ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
48 min

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
2 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
2 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
2 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
3 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
3 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
4 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
5 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
5 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
6 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
21.06.2022 - 17:28
Aggiornamento: 19:11

Salario minimo e controlli, in aula scontro tra Vitta e Sirica

Il copresidente Ps: ‘Non è stata ritenuta necessaria un’immediata indagine a tappeto’. Il direttore del Dfe: ‘Falso, siamo il Cantone con più controlli’

salario-minimo-e-controlli-in-aula-scontro-tra-vitta-e-sirica
Ti-Press
In Ticino controllato il 27% delle ditte senza un Ccl

«Le infrazioni rilevate dai controlli sull’applicazione del salario minimo sono minime». Lo ha affermato in parlamento il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta rispondendo al copresidente del Ps Fabrizio Sirica nell’ambito dell’analisi dei conti del Dfe, e anticipando una futura comunicazione della Commissione tripartita. L’entrata di Sirica è stata a gamba tesa: «Considerata la reticenza dimostrata da parte dell’imprenditoria, che ha ampiamente combattuto l’entrata in vigore del salario minimo, abbiamo chiesto al Dfe che ci fosse un accompagnamento attento, puntiglioso, proattivo, con controlli preventivi e un’immediata indagine a tappeto in seguito, ma no: il Dfe non l’ha ritenuto necessario».

Accuse che Vitta ha rispedito al mittente con forza: «Contrariamente a quanto dice Sirica i controlli sono partiti subito». E, si diceva, «arriverà presto l’esito di questi controlli della Tripartita, quindi sindacati e mondo imprenditoriale, che attestano un basso numero di infrazioni». Ma non è stata solo una risposta, quella di Vitta. È stato un contrattacco: «Le paventate situazioni di un mercato del lavoro allo sbaraglio, con imprenditori pronti a non rispettare il salario minimo, non si sono verificate».

E sul numero dei controlli arriva l’affondo: «Occorre una lettura oggettiva che vada al di là delle aspettative, il Ticino secondo gli ultimi dati della Confederazione è il Cantone con più controlli: non diciamo che non vengono fatti, non è così. In Ticino viene controllato il 27% delle aziende prive di contratti collettivi di lavoro di obbligatorietà generale, la media svizzera invece è del 6%. Cosa volete, un ispettore per azienda? – ha attaccato ancora Vitta –. Anche perché non necessariamente il numero dei controlli è correlato alle infrazioni, qualcosa vorrà pur dire».

A stretto giro di posta la replica di Sirica: «Devo dire che dal tono e dalle correzioni ho centrato i punti giusti – sottolinea il copresidente del Ps –. Non c’è da vantarci se abbiamo un alto numero di controlli. Sono dovuti, perché non c’è paragone tra le realtà dei tessuti economici. I controlli sono una logica conseguenza». Controlli che, conclude Vitta, «è importante siano efficienti, e lo sono».

Le risposte a Plr, Lega, Udc e Ppd

Il direttore del Dfe ha risposto anche a Cristina Maderni (Plr) sul tema energia, rilevando che «per quanto riguarda i consumatori finali, i cittadini, è un settore ancora protetto perché i prezzi sono amministrati dalle aziende di distribuzione. Gli aumenti saranno meno repentini e più graduali».

Al deputato leghista Daniele Caverzasio, preoccupato per il debito pubblico arrivato a 2,2 miliardi di franchi, Vitta ha risposto che «è un tema sicuramente importante, il rischio relativo a tassi d’interesse è presente ma la gestione della tesoreria è fatta su contratti a lungo termine, anche più di 20 anni. I loro rinnovi comporteranno l’aumento dei tassi, ma sarà spalmato».

Il controllo della spesa anche dopo la votazione sul ‘Decreto Morisoli’, sollecitato dal deputato Udc Paolo Pamini, porta il direttore del Dfe a mettere altri puntini sulle ‘i’: «È una responsabilità collettiva, non solo del governo». E sulle iniziative democentriste pendenti in tema di fiscalità, la replica è ancora più netta: «Starei attento a trasformare il meccanismo delle finanze pubbliche in tecnicismi tecnocratici, non devono esserci solo formule matematiche ma un apprezzamento politico lasciato ai partiti che devono darsi delle priorità».

Un’altra notizia Vitta la dà rispondendo al granconsigliere Ppd Marco Passalia: «Sono 55 le aziende che finora hanno chiesto il lavoro ridotto in conseguenza della crisi del conflitto in Ucraina, al momento la situazione regge così come l’occupazione. Ma le cose possono cambiare rapidamente».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved