ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
14 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
14 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
15 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
15 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
16 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
16 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
31.05.2022 - 17:34
Aggiornamento: 18:24

Imposte di circolazione, i rapporti rischiano di essere tre

Ancora fumata nera in Gestione sull’iniziativa popolare del Ppd. Caprara illustra la proposta del Plr, ma Durisch (Ps) pensa a una terza via. E l’Upsa...

imposte-di-circolazione-i-rapporti-rischiano-di-essere-tre
Ti-Press
Colonna su colonna

Sulla modifica delle imposte di circolazione è ancora fumata nera nella Commissione parlamentare della gestione, e i rapporti che rischiano di arrivare in Gran Consiglio sono addirittura tre. Grande insomma è la confusione sotto al cielo dell’iniziativa popolare del Ppd, presentata ne 2017 forte di oltre 12mila firme, che chiede il plafonamento delle imposte sulle targhe a un massimo di 80 milioni di franchi, il fatto che siano in funzione unicamente delle emissioni di CO2 fatta salva un’imposta minima di 200 franchi e che siano di competenza del Gran Consiglio, per rendere referendabili eventuali modifiche.

I rapporti potrebbero essere tre, si diceva. Perché assieme a quello di Fiorenzo Dadò (Ppd) e Daniele Caverzasio (Lega), che aderisce all’iniziativa ed è sottoscritto da popolari democratici, leghisti e Udc, oggi il Plr con Bixio Caprara ha illustrato ufficialmente il rapporto anticipato a ‘laRegione’ dal presidente cantonale liberale radicale Alessandro Speziali sabato: massimo 96 milioni, quindi 16 più di quanto richiesto dal Ppd, e con una formula ‘più sociale’. Con l’obiettivo, parole dello stesso Speziali, di arrivare a una formula diversa per calcolare il computo totale: "Il criterio di causalità non è solo sull’ambiente, ma anche sull’usura delle strade: un’utilitaria deve pagare come un Suv?".

I socialisti: ‘Lavoriamo a una nostra soluzione’

Da sinistra potrebbe arrivare il terzo rapporto, perché se la formula proposta dal capogruppo socialista Ivo Durisch è stata ‘apprezzata’ dai liberali radicali, diverse sono le finalità. È proprio Durisch a spiegare alla ‘Regione’ come «sicuramente siamo soddisfatti che la nostra formula sia stata ripresa da Caprara, anche se stiamo aspettando le risposte del Consiglio di Stato sulla questione dell’impatto. Sicuramente così si inserisce una componente sociale e in prospettiva più ecologica». Ma gli applausi sembra che finiscano qui, dal momento che «quello che dobbiamo valutare è che se preleviamo di più dal ‘conto strade’ siano soldi che possano essere indirizzati verso il trasporto pubblico. Verso – spiega ancora Durisch – una calmierazione del prezzo degli abbonamenti per il ceto medio». Sul tema «c’è unità di azione con i Verdi, stiamo lavorando intensamente per riuscire ad arrivare a una proposta che utilizzi i soldi in maniera mirata e davvero efficace». Nel caso in cui questa strada diventasse troppo ripida, la porta verso il Plr è chiusa o socchiusa? «Vedremo, dipende se troveremo un modo di dedicare parte di questi soldi alla promozione del trasporto pubblico per il ceto medio… è presto per dirlo». Chi sbarra la porta è il presidente del Ppd (e della Gestione) Fiorenzo Dadò: «L’iniziativa è stata depositata cinque anni fa, noi siamo pronti ad andare in Gran Consiglio e, nel caso, davanti al popolo».

L’Upsa: ‘Basarsi solo sul CO2? Un palese autogol’

Ciò detto, e ciliegina sulla torta di una giornata tutto tranne che interlocutoria, scende in campo anche la sezione ticinese dell’Unione professionale svizzera dell’automobile. Lo fa scrivendo una lettera alla Gestione ed entrando a gamba tesa sull’iniziativa popolare del Ppd: "La soluzione del CO2 quale base per il calcolo della tassa di circolazione sarebbe un palese autogol". Il motivo? "Il valore di CO2 non è un valore caratteristico di un’automobile ma è il risultato di una misurazione eseguita secondo parametri definiti. Se cambiano i parametri cambiano anche i risultati. Questo vuol dire che per la stessa automobile possiamo avere più valori di CO2 a seconda dei parametri di misurazione". Parametri che "sono cambiati negli anni" e cambieranno ancora. Alla Gestione viene dimostrato, attraverso l’esempio di una utilitaria e di una macchina sportiva, come il cambio di parametro porti differenze non di poco conto a livello di valore di emissioni: "Motivo per cui la CO2 non può essere presa in considerazione per il calcolo dell’imposta di circolazione con una formula comune".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved