c-e-la-guerra-ma-poi-c-e-anche-l-odio-da-combattere
Keystone
L’esodo da Leopoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
21 min

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
35 min

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
43 min

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
44 min

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
47 min

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
48 min

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
Luganese
1 ora

Lugano promuove il confronto sui rapporti tra Svizzera e Taiwan

Al Campus Est si terrà una conferenza organizzata dal Dipartimento tecnologie innovative della Supsi in collaborazione con la Città
Bellinzonese
1 ora

‘Ottimizzato’, prosegue il test della Cupra verso i passi

Osservata la reazione dell’utenza nelle scorse settimane, Ustra ha apportato delle migliorie alla corsia di uscita preferenziale tra Quinto e Airolo
Bellinzonese
1 ora

Corso sulle tecniche di innesto con i frutticoltori ticinesi

Appuntamento a Biasca per sabato 27 agosto
28.02.2022 - 17:49
Aggiornamento: 01.03.2022 - 07:37

‘C’è la guerra, ma poi c’è anche l’odio da combattere’

Il racconto di Elena, una ticinese la cui famiglia, di origini russe, vive a Leopoli. ‘Questa situazione non è per nulla facile’

C’è della giustificata apprensione nella voce di Elena. Il suo racconto è come quello delle tante persone che risiedono in Ticino ma che hanno vissuto in Ucraina. Il suo è però anche il racconto di una famiglia, di origini russe poi trasferitasi a Leopoli, dove Elena è nata, e dove ha abitato fino al 1997, quando si è trasferita in Ticino. «I miei genitori vivono qui in Ticino, ma laggiù ho ancora una zia, un cugino e una nipote – sottolinea –. Notizie da loro? Sì, siamo regolarmente in contatto con loro, quotidianamente e, a dipendenza dall’escalation degli eventi, anche più di una volta al giorno. Essenzialmente ci sentiamo per telefono, via WhatsApp: per fortuna per ora non ci sono stati particolari problemi con le linee telefoniche a Leopoli. È importante sentire le loro voci, sentire che stanno bene. Sì, al di là di tutto abbiamo ricevuto notizie rassicuranti: stanno tutti bene; spaventati, certo, ma in buone condizioni di salute».

Malgrado tutto, fortunatamente, pur avendo interessato anche la cittadina a ovest dell’Ucraina, la vasta offensiva lanciata dall’esercito russo ha solo toccato marginalmente i familiari di Elena: «Hanno sentito solo i primi bombardamenti, quelli che avevano come obiettivo le basi militari vicine a Leopoli. Per il resto la loro quotidianità per ora non è stata particolarmente scossa, se non dal suono quasi continuo delle sirene antiaeree e dalle molte corse verso il rifugio più vicino, per rimanerci fino ad allarme cessato». Cosa che ovviamente comporta anche un certo logorio psichico, oltre che fisico... «Sì, non è certo una situazione idilliaca: sono tutti un po’ tesi, ma lo capisco. In più, malgrado le sue origini russe, mio cugino vorrebbe combattere al fianco degli ucraini per respingere l’assalto dell’esercito russo, e questa sua volontà è fonte di qualche ulteriore discussione in famiglia. No, non è facile; questa situazione non è per nulla facile; non lo è per la guerra in sé e non lo è per tutte quelle spiacevoli situazioni che vengono a crearsi con essa...».

E non è facile nemmeno perché, oltre a dover fare i conti con la guerra, i familiari di Elena, proprio per le loro origini russe, in questi giorni sono pure confrontati con una situazione altrettanto delicata: «C’è la guerra, certo, ma c’è anche un problema altrettanto duro da vincere, che è quello derivante dall’odio che conflitti come questi si portano appresso». Un odio per chi viene ‘dall’altro Paese’, ovviamente accentuato da questo conflitto bellico: «Specie se si vive in un territorio così di stampo nazionalista come quello di Leopoli. Del resto questo era un problema latente già prima dello scoppio del conflitto vero e proprio, e non fatico a credere che sarà ancora più presente nel futuro. È forse quello a spaventarci di più».

Segui il live qui: SPECIALE UCRAINA

Leggi anche:

Ucraina, Zelensky chiede l’adesione immediata, l’Ue lo gela

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elena guerra leopoli russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved