accoglienza-dei-profughi-un-passo-verso-la-coesione
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti

I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
4 ore

Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’

La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
4 ore

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

In pericolo di vita il giovane. È accaduto stamane in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Luganese
6 ore

Alla Biblioteca di Lugano, letteratura e colazione offerta

Domani doppio incontro sul tema del viaggio. Matinée sulla cronaca locale di prossimità
Luganese
7 ore

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicato a Borradori

La 10 chilometri CityRun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
7 ore

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
7 ore

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
8 ore

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
8 ore

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
Bellinzonese
8 ore

La musica di montagna al lavatoio di Mascengo

Appuntamento giovedì 11 agosto col folclore ticinese e italiano
Luganese
9 ore

Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo

Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
9 ore

Ascona, Campionato ticinese di lancio del sasso

Uomini e donne in gara sabato prossimo, sulla pedana allestita presso l’autosilo comunale
Locarnese
10 ore

Pre-asilo Pardy, iscrizioni sempre aperte

Vi sono ancora alcuni posti disponibili per bimbi dai due anni in su
Locarnese
14 ore

Centovalli, pompieri ancora al lavoro

Un fulmine sabato sera ha innescato un rogo boschivo sopra il Monte Sauree. Militi ed elicottero in azione. In corso la bonifica
Locarnese
14 ore

Hotel Arcadia, la Sinistra vuole vederci chiaro

Interrogazione al Municipio di Locarno sul clima di lavoro e le tensioni all’interno della nota struttura ricettiva
Bellinzonese
1 gior

Reintrodotto il limite di visite allo Iosi

Nei reparti di oncologia medica, ematologia e radioterapia potrà entrare un solo visitatore al giorno per massimo 30 minuti.
Bellinzonese
1 gior

Cassis incontra a Bellinzona la prima ministra estone

Durante i colloqui si è parlato di relazioni bilaterali e guerra in Ucraina, come pure dell’utilizzo delle nuove tecnologie nella politica estera.
Luganese
1 gior

Incidente a Lugano, deceduto un 72enne

È successo questa notte. L’uomo ha perso il controllo dell’auto mentre entrava in un garage.
Mendrisiotto
1 gior

La Ferrovia Monte Generoso si rilancia con agosto

Dopo i numeri record del 2021, i mesi clou dell’attuale stagione ha visto una diminuzione del volume. Il mese corrente sembra però di buon auspicio
Ticino
1 gior

‘Non siamo riusciti a fidelizzare tutti i turisti svizzeri’

Forte aumento dei pernottamenti, eccezion fatta per il nostro cantone. Trotta (Ticino Turismo): ‘Cifre comunque più alte rispetto a prima della pandemia’
Bellinzonese
1 gior

Gottardo, code uguali ma al portale sud si sta fermi più a lungo

Ustra ha tentato di spiegare il fenomeno senza riuscirci. Un’ipotesi: chi si reca in vacanza tende a guidare più velocemente, anche in colonna
Ticino
2 gior

‘Tra le vittime del lupo anche l’attuale strategia del Cantone’

L’Unione contadini ticinesi: i tiri di abbattimento sono necessari., ecco per quali motivi
Ticino
2 gior

Pannelli contro l’abbandono dei rifiuti alla ‘Mangia e cammina’

Sul percorso della manifestazione prevista in Valle Bedretto saranno presenti delle infografiche per sensibilizzare sul tema
laR
 
23.03.2022 - 05:20
Aggiornamento: 19:48

‘Accoglienza dei profughi, un passo verso la coesione’

Per la delegata cantonale all’integrazione Michela Trisconi il rischio razzismo potrebbe presentarsi in futuro con l’entrata nel mercato del lavoro

È giusto leggere lo slancio di accoglienza verso i rifugiati ucraini in chiave discriminatoria rispetto a quanto riservato ad altri profughi per cui sono previsti percorsi molto più tortuosi per l’accesso ad aiuti e statuti stabili? Si tratta di una delle domande attorno a cui si è riflettuto lunedì sera durante la tavola rotonda organizzata all’Università della Svizzera italiana nell’ambito della Settimana cantonale contro il razzismo. Tra i vari partecipanti legati al mondo accademico, delle Ong e del giornalismo, era presente anche Michela Trisconi, delegata cantonale all’integrazione, secondo cui «esiste una gerarchia, ma a mio parere non è tanto di tipo etnico quanto legata al carattere eccezionale del fenomeno, a cui è stata data una risposta altrettanto eccezionale, nonché alla tipologia di rifugiati con cui siamo confrontati». Per Trisconi da una parte si è agito sull’emergenza di una situazione del tutto nuova negli ultimi anni alle nostre latitudini: «C’è una nazione con un governo democraticamente eletto che è stata invasa a 2’000 chilometri di distanza da noi, quindi con una certa continuità territoriale, che ha provocato la fuga di oltre 2 milioni di civili, perlopiù donne e bambini, nel giro di poche settimane. Senza voler stabilire delle graduatorie tra le tragedie, mi sembra invece diverso il discorso per le altre migrazioni causate da conflitti civili come è il caso della Siria che ha provocato un esodo progressivo sull’arco oramai di oltre 10 anni che la Svizzera ha affrontato con le procedure ordinarie». Un gioco di forze dunque diverso. Dall’altra parte secondo la delegata all’integrazione l’empatia nel caso dell’Ucraina è molto maggiore in quanto si tratta prevalentemente di donne, bambini e anziani: «Il target della popolazione che si sta spostando è quello più vulnerabile per cui la dimostrazione di generosità risulta più grande.». E proprio per questa composizione, spiega Trisconi, si sentono suonare i primi campanelli di allarme: «Uno dei rischi è che donne e minori non accompagnati finiscano nelle mani sbagliate ed entrino nel giro della tratta di essere umani».

‘Pericolo discriminazione nel caso di concorrenza professionale’

Quanto al pericolo, dopo l’attuale ondata di solidarietà, dell’emergere di sentimenti xenofobi rispetto ai profughi ucraini, stando a Trisconi questo potrebbe presentarsi nel caso in cui, come accaduto per la popolazione fuggita negli anni Novanta dal conflitto nei Balcani, rimangano nel nostro Paese: «Sappiamo che il Ticino ha un mercato del lavoro più complicato di altri cantoni. Se queste persone decidono o si trovano nelle condizioni di dover restare e intraprendere un percorso di integrazione socioprofessionale, sussiste il rischio che entrino in concorrenza sul mercato del lavoro con il resto della popolazione e questo può creare reali problemi».

Rispetto invece a episodi di ostilità nei confronti di persone russe in Ticino, il Servizio di integrazione per gli stranieri coordinato da Trisconi non si occupa di raccogliere direttamente le segnalazioni. Per questo esiste un consultorio partner, denominato Centro per la prevenzione delle discriminazioni (discriminazione.ch) attivo a Lugano, per la consulenza e l’accompagnamento in caso di episodi di razzismo. Mentre per le segnalazioni dei discorsi di odio su internet è stata creata una piattaforma nazionale, reportonlineracism.ch, attivata da qualche mese e che si pone come progetto pilota della Commissione federale contro il razzismo. «Per ora è un fenomeno di cui ho conoscenza solo attraverso i media – considera la delegata all’integrazione –. Per capire se rubricare i casi sotto episodi di razzismo bisogna analizzarli nel dettaglio. Non li considererei tutti tali, ma l’impressione è che esista comunque una sorta di aggressività che sta insorgendo di fronte a questa ingiustizia perpetrata su un popolo. È innegabile che anche la comunità russofona è in difficoltà ed è vittima indiretta di quello che sta capitando». Trisconi solleva anche la questione relativa alla conversione online di molti profili social che fino a poco tempo fa erano attivi nella campagna antivaccinale: «Si nota la transizione da teorie complottiste a posizioni di negazione della responsabilità di un Paese che ne invade un altro. È un discorso di odio che si veste in più salse e si pone in antagonismo a quanto riporta la maggioranza dei media».

In generale di fronte a sentimenti di contrasto nei confronti di una comunità, afferma Trisconi, «come Servizio integrazione saremo chiamati a promuovere campagne di sensibilizzazione e spiegazione nei confronti della società per disinnescare pregiudizi e stereotipi che sarebbero da ostacolo sia nella convivenza comune sia per le politiche di integrazione e di accoglienza nei confronti delle popolazioni straniere».

Programmi di integrazione in allestimento

Al momento, le principali sfide sono quelle che il Piano di accoglienza in tre fasi presentato dal Cantone la settimana scorsa: «La priorità attualmente è posta sull’accoglienza, la cura di queste persone che rappresentano le fasce della popolazione più vulnerabili. Parliamo in particolare della valutazione dello stato di salute in entrata, dell’attivazione dei sostegni sia medici che psicologici da parte della rete sanitaria e della ricerca di un alloggio. Noi come Servizio integrazione ci occupiamo più che altro di accogliere delle offerte di numerosi volontari che si sono messi a disposizione a supporto dei centri di affluenza. In futuro s’intende offrire delle attività sia per gli adulti che per i minori. Nel frattempo continuiamo i normali progetti di integrazione rivolti a tutti gli altri stranieri come era già stato definito prima di questa emergenza».

Disparità su base etnica soprattutto nel mondo del lavoro

Ampliando la panoramica proprio sul resto della popolazione migrante, dal rapporto nazionale del 2020 "Episodi di razzismo trattati nell’attività di consulenza" risultato della raccolta dati delle segnalazioni in tutta la Svizzera del sistema di documentazione e monitoraggio DoSyRa, risulta che «il ruolo dei pregiudizi e delle ideologie solo la prima causa della xenofobia, poi del razzismo contro le persone afrodiscendenti, ossia del razzismo nei confronti delle persone nere. In terzo luogo si registra l’ostilità verso i musulmani. Quanto agli ambiti della vita, il maggior numero di discriminazioni è stato constatato nei posti di lavoro, nel contesto dei rapporti di vicinato, nello spazio pubblico e nell’amministrazione pubblica per la quale si scrive che può essere un veicolo di discriminazione strutturale in merito alla disparità di trattamento».

Quali le soluzioni in ottica preventiva? Il presupposto, per Trisconi, è che l’integrazione deve andare in due sensi: «Serve il coinvolgimento degli stranieri ma anche della popolazione locale. Quasi tutti i progetti che finanziamo poggiano sulla copresenza di persone indigene. Sosteniamo dei progetti ad esempio nella città di Lugano che si stanno espandendo su più quartieri per creare un tessuto sociale dove convergono sia la popolazione locale che migrante. Anche Chiasso da qualche anno presenta delle proposte molto interessanti che stiamo sostenendo in maniera molto attiva perché riteniamo molto virtuosi in quanto anche in questo caso cercano di creare delle sinergie con tutta la popolazione. Cito tra le manifestazioni positive svolte nei comuni grazie all’apporto di numerose associazioni, la festa dei vicini, le colazioni in piazza, la festa dei quartieri, il Mondo al Parco… . Durante i due anni di pandemia purtroppo hanno subito un forte contraccolpo, ma adesso stanno tornando». Obiettivo ultimo, dunque, è quello di favorire la coesione sociale e le pari opportunità in seno alla popolazione ticinese e alle quasi 200 nazionalità che la compongono.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
delegata integrazione michela trisconi profughi razzismo ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved