ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
1 ora

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
8 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
11 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
11 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
11 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
11 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
12 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
28.03.2022 - 10:01
Aggiornamento: 16:27

Nove milioni contro piene e pericoli naturali sui corsi d’acqua

Quattro i crediti ordinari previsti nel messaggio governativo. E concernono Cadegliano-Viconago, Piano di Magadino, Cerentino e Tresa

nove-milioni-contro-piene-e-pericoli-naturali-sui-corsi-d-acqua
Ti-Press
Un argine preventivo ai danni del maltempo

Oltre 9 milioni, 9’100’000 franchi per l’esattezza. A tanto ammonta la richiesta di finanziamento da parte del Consiglio di Stato per la progettazione e la sistemazione di opere di premunizione contro le piene e i pericoli naturali sui corsi d’acqua. L’importo, presentato nel messaggio licenziato dal Dipartimento del territorio (Dt) e su cui dovrà esprimersi il Gran Consiglio, risulta suddiviso in quattro crediti.

Sistemazione del fiume Tresa e monitoraggio della frana di Cadegliano-Viconago

Una parte servirà alla messa in sicurezza del territorio a cavallo fra Italia e Svizzera, a seguito delle piene del 2002 e dei successivi interventi di ripristino. Sono previsti dei provvedimenti di premunizione della Tresa in territorio svizzero nella zona di Madonna del Piano, e il monitoraggio, in territorio italiano, della frana di Cadegliano-Viconago, con la definizione di un protocollo operativo di emergenza transfrontaliero. Si tratta di un nuovo progetto promosso nel quadro del programma Interreg V.

Progettazione della manutenzione straordinaria della regolazione del Lago di Lugano

Sempre per quanto riguarda la Tresa, e in particolare lo sbarramento all’imbocco del fiume Ponte Tresa, che regola il deflusso delle acque dal Lago di Lugano, il Dt, per assicurarne il buon funzionamento, intende definire le nuove misure di manutenzione straordinaria a partire dal 2002. L’ultimo intervento sull’impianto, messo in servizio nel 1963, risale infatti a 15 anni fa.

Progettazione dei canali del Piano di Magadino

Attenzione anche alla sicurezza del Piano di Magadino rispetto alle piene dei canali, il cui progetto di sistemazione integra nel contempo la rivitalizzazione e la valorizzazione ambientale dei corsi d’acqua. Si procederà sviluppando il progetto in quattro comparti funzionali. Lo stesso, che sarà promosso direttamente dal Dt con la partecipazione dei Comuni interessati e del Consorzio regionale, costituirà la base per il finanziamento e l’autorizzazione tecnica dei provvedimenti.

Progettazione della premunizione della frana di Cerentino

Un’altra parte del credito è infine destinata alla frana di Cerentino (Valle Maggia), un movimento profondo di versante che oltre al rischio di creare danni alle strutture delle frazioni abitate e la strada cantonale, presenta quello concreto di crolli di materiale verso il fiume Rovana e il conseguente sbarramento dell’acqua con il pericolo di alluvionamento a valle. In quanto le misure adottate finora (in particolare il sistema di drenaggio superficiale delle acque di versante) non hanno prodotto i risultati sperati, si pensa adesso a un cunicolo di drenaggio che riduca la velocità di spostamento della frana e i conseguenti danni materiali e il rischio di alluvionamento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved