ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
4 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
4 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
14 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
14 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
14 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
14 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
14 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
14 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
15 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
15 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
16 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
16 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
16 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
16 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
16 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
10.03.2022 - 19:11

Tumore alla prostata, il centro dell’Eoc tra le eccellenze

La struttura ticinese è una delle 14 presenti in Svizzera ad aver ricevuto il riconoscimento europeo

tumore-alla-prostata-il-centro-dell-eoc-tra-le-eccellenze
Eoc
Il team del Centro prostata della Svizzera italiana dell’Eoc

Sono 150 in Europa e 14 in Svizzera. Parliamo delle strutture qualificate come ‘Certified european prostate cancer centre’, centri europei di eccellenza nella cura del tumore alla prostata. Di queste strutture fa ora parte, unico in Ticino, il Centro prostata della Svizzera italiana (Cpsi), una delle punte di diamante nell’offerta sanitaria Eoc.

"Un riconoscimento prestigioso, salutato con grande soddisfazione da un team di professionisti consapevole di offrire oggi al paziente ticinese le migliori opportunità di cura per il tumore alla prostata, la neoplasia più frequente tra gli uomini, con circa 6’400 casi diagnosticati ogni anno in Svizzera e oltre 200 in Ticino", si legge in una nota.

"Per noi – esordisce la PD Dr.ssa Ursula Vogl, oncologa caposervizio dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana (Iosi) e responsabile clinica del Cpsi (Centro prostata della Svizzera italiana), che ha seguito in prima persona il lungo processo di certificazione – si tratta di un traguardo molto importante perché riconosce al massimo livello la qualità del nostro lavoro e perché trasmette un messaggio di fiducia ai nostri pazienti e ai medici del territorio, agli urologi e ai medici di famiglia. Il paziente con tumore alla prostata trova in Ticino un centro dove può essere certo che la sua malattia e il suo percorso di guarigione saranno affrontati al più alto grado di competenza e di cura, come lo sarebbero nei migliori centri europei e mondiali, ma vicino a casa e da persone che parlano la sua stessa lingua".

La certificazione European prostate cancer centre – e le verifiche a cui sono sottoposti i centri che aspirano a ottenerla – sono a cura dell’istituto indipendente Onkozert, specializzato in certificazioni sanitarie e mediche per conto della German Cancer Society. Lo scopo, si legge sul sito dell’istituto, è quello di promuovere lo sviluppo su base volontaria di centri oncologici di eccellenza e dunque di migliorare le cure con indicatori di qualità.

Tra gli aspetti presi in considerazione c’è ovviamente la disponibilità tecnologica, ambito nel quale la dotazione Cpsi non teme confronti. Ormai da anni, il Cpsi può annoverare le più innovative tecnologie nel settore chirurgico, con l’utilizzo del robot Da Vinci Xi. Anche in ambito radiologico il parco macchine del Cpsi include plurimi apparecchi di risonanza magnetica 3 Tesla e la medicina nucleare si è portata all’avanguardia con una Pet Tac con il tracciante prostata-specifico Psma, dedicato esclusivamente ai pazienti con carcinoma prostatico. Per quanto riguarda il trattamento di radioterapia il centro può contare sui più moderni acceleratori lineari, i quali garantiscono ai pazienti terapie personalizzate e di estrema precisione. Inoltre, il Servizio di anatomia patologica fornisce costantemente la miglior diagnosi istopatologica avvalendosi di macchinari di ultima generazione con la possibilità di eseguire test estremamente precisi.

La tecnologia è condizione necessaria, ma non certo sufficiente. "Per ottenere la certificazione – continua la PD Dr.ssa Vogl – occorre dimostrare che i pazienti vengono seguiti in tutte le fasi della loro malattia e soprattutto che ci sia una presa in carico personalizzata e integrata. È elemento determinante, va sottolineato, la presenza di personale infermieristico altamente qualificato: l’esperto clinico Giovanni Presta garantisce l’accompagnamento del paziente e del suo entourage nel percorso terapeutico attraverso una visione olistica e favorisce il coordinamento all’interno dei servizi.

Tutti i casi che afferiscono al Cpsi vengono discussi nel corso di una riunione settimanale multidisciplinare e multiprofessionale, il "tumorboard", che definisce le modalità e i tempi del procedere terapeutico. È inoltre attiva sul territorio – grazie alla collaborazione della Lega Cancro Ticino, dell’Organizzazione Socio-Psichiatrica Cantonale e dell’associazione di pazienti PROCASI – una rete di supporto che segue il paziente in tutte le sue necessità, quelle terapeutiche, in primis, ma anche quelle relative alla sua vita sociale, familiare e professionale".
‘Qualità del servizio e approccio integrato alla malattia oncologica’ è quanto viene richiesto ai centri che si candidano alla certificazione europea. Un approccio evidentemente possibile solo attraverso un network di specialisti con competenze d’organo multidisciplinari, mediche e infermieristiche.

Per poter accedere a questa eccellenza ticinese è sufficiente che il paziente sia visitato da uno dei medici afferenti al Cpsi. La presa in carico del paziente lo include automaticamente nel sistema del CPSI, permettendo un approccio olistico e multidisciplinare per offrire una diagnosi, un trattamento e un controllo nel tempo a 360 gradi.

"È in effetti così – conferma la Prof.ssa Silke Gillessen, direttore medico e scientifico dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana –. L’oncologia moderna deve oggi puntare non solo sul progresso tecnologico e terapeutico ma anche sull’integrazione di differenti specialisti in nuovi modelli di cura personalizzati ed efficaci. Un modello multidisciplinare integrato con competenze altamente specializzate su uno specifico tumore ci ha consentito di ottenere – per la prostata – l’importante certificazione europea. Tale modello è presente anche negli altri Centri oncologici specialistici (Cos) dell’Ente ospedaliero cantonale dove trattiamo gli altri tumori solidi più frequenti (seno, polmone, cervello e colon-retto). Tra questi anche il nostro Centro di senologia della Svizzera italiana che vanta già l’importante certificazione. In questi Centri, che rispecchiano il concetto internazionale di ‘comprehensive cancer centers’, ogni fase del progetto terapeutico è coordinata e gli specialisti coinvolti collaborano per consentire – per ogni singolo paziente – il miglior approccio diagnostico, le migliori opzioni di stadiazione per la valutazione dell’estensione tumorale nell’organismo e le migliori opzioni terapeutiche oggi disponibili (chirurgiche, oncologiche, radioterapiche, immunoterapiche). Il Centro prostata della Svizzera italiana ha adottato questa filosofia di lavoro e questo approccio al paziente, una caratteristica di qualità che oggi viene riconosciuta a livello nazionale e internazionale a tutti i nostri Cos".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved