ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’

La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
2 ore

Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti

Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
Ticino
2 ore

Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’

La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
GALLERY
Mendrisiotto
11 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
11 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
13 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
13 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
13 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
14 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
14 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
14 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
14 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
22.02.2022 - 16:53
Aggiornamento: 17:23

Prestazione ponte, via libera al rinnovo fino a tutto il 2022

Il Gran Consiglio sottoscrive a larghissima maggioranza il rapporto di Jelmini (Ppd). Contraria la Lega: ‘Aiuto chiesto soprattutto dagli stranieri’

prestazione-ponte-via-libera-al-rinnovo-fino-a-tutto-il-2022
Ti-Press
Sostegno prolungato

È un semaforo verde senza tante sorprese quello che il Gran Consiglio ha appena dato al rinnovo della prestazione ponte Covid fino a giugno 2022, con la possibilità di estenderla al 31 dicembre: a mancare sono solo i voti della Lega.

A riassumere il concetto è, in entrata, il relatore del rapporto commissionale Lorenzo Jelmini (Ppd): «Questa è una misura destinata a persone che affrontano un periodo complicato, con particolare attenzione agli indipendenti e ai salariati che non possono beneficiare di altri aiuti». E l’augurio «è che questa sia l’ultima volta che dobbiamo decidere il prolungamento della prestazione ponte. Non perché non si voglia aiutare, ci mancherebbe. Ma perché vorremmo tutti che questa pandemia fosse presto sconfitta». Resta l’incertezza della ripresa però, e Jelmini annota che «occorre tenere alta la guardia ed è giustificato rinnovare una prestazione che è complementare alle altre, limitata nel tempo e offre un aiuto straordinario e mirato: finora quasi 400 famiglie in difficoltà hanno avuto un aiuto in più».

Gianella (Plr): ‘Bene fino al 2022, oltre sarebbe stato troppo’

La capogruppo del Plr Alessandra Gianella non ci gira attorno, «inizialmente avevamo delle riserve». Il compromesso trovato in Gestione, cioè prolungarla al massimo alla fine del 2022 e non del 2023 come chiedeva il Consiglio di Stato, «ci ha portato a sciogliere i nostri dubbi e votare il rapporto di Jelmini: andare fino al 2023 sarebbe stato eccessivo per una misura che ora è necessaria, perché la situazione è migliorata ma per gli indipendenti è ancora difficile, ma che per noi non va prolungata oltre».

Fatto salvo che, ricorda Gianella, «in caso di comprovato bisogno il Consiglio di Stato potrà sottoporre al Gran Consiglio dati e cifre, e noi valuteremo il ripristino di questo aiuto».

La Lega, con il capogruppo Boris Bignasca, si oppone perché «la maggioranza dei beneficiari sono cittadini stranieri, e si conferma quindi l’immigrazione nel nostro stato sociale che noi combattiamo». In seguito, il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa ricorderà al gruppo leghista – con cortesia – che se le statistiche a livello federale attestano come l’origine straniera sia uno dei fattori di povertà e disparità, è comprensibile che di riflesso a chiedere una prestazione in maggioranza (il 55%) siano cittadini stranieri.

Forini (Ps): ‘Milionari sempre più ricchi, poveri sempre più poveri’

Tornando ai favorevoli, il Partito socialista con Danilo Forini sottolinea che «la crisi ha colpito a geometria molto variabile: le fortune dei miliardari sono aumentate, mentre le persone in difficoltà, le più colpite dalla crisi pandemica, erano già pesantemente in difficoltà da tempo. Migliaia di indipendenti hanno sofferto personalmente, non riuscendo più a provvedere alle necessità basilari per loro e per la propria famiglia». Concorda la verde Samantha Bourgoin: «A volte si avverte un fastidio di fondo nell’aiutare gli indipendenti che faticano, mentre non c’è mai stato tutto questo disturbo nel sostenere le grandi aziende».

Come già successo ieri con la tassa di collegamento, l’Udc vota in maniera diversa dalla Lega. Perché anche se «le critiche di Bignasca anche noi le solleviamo, in parte» il democentrista Tiziano Galeazzi assicura il sostegno del proprio gruppo.

Respinta la proposta di Durisch (Ps)

Bocciato, infine, l’emendamento con cui il capogruppo socialista Ivo Durisch ha provato a (ri)mettere la durata massima della prestazione al 2023 compreso «come chiesto dal governo, lo dobbiamo a tutte le famiglie in difficoltà che grazie a questa prestazione sono sopravvissute un po’ meglio». Pollice verso (25 sì e 52 no), nonostante fosse stato il governo stesso a proporla fino al 2023.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved