ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 min

Torna il Carnevale di Pedrinate

L’appuntamento è per il prossimo weekend nel salone comunale del paese
Locarnese
1 ora

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
1 ora

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
2 ore

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
3 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
3 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
6 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
6 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
6 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
13 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
15 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
16 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
16 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
16 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
laR
 
11.03.2022 - 09:00

Comuni, sedute in videoconferenza possibili anche senza pandemia

Cosa dice il messaggio governativo. Marzio Della Santa, capo della Sezione enti locali: ci siamo mossi sulla base pure di un sondaggio

comuni-sedute-in-videoconferenza-possibili-anche-senza-pandemia
Il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi e Marzio Della Santa (Ti-Press)

Per agevolare nei Comuni i processi decisionali durante le recenti ondate pandemiche e scongiurare così la paralisi o quantomeno il forte rallentamento dell’attività politica a causa delle restrizioni d’ordine sanitario volte ad arginare la diffusione del coronavirus, il Consiglio di Stato ha dato ai Municipi (anche) la possibilità di tenere le sedute in videoconferenza o di autorizzare la partecipazione di suoi membri alle riunioni "con questo sistema". Possibilità sancita da un decreto che il governo ha varato il 20 marzo 2020 e che sarà valido sino alla fine del prossimo mese di giugno. In vista di questa scadenza e alla luce dell’esperienza fatta nonché dei risultati di un sondaggio svolto presso gli enti locali, il Consiglio di Stato intende conferire allo strumento della videoconferenza una base legale più solida e duratura. Con un messaggio licenziato mercoledì e di cui ha dato notizia ieri, il governo propone al Gran Consiglio di ancorare a una legge – la Legge organica comunale (Loc) – lo strumento in questione. Se il parlamento approverà ciò che il Consiglio di Stato prospetta, gli esecutivi locali ma pure le commissioni degli organi legislativi comunali avranno la facoltà di ricorrere per le loro sedute alla videoconferenza, anche per motivi non legati "all’evoluzione pandemica da Covid-19".

Gli articoli da ritoccare

Sono due gli articoli della Loc che il governo chiede di ritoccare. Il 94, al capitolo della legge dedicato al Municipio. E il 70, uno degli articoli consacrati al funzionamento del Consiglio comunale. Il messaggio appena pubblicato suggerisce di inserire nel 94 la disposizione secondo cui "Le sedute si tengono in presenza. Per giustificati motivi è data facoltà al Municipio di riunirsi virtualmente in videoconferenza o di autorizzare la partecipazione di suoi membri in questa forma; in tal caso devono essere salvaguardate le modalità decisionali e di verbalizzazione del presente capitolo e inoltre vanno garantite la riservatezza, la sicurezza e l’integrità dei dati". Sostanzialmente del medesimo tenore la disposizione confezionata dal Consiglio di Stato per le riunioni commissionali dei legislativi locali: "Le sedute si tengono in presenza. Per giustificati motivi è data facoltà alle commissioni di riunirsi virtualmente in videoconferenza o di autorizzare la partecipazione di loro membri in questa forma; in tal caso devono essere salvaguardate le modalità decisionali e di verbalizzazione del presente articolo e dell’articolo 71 (quello sull’allestimento dei rapporti, ndr), inoltre vanno garantite la riservatezza, la sicurezza e l’integrità dei dati".

Per ‘giustificati motivi’

La regola, scrive il governo a proposito dei municipi, resta "quella della tenuta delle sedute in presenza ‘fisica’ dei membri, che rimane tutto sommato da preferire". L’esperienza degli ultimi due anni, si afferma sempre nel messaggio, ha infatti "evidenziato il valore aggiunto di discussioni e confronto in presenza. Tuttavia, stando alla presente proposta, il collegio potrà decidere di tenere le sedute in videoconferenza". Ciò per "giustificati" motivi "da ponderare dal collegio medesimo". Del resto, prosegue il Consiglio di Stato, "si ritengono i Municipi perfettamente in grado di valutare l’adempimento di tali giustificati motivi: gli stessi possono essere personali, logistici, di salvaguardia della salute collettiva ecc". Dunque non dovranno essere più necessariamente legati "all’evoluzione pandemica da Covid-19". Il Municipio, continua il messaggio governativo, "potrà pure autorizzare la partecipazione di alcuni suoi membri" alle sedute tramite videoconferenza. E ancora: "Tutte le modalità decisionali e di verbalizzazione previste dalla Loc – e meglio su convocazione, validità seduta, verbalizzazione ecc. – andranno rispettate; parimenti andranno garantite la sicurezza e l’integrità dei dati". Medesime le considerazioni del Consiglio di Stato sulla nuova disposizione concernente le riunioni delle commissioni dei legislativi comunali.

Il sondaggio

«Prima di elaborare il messaggio – dice, contattato dalla ‘Regione’, il capo della Sezione enti locali (Dipartimento istituzioni) Marzio Della Santa – abbiamo eseguito un sondaggio presso i Comuni per sapere in quale misura avessero fatto ricorso alla videoconferenza nei due anni di pandemia e restrizioni e se ritenessero opportuno mantenere questo strumento. È emerso che la gran parte dei Comuni che ne ha fatto uso preferisce comunque le sedute in presenza, ma ha anche espresso l’auspicio di mantenere la facoltà di far capo alla videoconferenza per permettere a uno o più municipali o a uno o più membri di una commissione, che per valide ragioni non può o non possono partecipare fisicamente alla riunione, abbia o abbiano la possibilità di prendervi parte attraverso appunto la videconferenza».

Si pronuncerà il parlamento

Toccherà ora al Gran Consiglio pronunciarsi sulle modifiche della Legge organica comunale indicate dal governo. «Mi auguro che possa farlo in tempo utile – riprende Della Santa –. Se il parlamento riuscisse ad approvare, come spero, le modifiche entro giugno, sarebbe l’ideale: si garantirebbe continuità nell’uso, seppur facoltativo, della videoconferenza anche una volta scaduto il decreto del 2020».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved