consultazioni-cantonali-i-pareri-saranno-tutti-pubblicati
Ti-Press
La risposta arriva dopo la bagarre in Gran Consiglio sul superamento dei livelli in terza media
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
1 ora

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 ora

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Ticino
1 ora

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Luganese
7 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
9 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
9 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
10 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
11 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
11 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
11 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
12 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
12 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
laR
 
28.02.2022 - 17:44

Consultazioni cantonali, i pareri saranno tutti pubblicati

Il governo accoglie una mozione di Berardi (Ppd) e rivede le direttive: la Cancelleria pubblicherà su una pagina web apposita le risposte e le sintesi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Trasparenza nelle procedure di consultazione, si cambia. E meglio, si fa un passo avanti: il governo, infatti, accogliendo una mozione del deputato popolare democratico Giovanni Berardi aggiorna le prime direttive in materia, risalenti al 17 giugno 2015, e le adegua chiedendo al Gran Consiglio di ritenere quindi la mozione evasa. "Il Consiglio di Stato ha deciso di rivedere e aggiornare le direttive vigenti, traendo spunto dalla discussione sorta sulla consultazione promossa nel settembre 2021 riguardante il rapporto sul superamento dei livelli in terza media e dagli atti parlamentari depositati", si legge infatti nel messaggio in risposta a Berardi. Proprio durante quel dibattito sui livelli, il 26 gennaio, infuriò la bagarre in Gran Consiglio con accuse ripetute al Dipartimento educazione, cultura e sport di aver impedito di prendere visione di tutte le risposte alla consultazione. Accuse rispedite al mittente con fermezza dal direttore del Decs, Manuele Bertoli.

Proprio in mezzo al dibattito Berardi prese la parola per annunciare l’inoltro di questa mozione la quale, un mese dopo, con il suo accoglimento ha condotto a un importante cambiamento: quello che porta la Cancelleria dello Stato a pubblicare "in forma elettronica in una pagina internet specifica la documentazione della procedura di consultazione, compresi i pareri presentati e una loro sintesi. I pareri e la sintesi sono pubblicati al più tardi al momento della decisione del Consiglio di Stato sull’oggetto della consultazione, quindi al momento del licenziamento del messaggio, dell’adozione di un regolamento o della decisione di rinunciare a dare seguito al progetto posto in consultazione".

Tali direttive, precisa l’esecutivo, "non sono applicabili alla consultazione interna dei servizi dell’Amministrazione cantonale. Nemmeno la Confederazione pubblica i pareri e i contributi interni all’Amministrazione federale. Questi documenti fanno parte della fase di formazione dell’opinione del Consiglio di Stato e pertanto non sono pubblici". Ma tutti gli altri sì, e la Cancelleria "gestisce e tiene aggiornato un elenco delle organizzazioni, delle associazioni e degli enti che rappresentano i vari settori di interesse. Questo elenco agevola i servizi cantonali nell’individuare i rappresentanti degli ambienti interessati dal progetto e invitarli a presentare un parere". Parere che sarà, molto più facilmente di prima, consultabile.

Rimbrotti, invece, per l’Mps

Il giorno prima, era il 25 gennaio, fu il deputato dell’Mps Matteo Pronzini – tra i principali ‘accusatori’ del Decs – a inoltrare anch’esso una mozione dal consueto tonitruante titolo: ‘Censura delle prese di posizione dei colleghi dei docenti sul superamento dei livelli: logica autoritaria di Bertoli e del governo deve essere bloccata!’ (sic, ndr). Orbene, in risposta all’attacco dell’Mps il Consiglio di Stato "preliminarmente deplora il titolo improprio e strumentale della mozione. Si rammenta che i deputati che ne hanno fatto richiesta hanno avuto accesso alle prese di posizione espresse in risposta alla consultazione dipartimentale all’origine dell’atto parlamentare e che, quindi, parlare di censura o autoritarismo risulta fuori posto".

Detto ciò, il governo ricorda all’Mps il dettato istituzionale. Già, perché quella inoltrata da Pronzini è una mozione che chiede "l’adozione di basi legali che stabiliscono l’obbligo di pubblicare i pareri presentati dai partecipanti alle procedure di consultazione su progetti cantonali". Ebbene, al Movimento per il socialismo viene ricordato che a): "Secondo l’articolo 105 della legge del 24 febbraio 2015 sul Gran Consiglio e sui rapporti con il Consiglio di Stato la mozione è lo strumento per chiedere al governo l’adozione di un provvedimento di interesse generale". E che b): "Nel rapporto del 14 maggio 2002 della Commissione speciale per la riorganizzazione amministrativa del Gran Consiglio (commento all’articolo 98) si spiega che con la mozione ‘non si possono proporre nuove leggi o decreti, rispettivamente delle modifiche legislative, perché a questo scopo vi sono le iniziative’".

Ribadite le regole del gioco, il Consiglio di Stato invita a respingere la mozione "rilevando che l’obiettivo della trasparenza perseguito dalla mozione è raggiunto mediante l’adozione delle direttive che stabiliscono la pubblicazione dei pareri presentati". Come chiesto da Berardi.

Leggi anche:

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved