ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 sec

Brissago, avvicinamento al Natale

Per il “calendario dell’Avvento” un ricco programma di animazioni e incontri, dall’accensione dell’albero fino alla storica “Nodada”
Locarnese
5 min

Bottega del Mondo di Locarno, aperitivo di compleanno

Per festeggiare con la clientela i 40 anni dall’apertura il negozio promuove, sabato, un momento conviviale e sconti sugli acquisti
Luganese
16 min

Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale

La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
20 min

‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa

Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Locarnese
2 ore

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
2 ore

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
2 ore

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
4 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
6 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
6 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
15 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
15 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
15 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
15 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
15 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
16 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
16 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
16 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
16 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
16 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
laR
 
11.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 09:48

‘Con i rincari attesi, vanno lasciati soldi ai cittadini’

Domani il congresso Udc. Sergio Morisoli: meno balzelli, ecco il perché delle iniziative su tasse di circolazione e posteggi e sui valori di stima

con-i-rincari-attesi-vanno-lasciati-soldi-ai-cittadini
Il capogruppo democentrista in Gran Consiglio (foto Ti-Press)

«Dobbiamo lasciare più soldi nelle tasche dei cittadini. Soprattutto in questo periodo storico in cui sta per investirci una tempesta perfetta tra l’aumento dei costi energetici, la crisi delle materie prime, l’incremento dei prezzi al consumo, la prospettata stangata dei premi di cassa malati e altri rincari. Queste tre iniziative popolari sono un primo importante passo per contrastare l’erosione del potere d’acquisto, in particolare di quel ceto medio che non beneficia di sussidi pubblici». La ricetta dei democentristi è nota: giù imposte e tasse. Ecco allora le tre iniziative alle quali allude il capogruppo in Gran Consiglio Sergio Morisoli. Quella targata Ppd, e sostenuta dalla stessa Udc e dalla Lega, che sollecita un abbassamento dell’imposta di circolazione plafonandone il gettito a 80 milioni di franchi, ciò che si tradurrebbe in una minor entrata annua per le casse cantonali di 26 milioni (il travagliato dossier è ancora sotto la lente della commissione parlamentare della Gestione). E poi le iniziative popolari in via di definizione in seno al partito presieduto da Piero Marchesi. Quella per abolire la tassa di collegamento, meglio conosciuta come tassa sui posteggi. E quella «per rendere fiscalmente neutro il previsto aumento, imposto dal diritto federale, dei valori di stima e non mettere così ulteriormente in difficoltà i proprietari di immobili, specie i piccoli proprietari, in un momento in cui cominciano a risalire anche le ipoteche», spiega Morisoli, confermando quanto ha anticipato qualche giorno fa a ‘Detto tra noi XL’ su TeleTicino. Toccherà al Comitato cantonale democentrista – convocato per martedì 21 a Gordola – decidere il lancio delle due iniziative. Che, salvo clamorose sorprese, appare scontato. Domani intanto, a Mendrisio, si terrà il Congresso. È il primo appuntamento di peso per l’Udc ticinese dopo l’ok delle urne (era il 15 maggio) al suo dibattuto decreto, elaborato da Morisoli e Paolo Pamini, che chiede il pareggio dei conti del Cantone entro fine 2025, agendo prioritariamente sulla spesa, ossia contenendone la crescita. «E senza aumentare le imposte – tiene a puntualizzare Morisoli –. In quest’ottica rientrano le tre iniziative». Già.

Nella campagna per il voto di metà maggio il Plr era tra le forze politiche favorevoli al decreto democentrista: ebbene, anche i liberali radicali sollecitano una riduzione dell’imposta di circolazione, ma sono contrari alla proposta ‘strong’ degli iniziativisti, che comporterebbe una mancata entrata di appunto 26 milioni. Uno scenario che "oggi non è sostenibile e accettabile", ha dichiarato martedì Caprara: agli iniziativisti, ha continuato il deputato liberale radicale, occorrerebbe domandare "dove andrebbero a compensare queste mancate entrate, perché siamo in una situazione di deficit strutturale da parte dello Stato. E se diminuiamo le entrate il deficit aumenta ulteriormente: non è quello che hanno chiesto i cittadini votando il decreto". Al Comitato cantonale dell’altra sera, il presidente del partito Speziali ha parlato addirittura di "schizofrenia politica".

Morisoli, cosa replica?

Nessuna schizofrenia politica. L’Udc si è sempre battuta da un lato contro ogni inasprimento fiscale e dall’altro per una riduzione delle imposte laddove ci sono i margini per farlo, come in questo caso, e quindi senza impoverire lo Stato. Tant’è che tra i proponenti di entrambe le iniziative lanciate nel 2017 dal Ppd, denominate ‘Per un’imposta di circolazione più giusta!’ e ‘Gli automobilisti non sono bancomat!’, c’erano anche nostri esponenti. Non abbiamo quindi tradito la volontà né delle persone che hanno firmato le due iniziative né di quelle che poche settimane fa hanno approvato in votazione il decreto per il riequilibrio delle finanze. La riduzione dell’imposta di circolazione così come proposta dagli iniziativisti è secondo noi sostenibile: ricordo che anche negli ultimi anni il Cantone ha registrato fra i 40 e i 50 milioni di entrate in più rispetto a quelle preventivate. Senza poi dimenticare che il Ticino è di tutti i cantoni quello con l’imposta di circolazione più alta, ma con i salari più bassi. E allora ripeto: alla luce dei rincari che ci aspettano, è assolutamente necessario lasciare soldi al ceto medio.

Non esiste però solo il ceto medio. Contenimento della spesa e minor gettito d’imposta derivante dall’eventuale attuazione dell’iniziativa non rischiano di penalizzare le fasce più fragili della popolazione, proprio in considerazione dei tempi piuttosto difficili che ci attendono?

A livello parlamentare stiamo lavorando a una proposta per riformare lo stato sociale. Non è nostra intenzione stravolgerlo e non vogliamo certo privare di aiuti pubblici chi si trova in serie difficoltà economiche. Ma la socialità non deve occuparsi solo dei bisognosi in senso stretto. Lo stato sociale va adeguato affinché tenga conto delle nuove realtà. Non si tratta di proporre meno sussidi, si tratta di proporre sussidi maggiormente mirati.

Non è in pratica la stessa cosa?

No. Auspichiamo sussidi più mirati anche per evitare che il ceto medio si impoverisca, perdendo sempre più potere d’acquisto. Temo infatti che la tempesta perfetta cui accennavo prima non sarà di breve durata. Aggiungo che sempre a livello di Gran Consiglio è pendente una serie di nostre iniziative, redatte sia nella forma elaborata che in quella generica, per realizzare in Ticino delle condizioni quadro attrattive per imprese sane, che possono quindi creare posti di lavoro solidi. Perché vanno bene startup e nuove tecnologie, ma c’è ancora un’ampia fascia della nostra popolazione che vive di ‘old economy’, di economia tradizionale. E per condizioni quadro non mi riferisco solo all’aspetto fiscale.

Restiamo in tema tasse. Pure l’iniziativa popolare da voi ventilata per cancellare quella sui posteggi comporterebbe minori entrate/risorse per il Cantone. Una ventina di milioni di franchi in meno all’anno.

Il decreto approvato in votazione popolare a metà maggio dice anche che il pareggio di bilancio deve essere conseguito senza aumentare, ribadisco, le imposte. La tassa di collegamento rappresenta di fatto un aumento d’imposta, che va a penalizzare soprattutto chi per motivi vari deve muoversi in auto. Dopo le sentenze con cui il Tribunale federale ha bocciato i ricorsi contro questo balzello, il Gran Consiglio ha deciso, nella seduta di febbraio, di introdurlo nel 2025, per non aggravare la situazione economica, già difficile a causa dei contraccolpi della pandemia. Tuttavia altre grosse difficoltà, economiche, si profilano. Secondo l’Udc, questa tassa va abolita. Punto. Peraltro non si priverebbe il Cantone di risorse, non essendo la tassa ancora in vigore.

Nel 2016 la tassa in questione è stata avallata, seppur di misura, dai cittadini ticinesi. Per l’Udc la volontà popolare va assolutamente rispettata. Stavolta però...

Rispettare il popolo significa anche interpellarlo nuovamente per sapere se condivide un balzello che quando è stato inizialmente applicato non ha ridotto il traffico, né quello residente né, tantomeno, quello frontaliero. Un’altra cosa: l’Udc non è da adesso contraria alla tassa sui posteggi. Il lancio dell’iniziativa potrebbe pregiudicare l’alleanza elettorale con la Lega, visto che la tassa di collegamento è uno dei dossier portati in porto dal direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali? Sui temi i due partiti sono sempre stati liberi di muoversi come meglio ritenevano. E poi i vertici di via Monte Boglia capiranno che allearsi con noi è molto utile, se vogliono mantenere i due seggi in governo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved