ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona

Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Luganese
1 ora

Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà

Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Locarno
8 ore

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
11 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
11 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
11 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
12 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
12 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
13.05.2022 - 11:27
Aggiornamento: 14:04

Amnesty: Dick Marty va protetto con maggiore sforzo

Amnesty chiede di utilizzare tutti i mezzi diplomatici e giuridici possibili per far cessare la minaccia. In corso scambio di informazioni Berna-Belgrado

amnesty-dick-marty-va-protetto-con-maggiore-sforzo
Ti-Press

I membri di Amnesty Svizzera hanno votato tre risoluzioni nel corso della loro assemblea generale. Chiedono un ampliamento dello statuto di protezione S, l’utilizzo del modello del consenso esplicito nel diritto penale sessuale e maggiori sforzi per la protezione di Dick Marty.

L’ex consigliere agli Stati ticinese vive da quasi 18 mesi sotto scorta della polizia. Quale relatore del Consiglio d’Europa nel 2010 ha pubblicato un rapporto su presunti crimini di guerra delle milizie kosovare nella guerra d’indipendenza contro la Serbia. Il documento è servito da base per l’accusa nel 2020 al Tribunale speciale dell’Aia nei confronti di Hashim Thaci, allora presidente del Kosovo.

Secondo Marty, le minacce alla sua persona arrivano da persone vicine ai servizi segreti serbi, una tesi respinta seccamente dall’Ambasciata serba in Svizzera.

Amnesty, nel corso dell’assemblea tenutasi ieri in forma virtuale, ha chiesto di utilizzare tutti i mezzi diplomatici e giuridici possibili per far cessare la minaccia. Fino ad ora, il Ministero pubblico della Confederazione non ha fatto richiesta di assistenza giudiziaria alle autorità serbe. Nemmeno rilevanti passi diplomatici sono stati effettuati, scrive Amnesty in una nota.

Contattato dall’agenzia Keystone-ATS, l’MPC ha dichiarato che le competenti autorità svizzere a diversi livelli sono in contatto con i responsabili serbi. In particolare l’Ufficio federale di polizia (fedpol) ha organizzato uno scambio di informazioni – definito professionale e costruttivo – con le autorità di polizia del Paese balcanico.

Statuto S più ampio

Le generose condizioni scelte per accogliere i profughi di guerra ucraini devono essere mantenute, hanno poi sostenuto i membri di Amnesty. Lo statuto S dovrebbe anche essere ampliato ad altre persone che cercano rifugio in Svizzera, come gli oppositori russi e bielorussi, o attivisti per i diritti umani.

Amnesty Svizzera si è poi schierata nettamente per il concetto del consenso esplicito nelle norme che regolano il diritto penale sessuale. La soluzione "solo sì vuol dire sì" è la migliore per proteggere le vittime di violenze sessuali e si allinea con le disposizioni delle norme internazionali per i diritti umani, come la Convenzione di Istanbul.

Dalla bozza di legge emersa dalla Commissione degli affari giuridici degli Stati, si è però optato piuttosto per il concetto di "No vuol dire no". In questo modo, si è persa un’occasione per migliorare la protezione della sfera sessuale, sostiene l’organizzazione umanitaria.

Leggi anche:

Minacciato di morte, Dick Marty sotto stretta protezione

La Serbia nega di aver minacciato Dick Marty

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved