a-giubiasco-da-lunedi-uno-sportello-per-i-profughi-ucraini
Ti-Press
18.03.2022 - 16:06
Aggiornamento: 22:10

A Giubiasco, da lunedì, uno sportello per i profughi ucraini

Permetterà di facilitare e snellire le procedure per attivare gli aiuti a loro destinati. Indispensabile la prenotazione online

Da lunedì, al Mercato coperto di Giubiasco (in Viale 1814 3) verrà attivato uno sportello che permetterà alle persone in fuga dall’Ucraina di annunciarsi per attivare gli aiuti sociali erogati dal Cantone.

Rivolto alle persone che hanno già avviato le pratiche per lo statuto di protezione S in uno dei Centri federali di asilo e che sono state assegnate e dispongono già di un alloggio in Ticino, questo sportello permetterà di facilitare e snellire le procedure per attivare gli aiuti a favore dei profughi ucraini.

L’annuncio anche alle autorità cantonali è importante per poter avere accesso agli aiuti forniti dal Cantone, in particolare le prestazioni sociali. Per usufruire di questo servizio è necessario prendere appuntamento tramite la piattaforma online presente sul sito web www.ti.ch/ucraina.

A Giubiasco le persone potranno completare le procedure amministrative e attivare le prestazioni sociali, che comprendono l’aiuto al sostentamento e l’affiliazione alla cassa malati. Verranno pure rilevate le eventuali necessità di scolarizzazione dei bambini e di supporto sanitario o psicologico. Le persone che invece non dispongono ancora di un alloggio in Ticino continueranno a essere indirizzate dai Centri federali verso il Punto di affluenza di Cadenazzo (via Prati Grandi) dove verrà loro garantito, come finora, anche un alloggio e tutti i servizi di aiuto, compresa l’assistenza sanitaria.

Le procedure sono state riassunte in un flyer informativo che, nel corso della prossima settimana, sarà disponibile anche in lingua ucraina.

Rimane pure a disposizione la helpline cantonale 0800 194 194 e il sito web www.ti.ch/ucraina, costantemente aggiornato. In particolare, è stato inserito il link alla procedura di richiesta dello Statuto S messa a disposizione dalla Segreteria di Stato della migrazione (Sem).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
profughi russiaucraina sportello cantonale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved