ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
7 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
7 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
14 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
14 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
17 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
17 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
17 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
17 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
18 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
laR
 
11.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 12:02

Cantonali 2023, Ps e Verdi sempre più vicini alla lista unica

Le direzioni pronte a chiedere ai propri comitati il via libera per trattare. Riget: ‘Rafforziamo il polo progressista’. Bourgoin: ’Obiettivo raddoppio’

cantonali-2023-ps-e-verdi-sempre-piu-vicini-alla-lista-unica
Ti-Press
Il fronte progressista fa passi avanti verso l’unità

Partito socialista e Verdi sono sempre più vicini a formare una lista unica in vista della corsa al Consiglio di Stato delle elezioni cantonali del 2 aprile 2023. La brace che da tempo covava ha avuto una fiammata con la decisione delle direzioni di Ps ed ecologisti di chiedere ai rispettivi comitati cantonali il mandato per sedersi a un tavolo di trattativa, un’accelerata che delinea quantomeno le intenzioni dei dirigenti dell’area rossoverde. Lo conferma a ‘laRegione’ la copresidente del Ps Laura Riget: «Come direzione del Partito socialista abbiamo la volontà di presentare questa lista progressista unitaria per il Consiglio di Stato, e intendiamo sottoporre la proposta al nostro comitato venerdì 17 giugno».

Riget: ‘Non solo per il 2023, speriamo in un’alleanza duratura’

I motivi sono chiari: «Il Ticino sta diventando sempre più polarizzato, e anche partiti storici come Plr e Ppd hanno registrato una pericolosa deriva verso destra e stanno portando avanti una politica che chiude gli occhi di fronte alle difficoltà della maggioranza della popolazione e dell’emergenza climatica», rileva Riget. Quindi «pensiamo che oggi più che mai occorra unire e rafforzare il polo progressista, che rappresenta l’unica vera alternativa alla destra, e cercare di conciliare la giustizia sociale con quella ambientale». Una lista unica, quella cui le direzioni dei due partiti sperano di approdare, che «non rappresenta una novità» perché «da anni tra socialisti ed ecologisti collaboriamo bene in tutti i livelli istituzionali, anche nei comuni. Quindi - riprende la copresidente del Ps - pensiamo che questa lista progressista sia un prossimo e ovvio passo, e non vuole essere solo un’alleanza strategica per il Consiglio di Stato nel 2023 ma l’intento è proprio quello di porre le basi per un’alleanza stabile e duratura anche per il futuro».

Rispondendo, va da sé, alle ‘richieste’ della base. «Penso che nel nostro elettorato sia molto sentita questa voglia di collaborare maggiormente tra Ps e Verdi, visto che nella stragrande maggioranza dei casi siamo allineati a livello politico», sottolinea ancora Riget. E proprio per questo «siamo fiduciosi che il comitato cantonale darà seguito alla proposta di aprire delle trattative che in un primo momento saranno tra noi e i Verdi, poi in base a come si svilupperanno ci sarà la possibilità di aprirsi alle altre formazioni della sinistra e di aprire ancora di più il discorso all’area».

Giustizia climatica, giustizia sociale... ma uno degli obiettivi che si prefissa questo discorso d’area, uno dei temi prioritari, per la copresidente socialista «è quello del mercato del lavoro, legato anche alle mancate prospettive soprattutto per i giovani. E penso che garantendo da una parte dei servizi di qualità e dall’altra puntando a posti di lavoro altamente qualificati legati anche alla transizione ecologica, possiamo proporre ricette positive per affrontare questa enorme sfida.

E con le ambizioni come la mettiamo? «In politica c’è sempre il rischio di perdere un seggio, sia correndo da soli sia uniti. Come Ps abbiamo l’obiettivo di mantenere un seggio in Consiglio di Stato, indipendentemente dalla decisione di Manuele Bertoli di ripresentarsi». Di più: «Pensiamo che presentandoci uniti ci sia la possibilità di rafforzare l’area e, a medio termine, anche a puntare un raddoppio in governo».

Bourgoin: ‘Ma vogliamo correre alla pari’

Nel medio termine? Forse prima. «Siamo dell’idea che sia necessario cercare di fare uno sforzo corale perché con l’entusiasmo condiviso potremmo riuscire a costruire un consenso tale da cambiare il governo», rilancia la co-coordinatrice dei Verdi Samantha Bourgoin che parla espressamente di raddoppio nell’esecutivo cantonale: «Puntiamo non solo a confermare una consigliera o un consigliere di Stato progressista, ma a ottenerne due. Questo ci permetterebbe di influenzare le decisioni del governo in modo che si possano trovare delle vere soluzioni ai problemi della società. A livello locale ma anche globale sentiamo la richiesta di intervenire in modo più incisivo per raggiungere gli obiettivi che ci stanno a cuore».

Per la creazione della lista unica ci sono però delle condizioni di principio poste da parte dei Verdi. «Lo abbiamo già detto in modo aperto, vogliamo per prima cosa essere trattati alla pari dal Ps. Come in una staffetta, è fondamentale avere un punto di partenza uguale, dopodiché vinca il migliore». Questo perché, sostiene Bourgoin, «come movimento e come persone ci sentiamo oggi sufficientemente maturi per prendere le buone decisioni e correre la stessa gara. Vorremmo – dice la deputata dei Verdi usando un’altra metafora – fornire acqua al mulino in termini di consenso elettorale, ma anche esserne le pale, ovvero gli strumenti di lavoro. Cosa per cui ci sentiamo assolutamente pronti».

E tornando agli obiettivi, altra condizione alla lista unica è che i cinque candidati al Consiglio di Stato siano tutti sulla stessa lunghezza d’onda. «A livello di temi riteniamo sicuramente fondamentali quelli ambientali, che però siamo convinti debbano andare a braccetto, sempre più, con quelli sociali. Perché non si può fare ecologia senza pensare anche alla versione sostenibile delle risorse umane, senza avere una società che tratti in modo dignitoso i suoi abitanti e i suoi lavoratori». Guardando a livello nazionale la collaborazione rossoverde sembra avere delle buone premesse: «Abbiamo maturato la riflessione di una lista unica proprio in seguito alle congiunzioni fatte per le federali, che ci hanno dato una visione di come l’area progressista possa aggregarsi dietro agli stessi obiettivi». Quanto all’apertura alle altre forze di sinistra, «l’intenzione è di discuterne con la nostra assemblea ordinaria. Chiederemo il mandato di poter innanzitutto trattare una lista unitaria con il Ps e poi insieme verificare anche la fattibilità di coinvolgere altre forze».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved