accoglienza-profughi-ecco-a-chi-viene-riconosciuto-il-canone
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
3 min

’Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
4 min

’Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
5 min

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
34 min

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
1 ora

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
2 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
2 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
2 ore

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
2 ore

Cevio, consegnate le firme per i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
3 ore

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
3 ore

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
01.06.2022 - 18:20
Aggiornamento: 19:00

Accoglienza profughi, ecco a chi viene riconosciuto il canone

Presentati dal Cantone i requisiti e la procedura per il riconoscimento dell’affitto ai privati per gli alloggi messi a disposizione dei rifugiati ucraini

Da tempo attese, sono finalmente arrivate le indicazioni sui criteri e la procedura da seguire per il riconoscimento di un canone di locazione ai privati che hanno messo a disposizione alloggi alle persone fuggite dal conflitto in Ucraina. «Saranno prese in considerazione solo soluzioni abitative indipendenti, dunque non condivise in coabitazione, ed effettivamente occupate da parte di persone con permesso S e a beneficio di prestazioni di aiuto sociale prima del 14 aprile, data fino a cui è stata stabilita una sanatoria dal Consiglio di Stato – ha illustrato nella conferenza stampa di presentazione Ryan Pedevilla, capo della Sezione della protezione della popolazione e del militare del Dipartimento istituzioni –. Deve inoltre trattarsi di alloggi che continuano a essere occupati oltre il 1° luglio, che soddisfano i criteri di abitabilità dal punto di vista sanitario e della sicurezza, e adeguati alle esigenze delle famiglie ospitate per numero di locali e l’accessibilità».

Date queste premesse, la stipulazione del contratto avverrà tra il proprietario e il Cantone secondo la valutazione della situazione abitativa. Le proposte di affitto saranno infatti individualizzate in base a fattori oggettivi come luogo (centrale o discosto), dimensione, stato dell’immobile, numeri di persone alloggiate. La formula è quella di "all inclusive", quindi comprensiva di riscaldamento ed elettricità. La presa a carico dell’appartamento avverrà dal momento della stipulazione del contratto, che sarà retroattivo a partire dal 1° luglio. Dal canto suo, il nucleo familiare firmerà il contratto di buon uso con il Cantone.

«Spesso veniamo contattati per situazioni abitative che risultano al di sopra dei nostri canoni – evidenzia Pedevilla –. Come Cantone dobbiamo essere parsimoniosi nella ricerca così come nell’attribuzione di locali». Niente lusso insomma, ma condizioni che comunque devono essere dignitose: «Nel caso in cui riscontrassimo una situazione inadeguata secondo i nostri criteri, magari con spazi troppo piccoli o l’impossibilità di usare l’immobile durante l’inverno, prenderemo a carico il nucleo familiare e troveremo una nuova soluzione abitativa. Lo stesso se ci fosse un disaccordo insanabile con il proprietario».

La procedura da seguire

Sono cinque i passi da compiere per il riconoscimento della locazione. Innanzitutto bisogna compilare il modulo presente sul sito www.ti.ch/ucraina. Fatto ciò, verrà generato un documento da stampare, firmare e presentare alla Cancelleria del proprio Comune che ne verificherà la correttezza. Entro fine giugno le autorità cantonali prenderanno contatto col richiedente per fissare un sopralluogo di verifica dell’idoneità che avrà luogo in luglio o agosto secondo i criteri stabiliti dal Piano cantonale di accoglienza. La stima è di circa 500/600 annunci che dovrebbero arrivare per le casistiche previste dalla sanatoria del Consiglio di Stato. Altre situazioni posteriori al 14 aprile passeranno direttamente dal Punto di affluenza del dispositivo cantonale.

Prestazioni assistenziali

«Sul totale dei 2’751 profughi attribuiti finora al Ticino, sono 2’491 quelli che hanno ricevuto almeno un mese di prestazioni assistenziali. A fine maggio la somma totale ammonta a 1,6 milioni di franchi – ha messo in luce Cristina Oberholzer Casartelli, caposezione del sostegno sociale della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie del Dipartimento sanità e socialità –. Questo importo comprende al momento principalmente i costi per il sostentamento, mentre mancano ancora quelli per l’alloggio e in buona parte quelli della salute perché sono arrivate unicamente le prime fatture». Solo nei prossimi mesi sarà dunque possibile tracciare un quadro più completo nel merito. Novità dal 1° giugno, è il fatto che il rinnovo deve essere richiesto mensilmente.

Altro cambiamento riguarda la fine dell’offerta di Alliance SwissPass che garantiva la gratuità dei mezzi di trasporto pubblici ai possessori di uno statuto S. A partire da oggi l’Ufficio dei richiedenti l’asilo e dei rifugiati riconosce i costi di trasporto pubblico solo ai beneficiari di prestazioni assistenziali e su richiesta anticipata (a dss-urar.prestazioniucraina@ti.ch) secondo le disposizioni ordinarie applicate al settore dell’asilo. Ovvero per recarsi a scuola, a colloqui di lavoro e al lavoro, per frequentare misure di integrazione e per trattamenti medici prolungati. Verranno anche riconosciuti i biglietti per le persone che necessitano di spostarsi poiché risiedono in zone periferiche in cui non sono disponibili servizi essenziali (farmacie, studio medico, negozio alimentare) e a chi deve recarsi allo sportello cantonale per il rinnovo della domanda di prestazione assistenziale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved