ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
2 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
4 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
5 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
5 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
5 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
5 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
6 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
6 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
6 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
7 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
7 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
7 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
7 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
7 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
7 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
7 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
7 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
7 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
Locarnese
7 ore

Ascona, incontro con il vincitore del premio Amalago

Per presentare gli obiettivi del riconoscimento letterario e annunciare l’apertura della seconda edizione
Locarnese
8 ore

Caffè riparazione dell’Acsi a Quartino

Per far durare di più oggetti e materiali; per un’economia circolare pro ambiente
laR
 
09.02.2022 - 05:30

‘Importante è il rispetto della dignità delle persone ospitate’

Il previsto Centro educativo chiuso per minorenni, Medici: gestione privata o pubblica? Decida la politica, ma senza rallentare l’iter del progetto

importante-e-il-rispetto-della-dignita-delle-persone-ospitate
Il magistrato dei minorenni Reto Medici (Ti-Press)

«Gestione privata o gestione pubblica della struttura? Decida la politica. L’importante è che in questi istituti ci sia sempre il rispetto della dignità delle persone ospitate. Si tratta di un aspetto centrale nel percorso rieducativo di giovani in grave difficoltà comportamentale». Il magistrato dei minorenni Reto Medici non si sbilancia sulla richiesta del capogruppo del Ps in parlamento Ivo Durisch di affidare allo Stato, ovvero al Cantone, e non ai privati (nella fattispecie la Fondazione Vanoni) la gestione del futuro Centro educativo chiuso per minorenni, il primo del genere in Ticino, destinato anche all’esecuzione di pene privative della libertà di breve durata. Una richiesta che Durisch, ha fatto sapere, avanzerà, con una proposta di emendamento, in Gran Consiglio quando quest‘ultimo si pronuncerà sul rapporto della liberale radicale Cristina Maderni favorevole alla realizzazione della struttura prevista ad Arbedo-Castione. A meno di sorprese, il dossier approderà ai banchi del legislativo nella sessione che si aprirà lunedì 21, dopo il passo compiuto l’altro ieri dalla commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’, che all’unanimità ha firmato il rapporto di Maderni. Alcuni sì alla struttura sono stati però espressi con riserva. Come quelli formulati da due dei tre membri socialisti della ’Giustizia e diritti’: lo stesso Durisch e Carlo Lepori. Uno dei motivi della riserva è da ricondurre appunto alla gestione del Centro. «Il diritto federale - riprende Medici, interpellato dalla ‘Regione’ - permette sia la gestione pubblica che quella privata degli istituti di questo tipo. Nel resto della Svizzera ci sono infatti strutture di cui sono responsabili i privati e altre la cui gestione è assegnata all’ente pubblico. In generale comunque nelle associazioni o nelle fondazioni titolari di questi istituti vi sono anche rappresentanti dello Stato. Spero solo che allorché in Gran Consiglio si affronterà l’annunciato emendamento - aggiunge il magistrato - ci si ricordi anche del lungo tempo trascorso per arrivarne a una e di quello che dovrà comunque ancora passare prima dell’entrata in funzione della struttura ad Arbedo-Castione. Spero in altre parole che l’iter non subisca ulteriori rallentamenti, perché in Ticino un Centro educativo chiuso per minorenni è necessario». E del quale si parla da più di dieci anni, dal lancio dell’iniziativa popolare ‘Le pacche sulle spalle non bastano!’ da parte dei Giovani liberali radicali ticinesi.

Pestoni: ci sono compiti che lo Stato non può delegare

Graziano Pestoni, presidente dell’Associazione per la difesa del servizio pubblico, non ha dubbi. «Quello di togliere o di comprimere la libertà personale è un compito che nelle democrazie spetta, o dovrebbe spettare, allo Stato, non al privato, qualunque esso sia. Pertanto – aggiunge l’ex deputato socialista – tocca allo Stato far eseguire anche la pena. E deve essere sempre l’ente pubblico a vigilare affinché l’esecuzione di questa pena avvenga nel rispetto della dignità della persona condannata. È per questa ragione che in Ticino, anche in Ticino, abbiamo una commissione del parlamento cantonale che sorveglia sulle condizioni detentive». Secondo Pestoni, ci sono compiti che lo Stato «non può delegare ai privati e questo vale anche per il futuro Centro educativo chiuso per minorenni, al cui interno peraltro vi sarà un locale per l’esecuzione di pene privative della libertà, anche se di breve durata». Lo Stato, prosegue il presidente dell’Associazione per la difesa del servizio pubblico, «deve assumersi le proprie responsabilità e deve dunque essere il Cantone a gestire questo Centro, perché una gestione pubblica permette anche un controllo pubblico. Dico ciò indipendentemente dalle capacità professionali e dalla qualità del servizio prestato dal privato, in questo come non altri casi. Per me è una questione di principio. Ci sono settori, ripeto, che devono rimanere in mano pubblica. Guardiamo a cosa è successo negli Stati Uniti con la privatizzazione delle carceri».

Preferenza per il privato: i motivi del governo

In commissione ‘Giustizia e diritti’, a esplicita domanda rivolta al Consiglio di Stato se quella di affidare la gestione del Centro alla Fondazione Vanoni designata nel messaggio iniziale fosse ancora ritenuta la soluzione adeguata, la risposta ha confermato la scelta dell’istituto privato, unico a essersi a suo tempo proposto. Da una parte le motivazioni addotte vertono sul fatto che, trattandosi di una fondazione che lavora già con gli adolescenti (gestisce infatti alcuni centri per minori nel cantone), possiede le conoscenze e le competenze necessarie in materia. Dall’altra vi è il fatto che il Cantone, oltre a dover definire il mandato, accompagnare lo sviluppo, validare il concetto pedagogico, dovrà garantire la vigilanza, e proprio quest’aspetto sarebbe ritenuto – secondo nostre informazioni – contraddittorio in quanto lo Stato dovrebbe controllare se stesso. Nel messaggio governativo dell’aprile 2015 (del 2017 quello aggiuntivo), al capitolo “Realizzazione e gestione su mandato”, si legge inoltre: “Una prima valutazione, sostenuta dai tre direttori di Dipartimento coinvolti, ha condotto a escludere una gestione diretta della struttura da parte del Cantone per ragioni principalmente di ordine strategico (si tratterebbe di un nuovo compito per il Cantone) e organizzativo (procedure amministrative più onerose a livello gestionale). È stata dunque adottata la soluzione di attribuire un mandato a un ente privato di utilità pubblica e senza scopo di lucro con cui il Cantone stipulerà un contratto di prestazione. Questa modalità di operare è già ampiamente praticata dalla Dasf (Divisione dell’azione sociale e delle famiglie, Dipartimento sanità e socialità, ndr) nei suoi diversi settori di intervento. La ricerca del partner, mirata verso enti già esperti nella gestione di strutture per minorenni, ha trovato la disponibilità della Fondazione Vanoni, che ha formalmente aderito al progetto nel mese di agosto del 2013, partecipando da lì in poi ai lavori”.

Da noi contattato, il presidente della Vanoni, Stefano Camponovo, allo stato attuale ritiene inopportuno pronunciarsi sulla questione: «Abbiamo appreso che il rapporto è stato firmato con riserva da tre granconsiglieri perché a differenza di quanto prospettato propongono che la gestione del centro sia assunta dal Cantone. Da parte nostra, fino a che il Gran Consiglio non si esprime, ci sembra rispettoso nei loro confronti e in quelli del parlamento evitare di fare delle fughe in avanti. Se si prenderà la via della gestione pubblica, sarà lo Stato a occuparsi di questo compito, se invece toccherà a noi, al momento debito ci siederemo al tavolo con il Cantone».

Lavoro compiuto solo quando la struttura aprirà

Intanto c’è un primo punto fermo ed è il via libera della commissione ‘Giustizia e diritti’ alla struttura. «Il rapporto favorevole della commissione parlamentare alla realizzazione di un centro educativo chiuso è un passo avanti molto importante - sottolinea il magistrato dei minorenni -. Il lavoro sarà tuttavia compiuto quando la struttura aprirà e potrà accogliere ragazzi e ragazze che oggi non sono seguiti adeguatamente. I fatti violenti - evidenzia Medici - con protagonisti minori sono in aumento in famiglia, nelle istituzioni, nei media, nel social in particolare, e nello spazio pubblico. Il collocamento, nel centro educativo, di giovani in grave difficoltà comportamentale potrà essere disposto da autorità civili, quali le Autorità regionali di protezione e le Preture, e da autorità penali ed è escluso che questa competenza venga estesa alla polizia, agli uffici sociali e alla scuola».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved