giovani-e-sigaretta-elettronica-il-40-l-ha-gia-sperimentata
Ti-Press
Il Consiglio di Stato risponde
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
17 min

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
6 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
8 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
14 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
14 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
15 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
21 ore

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
21 ore

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
02.03.2022 - 18:27

Giovani e sigaretta elettronica, il 40% l’ha già sperimentata

Lo scrive il governo rispondendo alle domande di Ermotti-Lepori (Ppd). Più diffusa tra i ragazzi rispetto alle ragazze, ma meno che a livello nazionale

In Ticino quattro giovani su dieci, il 40,4%, di età compresa tra i 14 e i 15 anni hanno già sperimentato l’uso della sigaretta elettronica: il 46,2% dei ragazzi e il 34,7% delle ragazze. A darne notizia, rispondendo a un’interrogazione della granconsigliera del Ppd Maddalena Ermotti-Lepori, è il Consiglio di Stato, che cita i dati (risalenti comunque al 2018) dell’ultima indagine sulla salute e sui comportamenti degli allievi e delle allieve dagli 11 ai 15 anni, lo studio ‘Health behaviour in school-aged children’. Ebbene, da questo studio emerge anche che "la prevalenza dei giovani tra i 14 e i 15 anni che può considerarsi utilizzatore non occasionale di sigaretta elettronica (10 giorni o più negli ultimi 30 giorni) è pari al 3%". Vale a dire, "il 4,1% dei ragazzi e l’1,8% delle ragazze per questa fascia d’età".

Tra i 14 e i 15 anni boom di sigarette tradizionali

Sempre rimanendo in Ticino, "dai sondaggi effettuati presso due scuole cantonali post-obbligatorie, nel 2018 i giovani di età compresa tra 14 e 20 anni che dichiarano un uso prevalente di sigarette elettroniche sono compresi tra il 2,5 e il 3%". A livello nazionale, in una fascia però allargata perché la forchetta è quella che va dai 15 ai 24 anni, "è pari al 3,5%. Ma è bene tuttavia rilevare che, in questo caso, le dimensioni campionarie ridotte impongono cautela nell’interpretazione delle stime". Il governo osserva che "per contestualizzare meglio il problema, a titolo di paragone, è altresì importante ricordare che l’8,6% dei maschi di 14 anni si dichiara fumatore non occasionale di sigarette tradizionali. Tale prevalenza sale al 13,7% tra i ragazzi di 15 anni".

Le conseguenze

Rispondendo a Ermotti-Lepori, il Consiglio di Stato "conferma" che "l’inizio del consumo di sostanze psicoattive in adolescenza ha un impatto importante sul cervello e può condurre a delle modifiche neurobiologiche talvolta irreversibili". A completare il quadro, "si sa inoltre che la nicotina contenuta nelle sigarette tradizionali, ma anche in quelle elettroniche, genera molto rapidamente una dipendenza e che più il consumo di nicotina avviene in giovane età e dura nel tempo, più la dipendenza a questa sostanza sarà forte e la disassuefazione difficile". In più, "diversi studi hanno rilevato come l’aerosol prodotto da questi dispositivi contenga, benché in quantità minore rispetto alle sigarette tradizionali, sostanze potenzialmente tossiche e cancerogene come la formaldeide e le nitrosamine".

Per quanto concerne le sigarette elettroniche, "un altro rischio – sottolinea l’Esecutivo – è che il loro utilizzo, in particolare da parte dei giovani, faciliti il passaggio alla sigaretta tradizionale. Preoccupano inoltre le strategie di marketing (...) come l’uso di aromi particolari e un design estremamente accattivante e high tech, che attirano consumatori sempre più giovani".

La prevenzione a scuola con risposte puntuali e progetti

Un altro punto affrontato da Ermotti-Lepori nella sua interrogazione riguarda la prevenzione e, precisamente, se c’è una strategia particolare rivolta alle scuole. Risposta? No, non esiste. "Ma esiste però un indirizzo più complessivo che orienta l’azione della scuola nell’ambito del benessere e della salute degli allievi". La prevenzione, fondamentalmente, "consiste in una risposta puntuale, che può essere accompagnata da interventi e azioni esterne, sotto forma d’informazione, sensibilizzazione, formazione e/o dissuasione". Nel concreto, cioè parlando di prevenzione al tabagismo, il governo ricorda che "lo scorso 31 maggio il Dipartimento educazione, cultura e sport, in collaborazione con la Lega polmonare ticinese e Radix Svizzera italiana, ha promosso in diverse sedi scolastiche delle azioni di sensibilizzazione organizzate in occasione della Giornata mondiale senza tabacco".

Sempre Lega polmonare ticinese e Radix Svizzera italiana "hanno condotto diversi progetti indirizzati ad allieve e allievi delle scuole medie e del post-obbligo che hanno coinvolto, nel 2021, 10 scuole medie, 48 docenti e 940 allievi. Nel post-obbligo, invece, sono state coinvolte 6 scuole, 2 aziende formatrici, 66 docenti e più di mille apprendisti".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato maddalena ermotti-lepori sigarette elettroniche
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved