ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
33 sec

Alzheimer, incontri del Gruppo di auto aiuto a Locarno

Riprendono gli appuntamenti per chi vive a diretto contatto con una persona affetta da questo morbo o da altri tipi di demenze
Ticino
42 min

Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero

Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
51 min

A Muralto una conferenza sui pittori di Savièse

Conferenza di Jacques Levy a cura dell’Alliance française
Locarnese
1 ora

Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono

Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
1 ora

Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga

Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
4 ore

‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’

Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
5 ore

I terreni abbandonati ora profumano di lavanda

L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
5 ore

Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini

La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
5 ore

Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’

Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
11 ore

Plan B continua a dividere Lugano

Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
12 ore

Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi

Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
13 ore

Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’

La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
Bellinzonese
13 ore

Tutti i vincoli del nuovo ospedale di Bellinzona

I progettisti dovranno confrontarsi con un’importante serie di questioni tecniche, fra sicurezza fluviale, edificabilità e viabilità
Bellinzonese
16 ore

Pomeriggio di ballo liscio a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Appuntamento per giovedì 9 febbraio al ristorante Alla Botte
Bellinzonese
16 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per lunedì 13 febbraio alle 19 al centro culturale areapangeart
Locarnese
16 ore

La sfida: ricreare (e degustare) i 101 stili di birra ufficiali

L’iniziativa, promossa dal BeerLab di Gordola, è aperta a tutti e si ripeterà settimanalmente il giovedì sera
Luganese
16 ore

Appuntamento su sostenibilità e architettura in ambito alpino

Questi i temi che verranno trattati all’Istituto internazionale di Architettura a Lugano martedì 14 febbraio alle 18.30
Locarnese
16 ore

L’Arte dell’ascolto profondo, evento online con Daniel Levy

Lo propone l’Accademia Internazionale di Eufonia di Locarno giovedì 9 febbraio dalle 20
Bellinzonese
16 ore

L’Ambri Piotta sostiene la lotta contro una malattia rara

Il 17 febbraio i giocatori indosseranno una maglia speciale: il ricavato dell’asta andrà all’associazione ‘Noi ci siamo’ che sensibilizza sulla Fop
Ticino
16 ore

Superamento dei livelli, il Plr boccia la proposta commissionale

In Gran Consiglio arriverà anche il rapporto di minoranza di Polli: da Lega, Ps, Centro e Verdi ‘proposta evidentemente fragile, non ha obiettivi’
21.06.2022 - 22:14
Aggiornamento: 23:06

‘Via la tassa sui posteggi e le stime siano fiscalmente neutre’

Il comitato cantonale Udc approva, per l‘autunno, il lancio di due iniziative popolari. Marchesi: ‘Tuteliamo il ceto medio e le piccole e medie imprese’

via-la-tassa-sui-posteggi-e-le-stime-siano-fiscalmente-neutre
Ti-Press
Il presidente democentrista Piero Marchesi

L’offensiva Udc «a difesa del ceto medio» è lanciata. Il comitato cantonale democentrista, riunitosi questa sera a Gordola, ha dato il via libera al lancio di due iniziative popolari in autunno: una per abolire la tassa di collegamento, l’altra per rendere fiscalmente neutro l’aumento dei valori di stima degli immobili che presto o tardi, per leggere, il Canton Ticino dovrà modificare.

‘È solo uno strumento per prelevare più soldi ai cittadini’

«Noi non vediamo l’automobilista come un nemico», esordisce il presidente cantonale Udc Piero Marchesi. «Sono sei anni che ci esprimiamo contro questa tassa, non essendo riusciti a livello parlamentare a bloccarne l’applicazione a partire dal 2025 ci rimane di adire al voto popolare: cosa che faremo», aggiunge rilevando che «pure se formalmente questa tassa non è mai stata applicata, nella pratica la maggioranza delle aziende l’ha già riscossa presso i dipendenti, con tutti i problemi relativi al rimborso ai dipendenti stessi». Marchesi retoricamente si chiede «se si è visto un miglioramento tangibile sulle strade». Risposta: «No». Anzi, «è solo uno strumento per prelevare più soldi ai cittadini. Inizialmente 18, poi 20, poi 22 milioni di franchi unicamente per far incassare più soldi al Consiglio di Stato e farglieli spendere a suo piacimento. Non ci stiamo».

Pamini: ‘Nessuna spiegazione su come si valuterebbe l’impatto di questa tassa’

La preoccupazione e l’urgenza sono spiegate dal deputato Paolo Pamini: «Il Tribunale federale ha rigettato i ricorsi, ma ha detto che è una tassa causale giustificata solo se effettivamente riesce a modificare il comportamento delle persone». Ebbene, «senza un nostro intervento, nel 2025 questa imposta entrerebbe in vigore e per tre anni sarebbe sotto osservazione per vedere se raggiunge i suoi obiettivi». Ma Pamini chiede e si chiede: «Come misuriamo se si raggiungono gli scopi? Con quali formule e parametri? Non lo sappiamo ancora». E ancora: «Dove fissiamo l’asticella per valutare se il traffico sarà diminuito? Con quale livello di partenza del numero di auto in giro?». Risposte: «Zero». E sul sospetto che sia un’azione ‘contro’ il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali è il capogruppo in Gran Consiglio Sergio Morisoli a sgombrare il campo: «Non è contro Zali, ma a favore dei cittadini». Anche se, sibillino, aggiunge: «Se il nostro Marchesi fosse stato in governo e avesse proposto questa tassa gliel’avremmo tolta dalle mani mettendoci di traverso».

Stime immobiliari, ‘non si tartassino i proprietari di immobili’

Sempre Pamini spiega l’obiettivo della seconda iniziativa, quella sulle stime immobiliari: «L’obiettivo è rendere neutro questo valore, riducendo le aliquote e agendo su altri fattori». Le stime «devono aumentare, non è realistico andare avanti anni e anni senza una loro rivalutazione» concede il deputato. Ma «conviene essere proattivi, modificarle, ma senza la scusa di alzare le imposte. Faremo un’iniziativa popolare costituzionale elaborata; elaborata perché il testo deve essere uno e non si scappa, costituzionale perché vogliamo sia duratura anche nelle prossime legislature». L’obiettivo anche in questo caso è chiaro: «Tutelare i piccoli proprietari immobiliari, e di conseguenza anche gli inquilini: se si tartassano i proprietari di immobili a reddito, le pigioni aumenteranno e di riflesso anche gli affittuari ci rimetterebbero. Evitiamolo».

Emergenza benzina e bacchettate a Maurer

Tassa di collegamento, valore di stima ma non solo. Al centro dell’intervento politico di Marchesi c’è il ruolo dell’Udc, «un partito che si batte per i cittadini, per il ceto medio, e per le Piccole e medie imprese che danno lavoro, producono ricchezza, sono confrontate con le difficoltà dettate dall’aumento dei prezzi di materie prime e benzina: noi vogliamo lasciare soldi nelle tasche dei cittadini». Ed è proprio sul prezzo della benzina che il presidente cantonale Udc tuona: «Recentemente tutte le nostre mozioni alle Camere federali che chiedevano di abbassare le tasse sulla benzina, quindi il prezzo alla pompa, sono state sostenute solo dal nostro partito e qualche sparuto deputato. Se dalla sinistra ci aspettiamo certi dogmatismi, mi rammarica la posizione del Ppd nazionale e del Plr, che coi suoi due deputati ticinesi ha votato contro. Farinelli e Cattaneo vengono da un cantone di periferia, con persone che scendono dalle valli per lavorare e per farlo devono usare l’auto: hanno chiuso la porta in faccia ai cittadini in difficoltà».

Cosa che l’Udc - «coerente come sempre» - non vuole fare: «La guerra in Ucraina non finirà domani, bisognerà trovare delle soluzioni». Marchesi non risparmia neanche il consigliere federale democentrista Ueli Maurer, che negli scorsi giorni ha detto che nella ricca Svizzera ci si può permettere di pagare i prezzi alti della benzina: «Non abbiamo per nulla gradito quanto ha detto Maurer - sottolinea il presidente Udc -, ma al contrario del Ticino a Berna si può criticare un consigliere federale anche se del proprio partito».

Marchesi torna anche sul ‘Decreto Morisoli’, sul quale orgogliosamente afferma che «abbiamo raggiunto il nostro obiettivo». Perché? «Perché se ora in Gestione ogni spesa viene vagliata con attenzione, se c’è sempre questo scoglio nella discussione evviva, era quello che volevamo: no ad aumenti di imposte senza togliere servizi, ma sì alla consapevolezza che c’è questo freno con un meccanismo che obbliga a riflessioni serie quando si parla di spesa».

Morisoli: ‘Migliorare potere d’acquisto dei cittadini’

Morisoli dal canto suo rimarca: «Lavoriamo fare in modo che vengano prese decisioni per creare reddito da lavoro con salari degni di questo nome, con un’economia che crei ricchezza e posti di lavoro per il ceto medio. E agevolare il reddito delle aziende: fare utili non è un peccato mortale, ma permette di pagare tasse e pagare stipendi». Due vie con un unico traguardo: «Difendere e migliorare il potere d’acquisto dei cittadini».

Morisoli non risparmia al governo la consueta nota di biasimo sulla spesa: «Negli ultimi dieci anni parlando di imposte sulle persone fisiche lo Stato ha incassato 348 milioni in più rispetto alle previsioni di incasso, ed è grave: se non viene calmierato questo aspetto, si spenderà sempre di più». Questo perché «se si sa che all’orizzonte c’è una prospettiva di entrata maggiorata, si spenderà sempre di più. Adesso basta». Non c’è il rischio di far mancare risorse allo Stato? Macché: «Si tratta di lasciare i soldi ai cittadini».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved