ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Condannato per aver truffato tre anziane del Luganese

Pena parzialmente sospesa per un 27enne reo confesso. Tra i nove tentativi di ‘falso nipote’ messi in atto nel settembre 2022, sei sono stati sventati
Mendrisiotto
2 ore

Torna il Carnevale di Pedrinate

L’appuntamento è per il prossimo weekend nel salone comunale del paese
Locarnese
3 ore

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
3 ore

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
4 ore

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
5 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
5 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
8 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
8 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
8 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
19.04.2022 - 19:51

‘Senza indizi di soggiorno fittizio nessun inutile controllo’

Il governo risponde all’interrogazione presentata da Matteo Pronzini ‘Caso Lgi: perché i controlli funzionano in Italia e in Ticino no?’

senza-indizi-di-soggiorno-fittizio-nessun-inutile-controllo
Ti-Press

"Per quanto riguarda i controlli dell’Ufficio della migrazione (Um) per le aziende che hanno lo scopo di aggirare le disposizioni legali in materia di lavoratori distaccati, in particolare nel settore dell’edilizia e dell’artigianato, lo stesso può avvalersi del supporto dell’Ufficio dell’ispettorato del lavoro. Per questa fattispecie da settembre 2015 a marzo 2022 sono state controllate 687 imprese, con una media annua di circa 85 aziende controllate". È la risposta del Consiglio di Stato alla domanda "Chi opera controlli sulle presunte ‘ditte false’ in Ticino e quanti sono in media ogni anno?" contenuta nell’interrogazione ‘Caso Lgi: perché i controlli funzionano in Italia e in Ticino no?’ a firma del deputato Mps Matteo Pronzini. Risposta che, come le altre "alle domande precise sulle modalità messe in atto dall’Ufficio della migrazione", viene data in termini generici in quanto "per questioni di segreto d’ufficio e di protezione dati, non è possibile fornire una risposta puntuale ai quesiti posti", scrive il governo.

Alla base dell’atto parlamentare c’è il caso della società Luxury Goods International (Lgi), riconosciuta colpevole in Italia di evasione fiscale, a cui sono riconducibili dei manager che dal 2010 al 2017 avevano residenze fittizie in Ticino e falsamente risultavano lavorare nel cantone. "Se davvero nessuno ha chiuso un occhio (anzi due) per garantire la permanenza di persone straniere unicamente sulla base di vantaggi economico/fiscali, non si capisce come sia stato possibile per la Lgs/Lgi trasferire in Ticino decine di persone e far loro ottenere (e rinnovare) permessi per ben dieci anni senza che nessuno si accorgesse di niente", valutava Pronzini, che rincarava: "O i controlli non sono mai stati operati oppure – ancora più inquietante – dai controlli emerge che tutto era in regola, quando in realtà non lo era. In entrambi i casi ci pare doveroso che venga fatta chiarezza".

‘Verifiche ogni volta che si viene a conoscenza di una possibile situazione abusiva’

Per prima cosa, chiedeva dunque il granconsigliere, la pratica dei controlli è cambiata dal 2010 a oggi? No, risponde il governo, "la prassi in materia di controlli non ha subito modifiche. Di principio, una volta pervenuta la segnalazione all’Autorità cantonale (Um), vengono svolti degli accertamenti su un periodo di sei mesi che si concludono con la verbalizzazione dell’interessato e previo il consenso dello stesso, con il sopralluogo". Alla domanda su quali basi scattano i controlli approfonditi, il Consiglio di Stato spiega che "l’Um, oltre a ricevere segnalazioni da altri Uffici dell’Amministrazione cantonale, tratta anche segnalazioni inoltrate da Comuni (i quali sono in posizione privilegiata per procedere ad adeguati controlli di prossimità sul territorio) e da terzi". A tal proposito, precisa il governo, "ogni qualvolta l’Um viene a conoscenza di una possibile situazione abusiva, si attiva con i controlli necessari". Tuttavia, aggiunge, "laddove non vi sono indizi di soggiorno fittizio, sarebbe uno spreco di risorse, sia finanziarie che in termini di personale impiegato, procedere a inutili controlli". Dal 2015 al 2021, segnala il governo, l’Um ha "revocato, rispettivamente negato o non rinnovato il permesso a cittadini stranieri esercitanti un’attività lucrativa per complessive 179 ditte". È questa la prassi che l’Ufficio adotta in presenza di ditte fittizie. L’imposizione di sanzioni in tale contesto non è però di sua competenza, annota l’esecutivo.

Intanto sui tavoli della Commissione gestione e finanze è ancora in esame la richiesta del Partito socialista di "attivare l’alta vigilanza sul Consiglio di Stato" per capire se vi siano stati abusi nei controlli e nelle pratiche di concessione dei permessi di soggiorno in Ticino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved