in particolare: "L’immediata designazione di due procuratori pubblici, uno per l’ambito finanziario e uno per quello dei reati di polizia, che vengano formati e fungano da persone di contatto col Ministero pubblico della Confederazione o col pool; l’immediata designazione di più poliziotti, con formazione ad hoc, aventi compiti speciali per le questioni in oggetto e che possano poi fungere da istruttori e contatti con le Polizie comunali che sorvegliano il territorio a scopo preventivo; la dichiarazione, o meglio attività politica, da parte delle autorità cantonali a fronte di quelle federali in sostegno alla richiesta del procuratore federale Mastroianni di adozione urgente di normative di perseguimento penali più adeguate".

‘Proposta di fatto già attuata’

Nel messaggio, il governo motiva la propria conclusione spiegando che con la Strategia di lotta alla criminalità 2020-2023 elaborata dal Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp) "tra le misure previste per combattere la criminalità organizzata è stato creato il progetto Countering organised crime (Coc), che prevede che sia coordinata e concordata più strettamente la collaborazione interdisciplinare tra gli attori del perseguimento penale e altre autorità della Confederazione e dei Cantoni".

La Polizia cantonale, rende noto il Consiglio di Stato, "collabora con fedpol monitorando alcuni aspetti legati al fenomeno della criminalità organizzata", e ha inoltre proceduto alla sensibilizzazione "di tutti i coordinatori dipartimentali dell’Amministrazione cantonale in merito ai rischi generali legati alle organizzazioni criminali". Secondo il governo la proposta di istituire un gruppo di lavoro risulta pertanto "di fatto già attuata per il tramite dell’adesione al programma Coc".

Quanto all’adeguamento del quadro normativo, per il Consiglio di Stato è di "fondamentale importanza che dette proposte possano essere condivise con le preposte autorità federali allo scopo di assicurarne la massima efficacia nell’interesse di un contrasto su scala nazionale. In questo contesto le autorità di perseguimento penale e amministrative del nostro Cantone procedono a incanalare le loro suggestioni nei flussi previsti dal programma Coc, rispettivamente coinvolgendo le competenti autorità a livello federale, qualora le misure di contrasto si inseriscano nell’ambito amministrativo".

Quadranti: ‘Risposta insoddisfacente’

Da noi interpellato, Quadranti giudica questa risposta «insoddisfacente», e assicura: «Per quanto mi riguarda il mio atto parlamentare non è evaso, quindi porterò il dossier nella commissione competente per affrontarlo a dovere con tutte le audizioni e gli approfondimenti che saranno necessari per far luce su questo tema».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mafia matteo quadranti messaggio consiglio stato mozione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved