22.03.2022 - 17:00
Aggiornamento: 23.03.2022 - 18:49

Una chaise longue vibrotattile per l’ascolto della musica

Fino al 15 di aprile è possibile candidarsi per il bando 2022 dedicato alle ‘Tecnologie innovative per la mediazione culturale’

una-chaise-longue-vibrotattile-per-l-ascolto-della-musica
Archivio Ti-Press

Nelle prossime settimane è prevista una serie di eventi per la fruizione del progetto vincitore del bando biennale 2020 per l’assegnazione di un sostegno finanziario a progetti di mediazione culturale che si avvalgono di tecnologie innovative. L’opera vincitrice dell’edizione 2020 è ‘la chaise longue vibrotattile Addvibes’ che in questo periodo è al vaglio della Federazione svizzera dei sordi per una raccolta di dati utili al suo futuro sviluppo, dopodiché la Fonoteca nazionale svizzera procederà a una selezione di brani musicali – otto, intesi a valorizzare il patrimonio musicale elvetico – da proporre nel corso di una serie di manifestazioni.

Queste le prime date in programma da autunno per la fruizione al pubblico: il 23 settembre per la Giornata internazionale delle lingue dei segni; il 27 ottobre per la Giornata mondiale del patrimonio audiovisivo; dal 4 al 5 novembre alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana - Dipartimento ambiente costruzioni e design a Mendrisio, in occasione della GLAMHack 2022 (evento rivolto principalmente a sviluppatori, designer, umanisti e appassionati del settore).

Sulla scia del lusinghiero risultato dell’edizione, si ricorda che fino al 15 aprile è ancora possibile candidarsi per il nuovo bando "Tecnologie innovative per la Mediazione culturale 2022". Promosso dalla Divisione della cultura e degli studi universitari e coordinato dall’Ufficio del sostegno alla cultura, il concorso si svolge essenzialmente in due tappe: la prima individuando quattro candidature che riceveranno ciascuna duemila franchi per sviluppare il concetto, la seconda premiando con 35mila franchi il progetto finalista, che potrà così realizzare e mettere a disposizione del pubblico l’opera.

Qui il link al bando di concorso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved