ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
57 min

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
1 ora

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
3 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
4 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
4 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
4 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
5 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
5 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
6 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
6 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
6 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
laR
 
16.02.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:09

Ay: ‘Il Partito comunista pronto a correre da solo, anche se...’

Cantonali ’23, il segretario del Pc lascia aperta una porta all’intesa con Ps e Verdi ma annota: ‘Non ci sono ancora state trattative. Noi ben radicati’

ay-il-partito-comunista-pronto-a-correre-da-solo-anche-se
Ti-Press
Il Segretario del Pc Massimiliano Ay

«Il nostro partito è pronto ad andare da solo alle elezioni cantonali del 2023». Lo afferma e rivendica a colloquio con ‘laRegione’ il segretario del Partito comunista Massimiliano Ay, che dopo aver letto l’intervista alla copresidente socialista Laura Riget pubblicata su queste colonne alcuni giorni fa vuole mettere qualche puntino sulle i. «Noi col Ps l’ultima volta ci siamo incontrati a inizio estate, dove loro hanno abbozzato una proposta di lista unica. Ma è stato interlocutorio, e da allora non abbiamo più discusso. Con i Verdi, addirittura, non parliamo dalle scorse elezioni federali. Per questo mi fa strano leggere di proposte cui noi non abbiamo ancora risposto, non essendoci state vere trattative né veri colloqui».

‘Abbiamo la consapevolezza di aver lavorato bene negli ultimi anni’

Sgombrato il campo però a un anno dalle elezioni qual è il sentimento in casa comunista in merito a una possibile alleanza dell’area rossoverde? «A noi preoccupa il clima di bipolarismo che si respira a sinistra: o ci si allea con il Ps, o si è sostenitori dell’Mps. Non lo accettiamo», premette Ay. Che aggiunge: «Al momento non abbiamo la necessità di entrare organicamente in un’alleanza. Ci teniamo a dire che il Pc ha una sua indipendenza politica, che ha fatto recentemente un congresso andato molto bene, una crescita a livello numerico e con due deputati, un municipale e 12 consiglieri comunali è ben radicato. Con questa base - afferma quindi Ay - siamo pronti e ci prepariamo ad andare da soli alle elezioni del 2023, a meno che non nascano convergenze particolari e siano date tutte le condizioni programmatiche e politiche per fare un discorso d’alleanza. Non lo posso escludere a priori. Ma quello che devo dire è che il Partito sarebbe pronto ad andare da solo perché ha la consapevolezza di aver lavorato bene negli ultimi anni, e voglio anche smentire ci sia una corsa a un’unità che non si capisce bene su che basi debba avvenire».

‘La sinistra non è una succursale del liberalismo ma più progressista, è altro’

È un Pc che dà battaglia ma che è comunque cosciente del suo ruolo a sinistra del Ps. Ed è cosciente, soprattutto, che «all’area rossoverde possiamo dare, come da anni, il movimento giovanile progressista più diffuso del Ticino e tanta cultura politica e indipendenza di classe. La sinistra non deve diventare una succursale di una politica liberale un po’ più progressista, ma nemmeno la farsa dell’Mps che attacca tutto e tutti e non porta mai a casa niente». A livello cantonale, invece, il Pc per Ay «metterà sul tavolo tutti i temi sensibili ancora non trattati, dalla scuola alla povertà passando per i problemi del precariato». E a proposito di scuola, «rivendico con orgoglio le nostre vittorie sull’abolizione del numerus clausus dei corsi passerella per il liceo e sulla sovranità alimentare».

Affollamento a sinistra del Ps? ‘Anche lì si può pensare a delle intese...’

Ciò detto, la corsa a sinistra del Ps si fa affollata. Comunisti, Mps, Forum alternativo, Partito operaio popolare… non c’è il rischio che questo costante frazionamento indebolisca prospettive potenzialmente interessanti? «In politica uno più uno non fa due - risponde il segretario del Pc -, in passato abbiamo visto unità raffazzonate ce non hanno portato risultati sperati. Alcuni gruppi si basano sul voto d’opinione, che però va e viene. Noi, consapevoli magari di perdere qualcosa sul corto periodo, cerchiamo di creare un’organizzazione, una struttura e un elettorato che siano duraturi». E Ay ribadisce: «Non escludiamo un’unità: col Ps ci son convergenze, come sul salario minimo, ma anche cose che ci separano come Legge sul Co2 o la previdenza. Ma anche a sinistra del Ps si possono pensare delle intese. A un anno dalle elezioni è comunque prematuro parlarne ora».

‘... ma non con l’Mps’

Partendo da una certezza: «Finché sarò segretario del Pc non ci sarà più alcuna lista unica con l’Mps. Il loro settarismo e il loro metodo sterile di far politica non ci appartengono, perché sui temi dirimenti della sinistra fa spostare a destra il parlamento», annota Ay. Che snocciola: «Oltre il recente scivolone, chiamiamolo così, sul superamento dei livelli, citiamo anche il referendum finanziario: una proposta squisitamente neoliberista dove abbiamo avuto l’Mps dall’altra parte, senza contare la questione congiunzione delle liste dove loro sono stati ago della bilancia, rovinando l’ipotesi reale di un’alleanza di centrosinistra senza passare per forza da una lista unica».

Leggi anche:

Cantonali 2023, Laura Riget a Verdi e Pc: ‘Uniti si vince’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved