offerta-straordinaria-di-corsi-per-bambini-non-italofoni
Ti-Press
Profughi ucraini
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello

Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
Luganese
5 ore

5 luglio, ore 21: Lugano ‘libera’ dalla zona rossa

Archiviata la Ukraine Reform Conference 2022, viabilità cittadina ripristinata così come trasporto pubblico e posteggi
Luganese
7 ore

Ripartono a Lugano i corsi di italiano per stranieri

A partire da settembre, l’Associazione Il Centro organizza moduli di 60 ore fino a dicembre
Luganese
8 ore

A Gandria metti una sera tra lago, canti e balli

Musica reggae venerdì 8 luglio alla Bottega. Ospite l’artista brasiliano, Dom Lampa. Musica latina e reggae
Ticino
8 ore

Valuta transfrontaliera, intercettati oltre 23 milioni di euro

Il bilancio della Guardia di finanza di Como sull’attività svolta lo scorso anno
Ticino
8 ore

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti
Ticino
9 ore

Peter Burkard presidente dell’Ordine dei farmacisti ticinesi

Prende il posto di Mario Tanzi, che lascia dopo 32 anni di mandato e la nomina a presidente onorario
Bellinzonese
9 ore

‘Lumino si doti di un fondo di incentivi al risparmio idrico’

Con un’interrogazione Marianna Cavalli chiede di prevedere contributi per interventi tecnici al fine di ridurre il consumo giornaliero di acqua potabile
Ticino
9 ore

Impianti di risalita turistici, giugno positivo

L’Utpt: ‘Si assiste a un ritorno della clientela estera’
Grigioni
9 ore

Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli

Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’
20.05.2022 - 18:27

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)

Negli ultimi mesi sono giunti in Ticino più di ottocento bambini e giovani in età scolastica provenienti dall’Ucraina devastata dalla guerra, oltre ad altri bambini non italofoni provenienti da altri luoghi. Considerato l’elevato numero di giovani non italofoni e la probabile permanenza di diversi di loro anche durante l’anno scolastico 2022/2023, il Dipartimento educazione, cultura e sport ha messo a punto, in collaborazione con la Fondazione Lingue e sport, un’offerta straordinaria di corsi intensivi base di italiano, distribuiti in tutte le regioni del cantone e in programma per i mesi di luglio e agosto. Duplice, spiega il Decs, l’obiettivo dell’iniziativa: "Da un lato si vuole promuovere una rapida ed efficace integrazione linguistica e sociale dei bambini e dei giovani non italofoni presenti sul territorio, dall’altro si vuole facilitare il lavoro ordinario di integrazione che le scuole continueranno a garantire durante il prossimo anno scolastico".

I corsi dedicati agli allievi non italofoni, in età di scuola elementare e scuola media, sono facoltativi, ricorda il Dipartimento. Saranno tenuti da alcuni degli oltre duecento docenti professionisti delle scuole ticinesi. I corsi hanno una durata di una o due settimane e prevedono al mattino lezioni di italiano affiancate in alcuni casi da attività sportive, culturali e ricreative pomeridiane svolte con altri bambini e ragazzi già iscritti ai corsi organizzati da Lingue e sport. La partecipazione ai corsi per bambini e giovani non italofoni a beneficio di prestazioni sociali (ad esempio, per giovani in possesso di un permesso S, attribuiti al Canton Ticino al momento dell’inizio del corso e a beneficio di prestazioni sociali) è gratuita e sarà presa a carico dal Cantone facendo capo anche ai contributi federali destinati all’integrazione degli stranieri. Per gli altri iscritti, indica ancora il Decs, il costo è a carico dei singoli partecipanti. Maggiori informazioni e iscrizioni sulla pagina: www.linguesport.ch/extra. Il termine di iscrizione per i corsi di luglio scade il prossimo 8 giugno, quello per i corsi di agosto il 15 giugno. La conferma dell’iscrizione, la convocazione e le informazioni organizzative, spiega ancora il Dipartimento, "verranno inviate tramite e-mail dopo i termini di iscrizione. In caso di mancata partecipazione ai corsi per i quali ci si è iscritti, gli organizzatori si riservano di fatturare dei costi amministrativi per la rinuncia".

Per ulteriori informazioni: corsiextra@linguesport.ch oppure +41 79 630 21 51 tra le 9 e le 12 (risponderà una persona che parla anche ucraino e russo).

Il Decs ricorda inoltre che per gli allievi tra i 15 e i 18 anni residenti in Ticino provenienti dall’Ucraina che frequentavano una formazione postobbligatoria (liceo o formazione professionale), prosegue anche durante l’estate il progetto Q-UA (Qualification for Ucraina), gestito dall’Istituto della transizione e sostegno (Its). Questo progetto comprende l’insegnamento intensivo della lingua italiana, la presentazione del territorio e del sistema scolastico svizzeri ed è mirato all’accompagnamento nell’inserimento in una formazione postobbligatoria in Ticino o in una misura di sostegno alla transizione a partire dall’anno scolastico 2022/2023. Giovani in età di scuola postobbligatoria che ancora non fossero iscritti sono invitati dal Decs ad annunciarsi telefonicamente al numero verde 0800 095 095 oppure via e-mail a decs-qua@ti.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bambini scuola scuola elementare scuola media ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved