bertoli-stop-mascherine-salvata-la-scuola-in-presenza
Ti-Press
Il presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
20 min

Giumaglio, il paese è in festa

Appuntamento al Grotto Preonz con buona cucina e musica
Luganese
29 min

Frontale tra due auto a Taverne

I due conducenti hanno riportato ferite di media gravità. Il tratto di strada è stato chiuso in entrambe le direzioni.
Locarnese
1 ora

‘Con quella circolare volevamo informare’

La sindaca di Cevio prende posizione riguardo alla doppia raccolta firme su scuola e vendita di un terreno
Bellinzonese
4 ore

Estate di successo grazie al fresco e al divertimento

Le aree di svago a Faido apprezzate per la frescura, mentre la Spiaggetta di Arbedo-Castione per i concerti. Buona affluenza per entrambe le zone.
Ticino
4 ore

Corsa a stufe e caminetti, ‘ma mancano i controlli’

I prezzi dell’energia spingono verso soluzioni alternative. Gli spazzacamini avvertono: ‘La manutenzione è importante e i comuni devono verificare’.
Luganese
5 ore

Rovio, gli amici del giovane: ‘Famiglia disagiata’

‘È vero ha delle dipendenze, ma fra i due la persona più pericolosa è il padre, è stato spesso violento’. Parlano gli amici del 22enne colpito ad Agno.
Ticino
12 ore

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
13 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
14 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
14 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
16.02.2022 - 17:47

Bertoli: ‘Stop mascherine, salvata la scuola in presenza’

Il Consiglio di Stato revoca il provvedimento sulla scia delle decisioni del Consiglio federale. Il presidente del governo: ‘Attenzione ai più fragili’

La decisione del Consiglio federale “segna l’avvio di una nuova fase di convivenza con il virus e decreta la fine di un sistema di provvedimenti che si è rivelato efficace ed equilibrato, evitando di limitare in maniera sproporzionata la libertà personale, sociale ed economica nella nostra società”. A sostenerlo è il Consiglio di Stato ticinese, che "guarda con fiducia ai prossimi mesi, conservando tutta la necessaria prudenza”. Sulla scorta di quanto deciso a Berna sull’abolizione dell’obbligo di indossare la mascherina (eccetto nei mezzi pubblici e nelle strutture sanitarie), il governo cantonale ha anche deciso che da domani 17 febbraio in Ticino cadrà pure l’obbligo della mascherina a scuola.

Raggiunto l’obiettivo di mantenere la scuola in presenza

«Su questo versante non c’erano indicazioni diverse, era ampiamente prevedibile finisse così ed è normale nella misura in cui altri Cantoni sono andati già in questa direzione e noi lo faremo conseguentemente alle decisioni del Consiglio federale», commenta a ‘laRegione’ il presidente del governo e direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli. Che rivendica dal canto suo come «l’obiettivo da sempre è stato di mantenere la scuola in presenza, e tutte le misure prese sono state funzionali a questo obiettivo. Oggi la mascherina non è più necessaria anche se, sottolineo, rimane raccomandata anche all’interno della scuola, come al di fuori. Allievi e docenti che vogliono continuare a usarla devono poterlo fare senza alcun problema, questo sarà utile ad accompagnare questa buona fase di chiaro cammino verso l’uscita dalla pandemia».

Attenzione verso i più fragili

Sia il Consiglio federale sia il Consiglio di Stato hanno rivolto un pensiero e un invito alla prudenza nei confronti, soprattutto, delle persone più fragili ed esposte al rischio di un decorso grave in caso di contagio. È sufficiente un invito alla prudenza? Per Bertoli possono benissimo combinarsi due cose: «Da un lato abbiamo ormai l’abitudine a indossare la mascherina, come abbiamo imparato l’importanza del lavarsi bene le mani e della disinfezione. Ed è bene continuare a mantenere queste abitudini al di là degli obblighi, soprattutto nei luoghi affollati e soprattutto al chiuso. Dall’altro, credo che tanta gente lo farà, per sé e anche per la possibilità di aiutare le persone che sanno di dover gestire con maggiore attenzione la situazione perché per loro un eventuale contagio sarebbe più pericoloso».

‘Senza vaccinazione non saremmo a questo buon punto’

Il presidente del Consiglio di Stato tiene anche a ricordare un fattore dirimente, in questa fase: «Quello che è certo e che va ribadito è che se siamo a questo buon punto è grazie alle vaccinazioni. Senza questo elemento di gran lunga non saremmo a questo punto. Se sarà necessaria un’ulteriore dose lo diranno i sanitari, e nel caso entrerà nella normalità delle precauzioni mediche che si prendono ogni anno, come accade col vaccino contro l’influenza». Ad ogni modo, conclude Bertoli, «il Consiglio di Stato continuerà a osservare la situazione e a essere flessibile: nel bene verso l’uscita dalla pandemia ma anche nel male, se si dovranno ripristinare alcune misure nel caso fosse necessario».

Leggi anche:

Da domani niente più mascherina né certificato Covid

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio stato coronavirus mascherine scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved