chi-parla-di-tagli-racconta-frottole
Ti-Press
Tra un mese il verdetto delle urne
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
4 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
4 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
5 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
6 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
7 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
8 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
8 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
9 ore

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
9 ore

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
10 ore

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
12 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
14.04.2022 - 18:37
Aggiornamento: 20:45

‘Chi parla di tagli racconta frottole’

Votazione popolare del 15 maggio, il Comitato a sostegno del decreto Morisoli: si tratta di moderare la crescita della spesa e di spendere meglio

«Non si vuole danneggiare nessuno, tantomeno si vuole causare disagio sociale. Non ci saranno tagli. Perché non ce ne sarà bisogno. Basta moderare la crescita della spesa e spendere meglio». Il Leitmotiv non cambia. A ribadire il senso del decreto, di cui è artefice, è il capogruppo dell’Udc in Gran Consiglio Sergio Morisoli. Quel decreto, approvato lo scorso ottobre dalla maggioranza (Plr, Lega e democentristi) del parlamento, che chiede il pareggio di bilancio dei conti del Cantone entro la fine del 2025, agendo sulla spesa pubblica. "Prioritariamente" sulla spesa (avverbio introdotto da un emendamento proposto dai liberali radicali). Decreto impugnato con successo dal sindacato Vpod con il lancio di un referendum appoggiato dalla sinistra e da diverse associazioni. La parola quindi ai cittadini e alle cittadine ticinesi: si pronunceranno il 15 maggio.

‘Soluzione ragionevole e indolore’

Questo pomeriggio è stato il turno del Comitato a sostegno dell’oggetto in votazione tra un mese. «Oltre Gottardo lo definirebbero il fronte dei borghesi, io lo definisco il fronte dei responsabili», evidenzia Piero Marchesi. Un Comitato di «persone responsabili, poiché la situazione delle finanze pubbliche è piuttosto complicata». Da qui, continua il presidente dell’Udc cantonale e consigliere nazionale, «l’urgenza e la necessità di trovare una soluzione ragionevole e indolore per conseguire quell’equilibrio finanziario di cui si discute da tempo ma che ancora non è stato raggiunto. Chi afferma che con questo decreto ci saranno tagli racconta frottole. Si tratta di rallentare l’aumento, oggi veloce, della spesa. Ed è un atto di responsabilità, per evitare che la conseguente crescita del debito pubblico vada a gravare sulle future generazioni». Sarebbe «non etico azzoppare la progettualità di questo cantone, poiché danneggerebbe in particolare chi verrà dopo di noi», rilancia Alessandro Speziali, alla testa del Plr e granconsigliere.

‘L’alternativa? L’aumento delle imposte, che colpirebbe ceto medio e aziende’

Marchesi non ha dubbi: «Se non si contiene l’incremento della spesa pubblica, l’alternativa è quella prospettata dalla sinistra: l’aumento delle imposte». Uno scenario assolutamente indigesto ai fautori del sì al decreto. «I problemi delle finanze pubbliche – rileva la capogruppo dei liberali radicali in parlamento Alessandra Gianella – non si risolvono aumentando la pressione fiscale, a maggior ragione in un periodo difficile come questo», segnato, a causa anche della guerra in Ucraina, da rincari e crisi delle materie prime. Senza dimenticare, le fa eco Speziali, che il Ticino «è oggi fra gli ultimi Cantoni quanto a concorrenzialità fiscale». Un eventuale aumento delle imposte «andrebbe a pesare sul ceto medio e sulle piccole e medie imprese», avverte il popolare democratico Fabio Battaglioni (nei banchi parlamentari del Ppd lui e Paolo Caroni sono stati gli unici a votare a favore del ‘decreto Morisoli’). «Negli ultimi dieci anni – prosegue Battaglioni – la spesa è aumentata di poco meno di un miliardo. Il decreto traccia una via, del tutto percorribile, per il riequilibrio delle finanze del Cantone. Fissa un termine temporale, indica le voci per le quali la spesa non potrà essere incrementata (personale cantonale, beni e servizi ndr), esclude il riversamento di oneri sui Comuni e soprattutto non permette l’aumento della pressione fiscale». Se accettato in votazione popolare, «comporterà un’assunzione di responsabilità da parte del Consiglio di Stato e del Gran Consiglio» ai fini di «un serio esercizio di contenimento della spesa».

‘Un principio che i cittadini capiscono’

Una spesa «oggi fuori controllo», insiste Morisoli: «Per esempio il costo del personale è mediamente superiore al totale delle imposte delle persone fisiche». Per il democentrista «è ora che si parli anche di sostenibilità finanziaria». Assicura Gianella: «Nel limitare la crescita della spesa non si andrà a incidere sui sussidi per le persone che ne hanno bisogno, per i meno abbienti e ciò è nero su bianco». Il decreto, sottolinea Speziali, «mira ad avere finanze pubbliche sane». Per Paolo Caroni, «occorre affrontare la spesa pubblica anche con spirito critico, chiedendosi fra l’altro se sia possibile ottimizzare l’apparato statale senza aumentare la spesa». Un sì delle urne «darà una certa legittimazione a governo e parlamento di fare al limite anche delle scelte impopolari, scelte che però verranno fatte con senso di responsabilità, per il riequilibrio delle finanze». Dice il capogruppo della Lega Boris Bignasca in vista della votazione popolare del 15 maggio: «Si tratta di spendere quello che si ha in tasca e di spendere meglio. Penso che i cittadini capiscano questo principio».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
decreto morisoli votazione popolare
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved