ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
4 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
4 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
4 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
4 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
4 ore

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
5 ore

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
6 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
6 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
6 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
07.02.2022 - 22:56
Aggiornamento: 23:11

Procedura elezione magistrati, ora si valutano le proposte

La parola ai gruppi parlamentari. Sabrina Aldi, presidente della commissione ‘Giustizia’: ecco i macro temi che la politica deve finalmente affrontare

procedura-elezione-magistrati-ora-si-valutano-le-proposte
Sabrina Aldi, alla guida della commissione parlamentare (Ti-Press)

Dopo la perizia affidata al professore e già presidente del Tribunale federale Claude Rouiller, dopo le audizioni, terminate la scorsa settimana con quella del giudice d‘Appello Werner Walser, alla testa del Consiglio della magistratura, e dopo una prima discussione in commissione, è arrivato il momento della sintesi. E meglio, il momento di fissare nero su bianco le proposte emerse, volte a migliorare la procedura di elezione dei magistrati e a riorganizzare il Ministero pubblico per rafforzare la vigilanza interna, così come deciso nel dicembre 2020 dal Gran Consiglio con il mandato attribuito alla ‘Giustizia e diritti’. La coordinatrice di quest’ultima, la leghista Sabrina Aldi, ha quindi elaborato e trasmesso oggi agli altri deputati della commissione granconsiliare una lista di questioni perché vengano esaminate e dibattute dai rispettivi gruppi parlamentari. «Mi auguro che le varie prese di posizione giungano nel giro di due, tre settimane», dice Aldi contattata dalla ‘Regione’.

La durata della carica

Con il coinvolgimento dei gruppi parlamentari, la discussione politica entra dunque a tutti gli effetti nel vivo. «Dal mio punto di vista, e a prescindere dalla perizia di Rouiller, ci sono almeno quattro macro temi che la politica deve assolutamente e finalmente affrontare - sostiene la presidente della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ -. Mantenendo il Gran Consiglio quale autorità di nomina dei magistrati, il primo è la durata della carica di procuratori e giudici: gli attuali dieci anni sono sufficienti? Andrebbero aumentati? Oppure i magistrati dovrebbero restare in carica fino alla pensione, evitando così la procedura di rielezione, ma non quella per un’eventuale destituzione?». Il secondo grosso tema individuato da Aldi, qualora si ritenesse preferibile ’conservare’ il mandato a termine, riguarda la procedura di rielezione, ovvero l’elezione dei magistrati che si ricandidano: «È opportuno che sia il Consiglio della magistratura - oggi chiamato, in caso di segnalazione, a valutare l’operato di giudici e procuratori, infliggendo eventuali sanzioni disciplinari - a pronunciarsi, con relativo preavviso al Gran Consiglio, sull’idoneità alla carica di chi postula un nuovo mandato? E più in generale, è opportuno che per il medesimo concorso e per la medesima funzione intervengano, come ora, due autorità, cioè il Consiglio della magistratura e la Commissione di esperti, questa tenuta ad esprimersi sull’idoneità a ricoprire la carica di coloro che aspirano a un posto in magistratura? Due autorità che, ripeto, per lo stesso concorso e la stessa funzione adottano però criteri di valutazione diversi. Non sarebbe il caso di studiare un nuovo sistema per l’elezione dei magistrati che si ricandidano?». Terzo macro tema: «Secondo me è necessario che le autorità interessate dalle procedure di rielezione ed elezione - quindi Consiglio della magistratura, Commissione di esperti e commissione ‘Giustizia e diritti’ - dispongano di regolamenti che disciplinino in maniera chiara i diritti dei candidati, a cominciare dal diritto di essere sentito, affinché le procedure siano trasparenti».

Procura e vigilanza interna

Quarto macro tema: «La riorganizzazione del Ministero pubblico per accrescere la sorveglianza interna da parte della Direzione della Procura», indica Aldi. E in questo discorso, ricorda la coordinatrice della ‘Giustizia e diritti’, si inserisce anche l’iniziativa parlamentare depositata un paio di mesi fa da Marco Bertoli per il gruppo Plr. Propone di assegnare al parlamento la competenza di eleggere unicamente la Direzione del Ministero pubblico. Un vertice a cinque: “procuratore generale” e “quattro procuratori capo”, di cui “uno sostituto del pg”. Sarebbe poi la Direzione a nominare gli altri procuratori pubblici. Un’iniziativa che se accolta aprirebbe nuovi scenari.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved