ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
4 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
12 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
16 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
17 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
17 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
17 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Locarnese
17 ore

Corsi 2023 dell’Associazione per l’infanzia e la gioventù

Nella sede di Locarno, tedesco e inglese. Ma anche tutoring per dislessia e discalculia
Locarnese
17 ore

Scuola medico-tecnica a Locarno, pomeriggio informativo

Per aspiranti assistenti di studio medico o studio veterinario e per i futuri guardiani di animali
Grigioni
18 ore

Il Parco Val Calanca è realtà

Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
Bellinzonese
19 ore

‘L’unico neo di una tre-giorni riuscita’

L’alterco della serata d’apertura non rovina i bagordi carnascialeschi di Cadenazzo. Bottinelli: ‘Pienone nella ‘replica’, andata liscia come l’olio’
Gordola
19 ore

Aumentare i contributi per gli abbonamenti ai trasporti pubblici

Una mozione per chiedere al Municipio d’introdurre un regolamento con sussidi dal 20 al 50 per cento
Mendrisiotto
20 ore

Torna il corso per giovani tiratori dell’Aurora Stabio

Si svolgerà in marzo a Maroggia, per i ragazzi nati fra il 2003 e il 2008, il 7 febbraio una serata informativa
23.06.2022 - 18:37
Aggiornamento: 19:26

Vigilanza sui fiduciari, Piffaretti-Lanz vicepresidente

Autorità di sorveglianza, il Consiglio di Stato ha nominato la (ex) procuratrice pubblica

vigilanza-sui-fiduciari-piffaretti-lanz-vicepresidente
Ti-Press
Francesca Piffaretti-Lanz

L’Autorità di vigilanza sui fiduciari ha un nuovo vicepresidente. Meglio, una nuova vicepresidente. Si tratta di Francesca Piffaretti-Lanz, procuratrice ancora per poco avendo rassegnato le dimissioni dalla magistratura per la fine del mese dopo dieci anni di attività al Ministero pubblico. È stata nominata nei giorni scorsi dal Consiglio di Stato: entrerà in carica quale vicepresidente del Consiglio di vigilanza il 1° luglio, subentrando ad Alessandro Ciocca, il cui mandato è terminato dato il raggiungimento del limite massimo complessivo di dodici anni.

Ai vertici dell’Autorità di vigilanza – organo introdotto dalla LFid, la legge che dal 1985 disciplina in Ticino l’esercizio delle professioni di fiduciario, e indipendente dall’Amministrazione cantonale – saranno così due ex magistrati. Ovvero Marco Bertoli, avvocato, deputato del Plr e già procuratore pubblico, che la presiede dal 2016 e Piffaretti-Lanz in veste appunto di vice. Il nostro è l’unico cantone a disporre di una normativa specifica, in base alla quale chi intende esercitare l’attività di fiduciario deve essere preliminarmente autorizzato. Il rilascio delle autorizzazioni, se i requisiti per l’esercizio della professione sono dati, così come il loro ritiro competono all’Autorità di vigilanza. A quest’ultima, afferma la LFid, spetta la sorveglianza dell’attività dei fiduciari: "Vigila sull’osservanza della legge e può compiere ispezioni". Punisce ad esempio con una multa "fino a 50mila franchi" chi fa il fiduciario in maniera abusiva, senza alcuna autorizzazione. A designare ("per un periodo di quattro anni") i cinque membri, fra cui presidente e vice, nonché i tre supplenti dell’Autorità di vigilanza è il Consiglio di Stato. Per legge, il presidente dell’Autorità "è un magistrato, oppure un ex magistrato". Nelle sue decisioni, stabilisce ancora la LFid, l’Autorità di vigilanza "non è sottoposta alle istruzioni del Consiglio di Stato" ed "è indipendente da ogni autorità amministrativa".

«I compiti attribuiti dalla LFid all’Autorità di vigilanza sono diversi e importanti affinché essa attraverso la sorveglianza possa garantire lo svolgimento corretto dell’attività di fiduciario, una delle attività principali della piazza finanziaria ticinese, e questo a tutela dei clienti – sottolinea Piffaretti-Lanz, interpellata dalla ‘Regione’ –. Ma a tutela anche dei fiduciari, e sono la stragrande maggioranza, che agiscono con professionalità e nel rispetto delle regole». Al Ministero pubblico Lanz, classe 1981, di area leghista, è nella squadra di magistrati inquirenti dedita al perseguimento dei reati finanziari. Lo sarà come detto ancora per poco: lasciato il Palazzo di giustizia, tornerà all’avvocatura. «Negli anni, e ciò lo posso sostenere alla luce della mia esperienza di magistrato, la collaborazione tra l’Autorità di vigilanza e la Procura si è rafforzata per quel che riguarda il perseguimento di illeciti che vedono coinvolti fiduciari, non di rado abusivi poiché privi dell’autorizzazione a operare in quanto tali».

Lo scorso anno adeguata (e mantenuta) la legge ticinese

Lo scorso anno la legge cantonale sui fiduciari è stata oggetto di revisione, una revisione imposta dal diritto superiore. Nella seduta del 18 ottobre il Gran Consiglio – con settantaquattro voti favorevoli (due astensioni, nessun contrario) – ha dato luce verde all’adeguamento della LFid alle normative federali entrate in vigore nel gennaio 2020, quella sugli istituti finanziari (LIsfi) e quella sui servizi finanziari (LSerfi), in seguito alle quali i fiduciari finanziari svizzeri, ticinesi compresi, vengono assoggettati alla vigilanza dall’autorità federale di sorveglianza sui mercati finanziari, cioè la Finma, la quale autorizza l’attività della citata categoria di operatori.

Ma con quel chiaro verdetto il parlamento ha detto anche e soprattutto sì al mantenimento della legge e di riflesso del regime autorizzativo cantonale per le altre due categorie di fiduciari, ovvero commercialisti e immobiliaristi. Questi ultimi per poter esercitare in Ticino devono quindi continuare a essere autorizzati.

Tornando a Piffaretti-Lanz, la commissione granconsiliare ‘Giustizia e diritti’ ha deciso di rinviare ad autunno la designazione del o della subentrante della procuratrice pubblica. I candidati ci sono ma nessuno finora può contare su una maggioranza solida all’interno della ‘Giustizia e diritti’, commissione chiamata a formulare, all’attenzione del plenum del parlamento, una proposta di elezione. Se ne riparlerà dunque a settembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved