ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
11 min

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
18 min

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
40 min

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
59 min

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
1 ora

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
1 ora

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
1 ora

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
2 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
2 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
2 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
10.05.2022 - 18:29

Piano per salvare il settore elettrico: non sia discriminatorio

È la messa in guardia del Consiglio di Stato nel rispondere alla consultazione federale. No anche alle restrizioni delle competenze cantonali

piano-per-salvare-il-settore-elettrico-non-sia-discriminatorio
Ti-Press

Serve una soluzione "equa, non discriminatoria, volontaria e senza causare restrizioni delle competenze cantonali". È questa, in sintesi, la posizione assunta dal Consiglio di Stato ticinese nella Consultazione abbreviata sulla legge federale concernente un Piano di salvataggio per il settore dell’energia elettrica. Il governo cantonale, si legge nella risposta datata 4 maggio, condivide l’obiettivo di fondo del Piano di salvataggio che pone le premesse affinché la Confederazione possa intervenire rapidamente per assicurare l’approvvigionamento di energia elettrica della Svizzera, "anche in caso di sviluppi straordinari del mercato, in particolare sostenendo le imprese del settore dell’energia elettrica che non fossero in grado di fronteggiare autonomamente tali situazioni". Ritiene infatti prioritaria l’esigenza di evitare un’interruzione di corrente su vasta scala che arrecherebbe "danni enormi alle persone, al patrimonio e all’efficienza economica". Tuttavia invita ad adottare misure ponderate per assicurare questo obiettivo, così da rispondere "correttamente ed efficacemente alle reali esigenze di tutti gli enti coinvolti".

‘Che sia aperto a tutte le imprese del settore’

Richiamando e ribadendo quanto già evidenziato nella propria lettera trasmessa al Consiglio federale lo scorso 23 marzo, in particolare l’esecutivo ticinese giudica che il Piano di salvataggio debba essere "aperto a tutte le imprese del settore dell’energia elettrica, indipendentemente dalla loro forma giuridica", fermo restando il principio di sussidiarietà. Questo perché, a suo dire, una limitazione configurerebbe "una violazione del principio della parità di trattamento sancito dalla Costituzione federale" e rischierebbe anche di provocare distorsioni della concorrenza "con possibili gravi conseguenze". Altro aspetto che il governo cantonale contesta è quello di lasciare tutte le incombenze per le aziende di diritto pubblico "sulle spalle dei singoli Cantoni" in quanto "eventuali futuri problemi di liquidità o di garanzie potranno presentarsi per qualsiasi attore importante del sistema di approvvigionamento elettrico, indipendentemente dalla natura del soggetto giuridico". Motivo aggiuntivo che porta a insistere sul fatto che una limitazione alle aziende di diritto privato sarebbe "arbitraria e iniqua".

‘Non si mettano in dubbio le riversioni’

Sempre rifacendosi al principio di parità di trattamento, il Consiglio di Stato ritiene altresì non corretto imporre ai Cantoni di "far fronte autonomamente alle eventuali esigenze delle proprie aziende attive nel settore dell’energia elettrica e in aggiunta chiedere loro di rimborsare il 50% delle perdite sui mutui della Confederazione ad aziende private". Scrive inoltre che occorre "assolutamente evitare di creare disposizioni che ingeriscano nei rapporti fra i Cantoni concedenti e le aziende idroelettriche concessionarie di diritti per lo sfruttamento delle forze idriche". Si tratta, ricorda il governo, di rapporti retti da concessioni di lungo termine e che non possono essere influenzati da situazioni contingenti, per quanto urgenti e gravose. A questo proposito, nelle proprie osservazioni generali, il Consiglio di Stato osserva anche come sia insostenibile "che decisioni già prese o future in materia di riversione degli impianti idroelettrici al termine delle concessioni in essere possano essere messe in dubbio dall’assunzione di mutui nei confronti della Confederazione da parte delle società concessionarie". L’intervento della Confederazione "non può avvenire a discapito dei legittimi interessi dei Cantoni che da anni sono in attesa di potersi riappropriare delle proprie acque", sottolinea. Analogamente "non possono essere inserite disposizioni che ingeriscano sulle tasse comunali e cantonali dovute dai concessionari quale controprestazione per l’utilizzo delle acque". Infine, in quanto le condizioni poste dal Piano "non sono certamente attrattive, ma al contrario gravose di conseguenze per le aziende elettriche che vi volessero fare capo", secondo il governo ticinese un intervento della Confederazione dovrebbe poter aver luogo "solo su richiesta della singola impresa".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved