ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
16 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
16 ore

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
17 ore

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
Mendrisiotto
17 ore

A Vacallo un’azione contro la violenza sulle donne

Per tutta la giornata del 25 novembre sono esposte sulle scale della chiesa di Santa Croce 13 paia di scarpe, quanti i femminicidi in Svizzera nel 2022
07.02.2022 - 10:19
Aggiornamento: 20:36

Urne in vista, oltre 12mila firme per un salario minimo sociale

Il comitato iniziativista ha consegnato alla Cancelleria dello Stato le sottoscrizioni raccolte. ‘Basta avvantaggiare imprenditori disonesti’

urne-in-vista-oltre-12mila-firme-per-un-salario-minimo-sociale
Ti-Press
Il comitato iniziativista

È grande e condivisa la soddisfazione espressa dal comitato d’iniziativa che stamattina a Bellinzona ha consegnato quasi 13mila firme alla Cancelleria dello Stato per un salario minimo sociale. Per la riuscita dell’iniziativa popolare costituzionale – lanciata lo scorso 29 ottobre da Ps, Pc, Pop, Giso, Verdi e dai sindacati Vpod, Unia e Syndicom – ne bastavano 10mila. «Considerando anche la pandemia, il periodo delle festività e i mesi invernali è sicuramente un risultato molto chiaro, che dimostra che nella popolazione questo tema è particolarmente sentito in maniera trasversale tra persone che votano tutti i partiti o magari non votano perché deluse dalla politica attuale», commenta Laura Riget, copresidente del Partito socialista. L’iniziativa persegue due obiettivi. Da una parte mira ad alzare il salario minimo alla soglia che corrisponde alle prestazioni complementari Avs-Ai, quindi ad almeno 21,50 franchi orari, ancorandolo alla Costituzione. «Una somma non estremamente alta, ma si tratta del massimo permesso dagli spazi di manovra giuridici a livello cantonale», considera Riget. Dall’altra parte si prefigge di togliere la possibilità di deroga alla sua applicazione per i settori in cui è in vigore un Contratto collettivo di lavoro (Ccl). Possibilità questa sfruttata lo scorso autunno dall’associazione/sindacato TiSin che ha stipulato con alcune ditte del Mendrisiotto contratti che contemplano retribuzioni orarie ben al di sotto del minimo legale. «Le vicende legate allo pseudo-sindacato leghista TiSin hanno dimostrato ancora una volta l’importanza di migliorare la legge attuale per garantire veramente un salario minimo sociale a tutte le lavoratrici e i lavoratori del nostro cantone», afferma la copresidente socialista, che aggiunge: «Il fatto che questa iniziativa sia sostenuta in maniera compatta dai partiti di sinistra e da tre sindacati è un buon auspicio anche in ottica della votazione. Nel frattempo mi auguro che si crei anche una discussione in senso ampio sul mercato del lavoro in Ticino».

Unia: è il minimo puntare al massimo

Anche per Giangiorgio Gargantini, segretario regionale del sindacato Unia Ticino, il bilancio della raccolta firme è decisamente positivo: «È sempre un esercizio interessante prima di tutto perché mette a contatto con la popolazione e permette di sviluppare il dibattito. Inoltre il numero di sottoscrizioni è molto alto, ben al di là di quanto necessario». Secondo il sindacalista la modifica di legge è necessaria innanzitutto per togliere l’opportunità che è stata data «in maniera sciagurata» di derogare ai Ccl. «Al momento in cui l’iniziativa dei Verdi (accettata in votazione popolare nel 2015 ed entrata in vigore il 1 dicembre scorso, ndr) era stata presentata abbiamo detto chiaramente che sarebbe stata pericolosa. Siamo stati cattivi profeti, visto quanto successo con lo pseudo contratto collettivo TiSin - Ticino Manufacturing». Spiegando come anche in altri cantoni, ad esempio nel Giura, siano previste possibilità di derogare, Gargantini evidenzia come però «mai nessuno si è inventato un sindacato per poterlo fare. È successo solo in Ticino, ciò significa che tale opzione non deve essere data». Alla domanda se 21.50 franchi orari siano un salario dignitoso, il segretario regionale Unia risponde un chiaro “no”: «Non permette di vivere dignitosamente in Ticino, ma dal punto di vista giuridico è il massimo possibile. Quindi il minimo che si possa fare è tendere a questo massimo – commenta –. Ce lo chiedono i ticinesi, i lavoratori e le lavoratrici, e pure il Tribunale federale che nella sua recente decisione di rifiuto del ricorso presentato da 11 ditte ticinesi scrive di aver già avallato le stesse modalità di calcolo per il Canton Neuchâtel».

Pc: lo Stato non deve tappare i buchi

Le considerazioni di Alberto Togni, membro della direzione del Partito comunista, vertono sul fatto che «è inaccettabile che una parte di padronato si permetta di arricchirsi sulle spalle dei lavoratori lasciando poi allo Stato il compito di andare a coprire sotto forma di aiuti sociali quella parte di salario che non viene retribuita al lavoratore». Anche secondo Togni occorre lanciare un dibattito sul tipo di mercato del lavoro che si vuole nel cantone: «Si tratta di scegliere tra un’economia dove il lavoratore ottiene un giusto compenso senza che lo Stato debba tappare i buchi, e una fatta di aziende che si insediano nel territorio solo per poter sfruttare la manodopera a basso costo e addirittura sostituirla con lavoratori d’oltre frontiera costringendo inoltre le giovani generazioni a cercare lavoro altrove». Leonardo Schmid, membro di comitato del Partito operaio popolare, dal canto suo sottolinea come l’iniziativa dia anche una mano «a quei sindacati che portano avanti un discorso di negoziazione collettiva per andare verso l’alto invece che a quelle pseudo organizzazioni sindacali che vanno a sostegno del padronato». Sempre sul discorso delle scappatoie aziendali, Samantha Bourgoin, co-coordinatrice dei Verdi, dichiara come «dopo la prima proposta di salario minimo presentata, si è reso necessario un miglioramento della legge visto che in Ticino abbiamo degli ex alleati che si sono inventati degli escamotage». A spiegare il motivo del ricorso a un’iniziativa popolare è Fabrizio Sirica, copresidente del Ps: «Nonostante i tentativi di agire a livello di Gran Consiglio, opposto a noi c’era un blocco di altri deputati, tra cui Plr e Ppd, che abbiamo interpellato ma non hanno voluto risolvere la situazione a livello parlamentare. Per questo è stata necessaria la militanza che è scesa in campo nella raccolta firme». Un appunto infine sulle tempistiche: «Non possiamo permettere che i partiti borghesi tengano ancora in ostaggio un tema fondamentale per i ticinesi e che trascorrano ancora quasi 10 anni per l’applicazione – dice Sirica –. Dovremo fare tutta la pressione possibile affinché si rispettino i termini legali per dare seguito a questa raccolta firme».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved