ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 min

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4a media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
1 ora

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
1 ora

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
2 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
2 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
2 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
3 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
3 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
3 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
3 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
4 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
5 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
laR
 
28.02.2022 - 17:44

Consultazioni cantonali, i pareri saranno tutti pubblicati

Il governo accoglie una mozione di Berardi (Ppd) e rivede le direttive: la Cancelleria pubblicherà su una pagina web apposita le risposte e le sintesi

consultazioni-cantonali-i-pareri-saranno-tutti-pubblicati
Ti-Press
La risposta arriva dopo la bagarre in Gran Consiglio sul superamento dei livelli in terza media

Trasparenza nelle procedure di consultazione, si cambia. E meglio, si fa un passo avanti: il governo, infatti, accogliendo una mozione del deputato popolare democratico Giovanni Berardi aggiorna le prime direttive in materia, risalenti al 17 giugno 2015, e le adegua chiedendo al Gran Consiglio di ritenere quindi la mozione evasa. "Il Consiglio di Stato ha deciso di rivedere e aggiornare le direttive vigenti, traendo spunto dalla discussione sorta sulla consultazione promossa nel settembre 2021 riguardante il rapporto sul superamento dei livelli in terza media e dagli atti parlamentari depositati", si legge infatti nel messaggio in risposta a Berardi. Proprio durante quel dibattito sui livelli, il 26 gennaio, infuriò la bagarre in Gran Consiglio con accuse ripetute al Dipartimento educazione, cultura e sport di aver impedito di prendere visione di tutte le risposte alla consultazione. Accuse rispedite al mittente con fermezza dal direttore del Decs, Manuele Bertoli.

Proprio in mezzo al dibattito Berardi prese la parola per annunciare l’inoltro di questa mozione la quale, un mese dopo, con il suo accoglimento ha condotto a un importante cambiamento: quello che porta la Cancelleria dello Stato a pubblicare "in forma elettronica in una pagina internet specifica la documentazione della procedura di consultazione, compresi i pareri presentati e una loro sintesi. I pareri e la sintesi sono pubblicati al più tardi al momento della decisione del Consiglio di Stato sull’oggetto della consultazione, quindi al momento del licenziamento del messaggio, dell’adozione di un regolamento o della decisione di rinunciare a dare seguito al progetto posto in consultazione".

Tali direttive, precisa l’esecutivo, "non sono applicabili alla consultazione interna dei servizi dell’Amministrazione cantonale. Nemmeno la Confederazione pubblica i pareri e i contributi interni all’Amministrazione federale. Questi documenti fanno parte della fase di formazione dell’opinione del Consiglio di Stato e pertanto non sono pubblici". Ma tutti gli altri sì, e la Cancelleria "gestisce e tiene aggiornato un elenco delle organizzazioni, delle associazioni e degli enti che rappresentano i vari settori di interesse. Questo elenco agevola i servizi cantonali nell’individuare i rappresentanti degli ambienti interessati dal progetto e invitarli a presentare un parere". Parere che sarà, molto più facilmente di prima, consultabile.

Rimbrotti, invece, per l’Mps

Il giorno prima, era il 25 gennaio, fu il deputato dell’Mps Matteo Pronzini – tra i principali ‘accusatori’ del Decs – a inoltrare anch’esso una mozione dal consueto tonitruante titolo: ‘Censura delle prese di posizione dei colleghi dei docenti sul superamento dei livelli: logica autoritaria di Bertoli e del governo deve essere bloccata!’ (sic, ndr). Orbene, in risposta all’attacco dell’Mps il Consiglio di Stato "preliminarmente deplora il titolo improprio e strumentale della mozione. Si rammenta che i deputati che ne hanno fatto richiesta hanno avuto accesso alle prese di posizione espresse in risposta alla consultazione dipartimentale all’origine dell’atto parlamentare e che, quindi, parlare di censura o autoritarismo risulta fuori posto".

Detto ciò, il governo ricorda all’Mps il dettato istituzionale. Già, perché quella inoltrata da Pronzini è una mozione che chiede "l’adozione di basi legali che stabiliscono l’obbligo di pubblicare i pareri presentati dai partecipanti alle procedure di consultazione su progetti cantonali". Ebbene, al Movimento per il socialismo viene ricordato che a): "Secondo l’articolo 105 della legge del 24 febbraio 2015 sul Gran Consiglio e sui rapporti con il Consiglio di Stato la mozione è lo strumento per chiedere al governo l’adozione di un provvedimento di interesse generale". E che b): "Nel rapporto del 14 maggio 2002 della Commissione speciale per la riorganizzazione amministrativa del Gran Consiglio (commento all’articolo 98) si spiega che con la mozione ‘non si possono proporre nuove leggi o decreti, rispettivamente delle modifiche legislative, perché a questo scopo vi sono le iniziative’".

Ribadite le regole del gioco, il Consiglio di Stato invita a respingere la mozione "rilevando che l’obiettivo della trasparenza perseguito dalla mozione è raggiunto mediante l’adozione delle direttive che stabiliscono la pubblicazione dei pareri presentati". Come chiesto da Berardi.

Leggi anche:

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved