ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
6 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
6 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
11 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
13 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
13 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
15 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
16 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
16 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
17 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
17 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
17 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
Ticino
17 ore

Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni

La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
17 ore

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
17 ore

Gudo, festa di San Nicolao con Acli

Appuntamento per domenica 4 dicembre dalle 11.30 al campo sportivo
Mendrisiotto
17 ore

A2, tra terza corsia che verrà e potenziamenti in atto

Il deputato Alessandro Speziali (Plr) ne chiede conto al Consiglio di Stato. E interroga sull’impatto ambientale e fonico del progetto PoLuMe
Bellinzonese
18 ore

Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco

Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Locarnese
19 ore

‘Libertà, di cosa è il nome?’ alla Corporazione Borghese

La Società Dante Alighieri di Locarno organizza giovedì 1º dicembre alle ore 18 la conferenza con il filosofo Fabio Merlini
Bellinzonese
20 ore

Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’

Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
22 ore

Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese

Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
03.02.2022 - 18:55
Aggiornamento: 19:20

Il Plr: ‘Livelli da superare con un vero cambio di paradigma’

Rivedere il concetto di orientamento, diversificazione in più materie, attenzione al post scuola media e obiettivo 2023. Speziali: ‘Riforma sia condivisa’

il-plr-livelli-da-superare-con-un-vero-cambio-di-paradigma
Ti-Press

«I livelli alla Scuola media vanno superati con un autentico cambio di paradigma». Ancora agli albori, ancora pura creta da plasmare, ma intanto è sul tavolo. La proposta del Plr, tra i più fieri sulle barricate contro il progetto del Dipartimento educazione, cultura e sport affossato dal Gran Consiglio la scorsa settimana, non ha tardato ad arrivare. E lo fa superando col piede pesantemente sull’acceleratore il dibattito attuale che vede protagonista la possibile iniziativa popolare della Vpod per la cancellazione tout-court dei livelli: “La nuova riforma dovrebbe ripensare l’insegnamento di più materie rispetto a matematica e tedesco (le due materie attualmente suddivise in livelli A e B), affinché possano essere meglio sviluppate le singole – nonché nuove – competenze degli allievi. Si tratta di orientare l’insegnamento”, si legge nel comunicato del Partito liberale radicale. Che fornisce un esempio concreto su cosa intenda per ‘concetto di orientamento’. “È necessario che gli allievi sviluppino le loro attitudini e i loro interessi. Come? Con percorsi opzionali differenziati, in classi più piccole e questo in più materie”. Cioè? “Da un lato un approccio più astratto e con obiettivi d’approfondimento. Ad esempio, per l’italiano, competenze letterarie basate sulla dimensione estetica, formale, culturale. Dall’altro, un approccio più versatile e mirato al ‘saper fare’. Quindi, sempre per l’italiano, una formazione linguistica pragmatica e basata su un uso funzionale e quotidiano della lingua”.

Superamento dei livelli o ampliamento dei livelli? Speziali: ‘Un passo avanti e uno di lato’

Una divisione non da poco. Per più materie rispetto a matematica e tedesco come oggi. In italiano, esempio usato dal Plr, alcuni studierebbero Dante e Manzoni per andare al Liceo e altri l’analisi logica o l’oratoria per concentrarsi sul mondo del lavoro? Non è un ampliamento dei livelli, più che un superamento? «È un equivoco che evidentemente dobbiamo sciogliere ed evitare, anche perché alcuni hanno interesse ad alimentarlo» premette rispondendo alla ‘Regione’ il presidente del Plr Alessandro Speziali. «Il problema oggi è che si dividono gli allievi tra veloci e meno veloci, bravi e meno bravi. Con il nostro modello, si tratta di distinguere tra i più bravi o i più preparati in un approccio e allievi che lo sono nell’altro approccio. Non per creare allievi di serie A e serie B, ma per avere una concezione diversa di alcune materie: un po’ di tronco comune, un po’ di corsi a scelta e un po’ di approcci differenziati». In modo che, continua Speziali, «le aziende non sceglieranno semplicemente più tra bravi o meno bravi ma saranno incuriosite a convocare quelli con un maggior numero di competenze pratiche». Insomma, è questo che intende il presidente del Plr per «cambio di paradigma». E specifica: «Non è un salto indietro, ma un salto un po’ avanti e un po’ di lato. Perché ci siamo accorti che il Decs guardava solo alle differenze socioeconomiche che si manifestano in terza media. Evidentemente c’è un discorso sociale e di integrazione che va preservato, però noi con questa riforma non vogliamo solo guardare all’equità in terza media, ma dare anche un aiuto in più a chi esce dalla quarta». Non è semplice da spiegare. E Speziali lo riconosce. «Però questo è veramente un modo per andare incontro anche a tutti quelli che si occupano dei ragazzi dopo le Medie e che chiedono delle competenze più nuove, fresche, orientate alla formazione professionale, all’apprendistato, a un mondo che è cambiato». E con la coesione come la mettiamo? «La scuola ticinese è una fabbrica di coesione ed è nella nostra tradizione liberale radicale continuare su questo solco, ci mancherebbe. Oggi però è altrettanto importante prepararsi al mondo del lavoro per avere un posto nella società. Il nostro non è assolutamente classismo, ma un modo per preparare meglio i ragazzi al post obbligatorio».

‘Ripensare e rimodulare l’accesso al post obbligo’

Già, il post obbligo. Sono già previsti criteri di scelta per il medio superiore? «Oggi i ragazzi hanno l’ansia per i livelli A e B perché hanno il timore di cosa succederà dopo le Medie – afferma Speziali –. Il nostro scopo non è cambiare in terza media, togliere i livelli e chissà cosa accadrà in quarta o dopo. Uno degli aspetti principali dei livelli è cosa succede dopo i livelli, per noi è essenziale andare nella carne del problema e trovare un orientamento diverso in diverse discipline così da ripensare e rimodulare l’accesso al post scuola media. Che sia tutto coerente, rivisto, senza che i ragazzi abbiano l’ansia di dover raggiungere chissà quali obiettivi. I livelli sono l’anticamera di un problema, che vogliamo risolvere».

Obiettivo settembre 2023

E questi sono i contenuti. La creta da plasmare, si diceva. Perché il Plr è il primo a sapere che servirà costruire un ampio consenso, «in primis nel mondo della scuola». Ma con le tempistiche? La volontà liberale radicale è quella di inaugurare questo nuovo concetto con la prima campanella che suonerà a settembre 2023. Un anno elettorale, con il Decs che (probabilmente…) cambierà il suo direttore. Non è un eccesso di ottimismo, considerando campagne elettorali e nuovi insediamenti di Esecutivo e Legislativo? «Sappiamo che affrettando i tempi con l’obiettivo a settembre 2022 il Decs ha creato un sacco di scetticismo. Affrettare non è la strada, quindi ci siamo detti di prenderci più tempo», premette Speziali. D’altro canto, «se cerchiamo veramente di portare avanti insieme un modello e lo facciamo da subito, con più di un anno a separarci dalle elezioni, e se ci lavora soprattutto il mondo della scuola che è al riparo da interessi elettorali, la nostra tempistica è possibile. Con tutti i partiti che fanno uno sforzo a difendere un modello che trova una maggioranza presso gli attori della scuola per me anche un eventuale nuova direzione del Decs può raccogliere il testimone e portare avanti il progetto». Senza appello: «Possiamo e dobbiamo farlo, con l’impegno di tutti, questa riforma deve essere condivisa. Saremmo incoerenti a defilarci in campagna elettorale, noi ci siamo mossi con la voglia di riformare la scuola: se facessimo saltare il banco faremmo solo una pessima figura».

La condivisione sarà necessaria. Più che necessaria, anzi. Il Plr ne è cosciente? «Assolutamente sì ed è il nostro intento far valere lo spirito della condivisione che porti a una riforma. Non cerchiamo un posto al sole, perché sarebbe il primo ostacolo verso dei risultati. L’invito è quello di lavorare duramente in questi mesi per trovare un gruppo di lavoro, un coordinamento soprattutto con tutto il mondo dell’insegnamento per arrivare blindati a creare, con la politica, un modello che veramente piaccia». Il Plr, dice ancora Speziali, «mette a disposizione tempo, buona voglia, conoscenze ed esperienze. Non vogliamo né imporre né un modello, né un metodo. Con direttori e insegnanti condivideremo anche il metodo per arrivare alla riforma, non solo i contenuti: non vogliamo essere gli ufficiali, ma aiutare senza cercare medaglie o menzioni. Per noi è fondamentale partecipare a questa riforma essenziale, coinvolgendo anche il Decs nella progettazione dei contenuti».

Manuele Bertoli: ‘Attendo che chi avanza idee lo faccia nelle dovute forme’

«Per il momento non è chiaro se il Plr voglia costruire un nuovo modello a partire dall’abolizione della separazione strutturale degli allievi per presunte capacità. Questo punto va chiarito da subito, per evitare equivoci – afferma, da noi interpellato, il direttore del Decs Manuele Bertoli –. Comunque, nella misura in cui arriveranno delle proposte concrete, il Decs si farà parte attiva nel convocare un tavolo di lavoro rappresentativo, ma per il momento attendo che chi intende avanzare idee lo faccia nelle dovute forme».

Aggiunge il consigliere di Stato: «Istituzionalmente mi sembra problematico voler coinvolgere in un lavoro di partito dei quadri della scuola (direttori, esperti), che per loro ruolo rispondono all’istituzione, non ai partiti a cui sono vicini. Non credo che il mio collega Vitta farebbe salti di gioia se il Ps costruisse una riforma fiscale appoggiandosi apertamente ai quadri della Divisione delle contribuzioni».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved