aziende-elettriche-un-paracadute-finanziario-di-ultima-istanza
Keystone
Il piano interesserebbe le grandi imprese come Alpiq e Axpo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
22 min

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
1 ora

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
1 ora

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
1 ora

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
2 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
2 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
2 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
2 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
3 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
3 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
3 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
4 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
4 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
14.04.2022 - 20:25
di Elia Salsano

Aziende elettriche, un paracadute finanziario di ultima istanza

La Confederazione è pronta a iniettare liquidità nelle imprese che dovessero trovarsi in difficoltà. Aiuti fino a dieci miliardi di franchi.

L’incremento dei prezzi sui mercati all’ingrosso dell’energia, registrato da un anno a questa parte, ha fortemente aumentato il fabbisogno di liquidità delle aziende che vi operano. Questo potrebbe metterle in difficoltà. Da qui la decisione del Consiglio federale di valutare un piano di salvataggio per le aziende elettriche svizzere che - stando alla consigliera federale Simonetta Sommaruga - «potranno richiedere aiuto in caso di estrema necessità».

La carenza di liquidità potrebbe impedire di acquistare energia a queste aziende sui mercati internazionali e di conseguenza, non soddisfare la domanda in crescita di aziende ed economie domestiche. L’anno scorso i consumi svizzeri sono aumentati del 4,3% rispetto al 2020. Il timore del Consiglio federale è che si interrompano i meccanismi di mercato che, al momento, garantiscono l’approvvigionamento energetico in Europa. Uno scenario ritenuto improbabile, ma il Consiglio federale intende prendere tutte le precauzioni del caso.

Il piano di salvataggio posa sul concetto di sussidiarietà e presuppone che siano le aziende in primis ad attivarsi per aumentare la propria liquidità. Soltanto in caso di necessità, i comuni, i cantoni e, in ultima istanza la Confederazione, potranno intervenire. Sommaruga valuta l’intervento eventuale tra i cinque e i dieci miliardi di franchi.

Al momento, non è ancora del tutto chiaro quali aziende avranno la necessità di beneficiare dei contributi pubblici. Saranno probabilmente imprese d’importanza strategica, la cui produzione propria non potrebbe venire sostituita da un giorno all’altro: i grandi produttori che commerciano anche all’ingrosso, come Alpiq e Axpo, ma anche BKW e Repower. «La Aet al momento non necessita dell’aiuto della Confederazione», precisa subito il presidente del Consiglio d’amministrazione dell’Azienda elettrica ticinese (Aet), Giovanni Leonardi.

L’obbiettivo del Consiglio federale è di evitare che gli aiuti finanziari diventi oggetto di speculazioni. I grandi produttori saranno sottoposti a rigide regole che ridurranno l’attrattività degli aiuti. Tra queste, ad esempio, figurano "le prescrizioni sulla trasparenza, i tassi di interesse conformi al mercato, il divieto di distribuzione dei dividendi e le garanzie sotto forma di pegni sulle azioni", si legge nel comunicato del Consiglio federale. In merito alle questioni di trasparenza, non è ancora chiaro quali informazioni dovranno essere trasmesse alla Commisione federale dell’energia (Elcom), che si occupa delle relazioni con i beneficiari. A proposito, Giovanni Leonardi dice: «Probabilmente le prescrizioni sulla trasparenza riguarderanno gli accordi e/o contratti conclusi» e «permetteranno di avere una panoramica sulle garanzie concesse e quindi di evitare falsi incentivi».

Malgrado il Consiglio federale si preoccupi, la situazione non è così nera come sembra. Sabine D’Amelio-Favez, direttrice dell’Amministrazione federale delle finanze, rassicura: «Le aziende elettriche svizzere sono sane. Hanno liquidità a sufficienza e si sono già adattate alla situazione eccezionale come l’aumento dei prezzi sui mercati. Soltanto nella peggiore delle ipotesi avrebbero bisogno dell’intervento della Confederazione». Tuttavia, continua la D’Amelio-Favez, «gli aiuti sarebbe da utilizzare nel caso di una congettura sistemica del mercato dell’energia. In questo scenario, sarebbero molte le aziende da sostenere e i miliardi da investire».

Dal canto suo, Benoît Revaz, direttore dell’Ufficio federale dell’energia sottolinea: «Lo scenario sul quale stiamo lavorando è quello dell’esplosione dei prezzi e dell’interruzione dei meccanismi di mercato; è questo per noi "lo scenario peggiore" che porta a dei bisogni di liquidità eccezionali».

Consumi a livelli prepandemici

Nel 2021 il consumo di elettricità in Svizzera è stato superiore del 4,3% rispetto all’anno precedente. La produzione nazionale è stata di 60,1 miliardi di chilowattora (kWh). L’eccedenza fisica delle esportazioni di energia elettrica si è attestata a 2,4 miliardi di kWh. Lo indica l’Ufficio federale dell’energia (Ufe).

Il consumo nazionale è stato di 62,5 miliardi di kWh. Dedotte le perdite legate alla trasmissione e alla distribuzione, pari a 4,4 miliardi di kWh, il consumo è stato di 58,1 miliardi di kWh.


Le variazioni rispetto al 2020 sono state pari a +3,2% nel primo trimestre, a +9,0% nel secondo trimestre (periodo durante il quale la Svizzera era per buona parte in semiconfinamento a seguito della pandemia), a +2,1% nel terzo trimestre e a +3,4% nel quarto trimestre.


Oltre agli "effetti compensatori" dovuti alla pandemia, all’aumento del consumo nel secondo trimestre del 2021 hanno contribuito l’andamento economico generale, le condizioni meteorologiche e l’evoluzione demografica. L’aumento dell’efficienza ha invece permesso un contenimento dei consumi.


La produzione elettrica locale è scesa dell’8,2% a 60,1 miliardi di kWh. Gli impianti idroelettrici hanno generato il 2,7% in meno di corrente. La produzione delle quattro centrali nucleari è scesa del 19,4%, soprattutto a seguito della revisione della centrale nucleare di Leibstadt (Argovia), durata più mesi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti aziende elettriche consiglio federale liquidità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved