livelli-era-urgente-promuovere-un-iniziativa-popolare
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
4 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
11 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
11 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
11 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
18 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
18 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
22 ore

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
23 ore

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
23 ore

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
23 ore

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
23 ore

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
23 ore

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
23 ore

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
1 gior

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Locarnese
1 gior

Festa patronale a Brione Verzasca

Messa, aperitivo e incanto dei doni nel programma mattutino; nel pomeriggio vi sarà la lode vespertina
Mendrisiotto
1 gior

Vacallo, un’altra benna per smaltire carta e cartoni

Sarà introdotta da martedì 16 agosto nella piazza rifiuti di Vacallo Alta-via San Martino
Ticino
1 gior

Torneo di calcio dei parlamenti cantonali, è tutto pronto

Quest’anno sarà il Ticino a organizzarlo, il presidente del Comitato Edo Bobbià spiega l’aspetto sociale: ‘Coinvolta la Fondazione Diamante, li ringrazio’
29.03.2022 - 22:53
Aggiornamento: 30.03.2022 - 00:33

Livelli, ‘era urgente promuovere un’iniziativa popolare’

Il Comitato cantonale socialista appoggia all’unanimità il testo della Vpod per il superamento dei corsi A e B che verrà lanciato venerdì

«Immobilismo o controriforma non li possiamo accettare. Sono due scenari che si prospettano se non facciamo nulla». È con queste parole che il copresidente del Ps Fabrizio Sirica ha invitato il parlamentino socialista a formalizzare il sostegno all’iniziativa popolare "Basta livelli nelle scuole medie". Proposta accolta all’unanimità. A due mesi dalla lunga ed estenuante discussione notturna andata in scena a Palazzo delle Orsoline e finita con l’affossamento della sperimentazione per il superamento dei livelli nelle scuole medie proposta dal Dipartimento educazione cultura e sport (Decs), il Partito socialista è tornato sul tema dedicandovi una riunione speciale del proprio Comitato cantonale. Al centro dell’attenzione, l’iniziativa popolare promossa dal sindacato Vpod e sostenuta dal Ps e da altre sigle della sinistra – ForumAlternativo, Gioventù socialista, Partito comunista, Giso, Sisa, Più Donne – per la quale il 1° aprile partirà la raccolta firme.

I contenuti dell’iniziativa

L’iniziativa popolare mira a "creare più giustizia sociale e culturale nella scuola dell’obbligo ticinese, abolendo la separazione precoce degli allievi in terza e quarta media nelle lezioni di tedesco e matematica". Con l’obiettivo di andare all’essenziale, sono stati tolti i riferimenti ai laboratori. Nocciolo centrale è l’insegnamento fatto tramite "gruppi eterogenei di allievi", formati da studenti con capacità differenti. Sarà poi il Consiglio di Stato a definire le forme didattiche insieme al mondo della scuola. La messa in pratica avverrà in maniera graduale, tramite sedi pilota, per poi essere estesa a tutte e 36. In questo periodo il Consiglio di Stato creerà un gruppo d’accompagnamento rappresentativo degli organi scolastici. «Il nostro obiettivo – ha detto Sirica – è raccogliere 3’000 firme (in totale ne servono 7’000, ndr) da consegnare a metà giugno, con la fine delle scuole. Sarebbe un segnale importante».

Tornando a quanto avvenuto in Gran Consiglio, per il copresidente Ps la sperimentazione presentata dal Decs «era una proposta sensata e basata sull’esperienza empirica e che seguiva la logica dei piccoli passi. Una proposta che però è stata combattuta aspramente da una parte del parlamento per meri calcoli politici. Si è assistito a una politichetta dell’attaccare sul personale senza entrare nel merito dei contenuti della proposta per affibbiare una sconfitta politica all’avversario». Strategie politiche che secondo Sirica «hanno annullato una proposta di merito. In questo scontro sono stati gli allievi e i docenti a venire presi in ostaggio». Per questo motivo la direzione ha reputato «urgente e imprescindibile promuovere un’iniziativa popolare. Non fare nulla significherebbe buttare via altri decenni e lasciare che il futuro di migliaia di giovani sia condizionato da un criterio regressivo come i livelli A e B».

Bertoli: l’importante è togliere di mezzo i livelli

Nel suo intervento il direttore del Decs Manuele Bertoli ha sostenuto che «per il nostro partito quello medio è un segmento della scuola che rimane principale. Si tratta del cuore della scuola essendo quello dove tutti i ragazzi si ritrovano obbligatoriamente nella dinamica di gruppo». In questi anni, ha continuato Bertoli, «il mio dipartimento si è mosso in maniera precisa per migliorare le condizioni quadro di apprendimento e insegnamento della scuola che la politica può mettere a disposizione di docenti e allievi. Si tratta di aspetti centrali, che delineano il contesto dentro cui si determinano le probabilità di riuscita». Dopo la bocciatura in votazione popolare della "Scuola che verrà", ha detto il direttore del Decs ripercorrendo i passi successivi, «si è andati avanti con altri ragionamenti, come chiesto da più parti. Abbiamo preso la questione in mano con un messaggio più modesto: si è ridotto il numero medio di allievi, sono stati introdotti laboratori. Restava uno dei nodi da sciogliere: la questione del superamento dei livelli». A seguito della bocciatura, «credo che il tema rimanga importante, la separazione in livelli resta l’ultimo baluardo della segregazione degli allievi decisa dalla scuola. Una divisione di fatto socioeconomica. Cosa metterci al loro posto lo si può discutere, ma l’importante è togliere di mezzo i livelli. È una questione di giustizia, di opportunità e di libertà».

Il dibattito

Durante la serata è stato organizzato un dibattito con ospiti il presidente del Plr Alessandro Speziali e il copogruppo democentrista in parlamento Sergio Morisoli, entrambi contrari all’iniziativa popolare; a difenderne i propositi sono invece stati la deputata socialista Anna Biscossa e il presidente del comitato docenti Vpod Adriano Merlini. Per Morisoli, «bisogna mantenere la questione del merito e la scuola non deve assumersi tutto il peso dell’umanità. Inoltre la riforma scolastica deve rispondere innanzitutto alla domanda perché sia necessario cambiare, a cosa serve abolire i livelli? Una questione che non si è ancora approfondita. Una riforma è pronta solo se la si mette in un corpo ricettivo, come con i trapianti, e questo non è ancora il caso». Biscossa da parte sua ha detto che «la scuola inclusiva non è una scuola buonista, come alcuni cercano di far passare. Può essere molto esigente e può avere ambizioni di conoscenza molto elevate. E questo non è in contrapposizione con la richiesta di far crescere le opportunità di chi è svantaggiato culturalmente. La scuola che vogliamo è quella che forma un cittadino libero, competente, capace di decidere e articolare la propria posizione, non asservito all’economia». Speziali ha invece detto di non sostenere l’iniziativa «perché significa cristallizzare per legge qualcosa che non ha convinto la maggioranza del parlamento, anche se risicatissima. La nostra posizione di scetticismo o contrarietà non è per ostruzionismo fine a se stesso. Ma ci siamo fatti interpreti di una parte del mondo della scuola e di alcune preoccupazioni di aziende intese anche come formatrici. Non si tratta di essere asserviti». Mentre Merlini ad affermato che «la richiesta viene soprattutto dai genitori, non dai docenti. Togliendo i livelli e ritardando la scelta si dà ai ragazzi più tempo per maturare. Inoltre l’eterogeneità è più produttiva per tutti, anche per i più bravi»

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved