ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
4 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
4 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
4 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
15 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
laR
 
01.06.2022 - 17:12
Aggiornamento: 19:32

Targhe, Passalia (Ppd): ‘Le critiche dell’Upsa? Pretestuose’

Il primo firmatario dell’iniziativa ‘Per un’imposta di circolazione più giusta’ risponde alla posizione dell’Unione professionale svizzera dell’automobile

targhe-passalia-ppd-le-critiche-dell-upsa-pretestuose
Ti-Press
Botta e risposta

«La nostra proposta di una tassa basata sulle emissioni di CO2 non è un autogol, ma è un gol di vantaggio per sostenere la transizione energetica. E proprio perché ha questo obiettivo, sarà una tassa di circolazione di transizione. Chi critica la nostra proposta di calcolo lo fa in maniera pretestuosa». È netta, nettissima la replica del primo firmatario dell’iniziativa popolare ‘Per un’imposta di circolazione più giusta" Marco Passalia alla presa di posizione della sezione ticinese dell’Unione professionale svizzera dell’automobile (Upsa) che, appunto, definiva un ‘autogol’ il progetto di riforma delle imposte sulle targhe proposto dal testo del Ppd. Basato, si sa, solo sulle emissioni. «La variabile CO2 è l’unica in grado di includere il concetto ‘chi più inquina, più paga’ e quindi è l’unica soluzione in grado di spingere in maniera virtuosa verso la conversione da motori a combustione a motori elettrici», spiega ancora a ‘laRegione’ Passalia.

‘La nostra proposta, l’unica che considera il concetto che chi più inquina, più paga’

Ma il deputato Ppd replica secco anche a un’altra obiezione posta dall’Upsa, quella relativa ai diversi parametri di misurazione delle emissioni, cambiati negli anni e che cambieranno ancora. E, per questo motivo, giudicati inaffidabili per il calcolo dell’imposta con una formula comune. «La critica secondo cui il parco circolante di veicoli è composto da automobili omologate secondo il vecchio ciclo (Nedc) e automobili omologate secondo l’attuale ciclo (Wltp) non vale solo per la proposta di calcolo del Ppd – sottolinea Passalia – ma vale anche per l’attuale sistema, per la proposta del governo e per la proposta del rapporto di maggioranza». In altre parole, «già oggi l’attuale sistema e tutte le altre proposte sul tavolo hanno problemi relativi alla misurazione di CO2 che rimane l’unica componente, come dicevo, in grado di considerare il concetto ‘chi più inquina, più paga’».

‘I due parametri di calcolo? Noi li consideriamo entrambi!’

In ogni caso, conclude il primo firmatario della proposta di plafonare a 80 milioni le imposte di circolazione, farle dipendere solo dalle emissioni inquinanti salvo una piccola tassa comune e renderne referendabili le eventuali modifiche, «questa critica dell’Upsa non cambia nulla della nostra proposta di calcolo. Perché proprio come si sta facendo con l’attuale calcolo si potrà per esempio usare un fattore di correzione tra sistema Nedc e sistema Wltp».

Il dibattito in Gestione è sempre più acceso

Materiale in più, insomma, per il già acceso dibattito nella commissione parlamentare della Gestione sulle targhe. Dibattito che dopo la presentazione, nella seduta di ieri, del rapporto del Plr – che chiede una diversa formula di calcolo e, come suggerito dal governo, un massimo di 96 milioni di franchi e non di 80 – vede la possibilità che la sinistra, con Ps e Verdi, presenti un terzo rapporto con il quale l’intenzione sarebbe quella di chiedere che i soldi in più non usati per il ‘conto strade’ vengano destinati al favorire il trasporto pubblico per il ceto medio sotto forma di calmierazione dei prezzi degli abbonamenti.

Proposte alle quali il presidente cantonale del Ppd Fiorenzo Dadò ha chiuso la porta, con la motivazione che essendo passati ormai cinque anni dalla presentazione delle oltre 12mila firme raccolte dagli iniziativisti sia ora di prendere una decisione, una volta per tutte. Il suo rapporto, redatto assieme al deputato leghista Daniele Caverzasio, e che aderisce in toto alle richieste dell’iniziativa popolare, in Gestione conta già 8 firme su 17 commissari. La prossima riunione commissionale, agendata per martedì 6 giugno, decreterà se andrà in Gran Consiglio (nella seduta che si inaugurerà lunedì 20 giugno) in ‘pole position’ o se Plr e Ps si incontreranno a metà del guado per trovare una posizione comune. In ogni caso è assicurato: se non passerà in aula il rapporto Dadò/Caverzasio, gli iniziativisti daranno l’ultima parola al popolo.

Leggi anche:

Imposte di circolazione, i rapporti rischiano di essere tre

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved