dopo-12-anni-svolta-per-il-centro-educativo-chiuso-per-minori
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
37 min

Aumenta la popolazione scolastica in Bassa Vallemaggia

Ai Ronchini una sezione in più delle elementari; arriva una nuova docente e viene istituita la figura del vicedirettore.
Ticino
3 ore

‘Nessuno sta sotto i ponti. Malessere giovanile, non economico’

Presentati gli aggiornamenti del Morisoli Welfare Index. Pamini: ‘Lo Stato sociale è da riformare integralmente ripensando l’uso delle attuali risorse’
Luganese
3 ore

Gestione acquedotto Collina d’Oro, è riuscito il referendum

Si andrà a votare sulla proposta del Municipio d’istituire il passaggio della gestione dell’impianto alle Ail. Il sindaco: ‘non ritiriamo il messaggio’
Mendrisiotto
3 ore

Pannelli fotovoltaici per tutti a Mendrisio

In una mozione interpartitica un gruppo di consiglieri comunali propone di lanciare una raccolta fondi per estendere gli aiuti anche agli inquilini
Ticino
12 ore

‘Norme moderne e solide per la Cantonale e le polcom’

Il capo del Dipartimento istituzioni Gobbi sulla revisione totale della Legge polizia.Il comandante Cocchi: si è iniziato a lavorare dieci anni fa
Ticino
13 ore

Scuole post obbligatorie, riconosciuta la parità formale

Le licenze di scuola media non avranno più la ‘menzione Sms’, che creava un’asimmetria per l’accesso alle scuole professionali e a quelle medio superiori
Luganese
14 ore

Bioggio: fermato un cantiere, indizi di reperti archeologici

Proprietario di una casa in costruzione ‘bloccato’ per dar luogo alle indagini dell’Ufficio cantonale dei beni culturali
Bellinzonese
14 ore

Entra finalmente nel vivo la nuova stagione estiva di Carì

Dallo scorso weekend gli impianti di risalita sono in funzione sino a quota 2’000 metri, scatta un ricco programma di attività
Luganese
15 ore

Cureglia, arriva la pavimentazione fonoassorbente

I lavori, previsti in via Cantonale e via Campagna, si svolgeranno dall’11 luglio al 30 settembre
Bellinzonese
15 ore

La ’ndrangheta prende il treno: inchiesta terminata a Milano

Probabile rinvio a giudizio per i fratelli Rossi, titolari anche della Gcf di Bellinzona indagata in Ticino (cantiere Monte Ceneri) ma non in Italia
Locarnese
15 ore

Frontale scooter-auto a Corcapolo, ferite gravi per il centauro

L’incidente intorno alle 15.45 sulla strada cantonale all’altezza dell’intersezione per Calezzo. Il ferito portato in ospedale da un elicottero della Rega
Ticino
15 ore

Livelli a scuola, ‘usiamoli come indicatori e non come criteri’

È una delle proposte del Consiglio cantonale dei giovani, che chiede anche 5 anni di scuola media e maggiore sensibilizzazione su droghe e alcol
Luganese
16 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Vaglio e Sala

Il cantiere per il risanamento fonico inizia giovedì 14 luglio. Traffico regolato con semafori o agenti di sicurezza.
Locarnese
16 ore

Concerto bandistico a San Nazzaro

Si esibisce l’Unione filarmonica Gambarognese
Bellinzonese
16 ore

Festa delle Costine con la Pro Carasso-Galbisio

Domenica 17 luglio a partire dalle 9.30 inizieranno i primi voli in elicottero fino ai Monti Marno, solo in caso di bel tempo
Locarnese
16 ore

Minusio, festa al Portigon

Due serate di musica proposte dal Fans club Hcap Locarnese e Valli
Bellinzonese
17 ore

Manca poco al calcio d’inizio del Torneo dei Bar

La manifestazione organizzata dal Leventina Calcio avrà luogo dal 13 fino al 16 luglio a Rodi-Fiesso, buvette e griglia tutte le sere
laR
 
02.02.2022 - 05:15
Aggiornamento: 07:32

Dopo 12 anni svolta per il Centro educativo chiuso per minori

Compromesso in commissione: tolta la contenzione fisica. La firma del rapporto unico – anche da parte del Ps – dovrebbe giungere lunedì prossimo

Sembrerebbe essere giunta a una svolta la tanto discussa questione del Centro educativo chiuso per minori (Cecm) previsto ad Arbedo-Castione che da anni tiene banco in politica. Sono trascorsi 12 anni da quando i Giovani liberali radicali hanno raccolto e inoltrato alla Cancelleria cantonale oltre 12mila firme a sostegno dell’iniziativa popolare ‘Le pacche sulle spalle non bastano!’, con cui chiedevano una struttura pubblica adeguata sul territorio cantonale per la detenzione preventiva, le pene di privazione della libertà e le misure protettive stazionarie per minori. Ancora pochi giorni fa, esprimendosi sulla questione ai microfoni della Rsi, il magistrato dei minorenni Reto Medici aveva ribadito la necessità dell’apertura di un tale Centro, sottolineando come il messaggio governativo sia fermo sui tavoli del Gran Consiglio fin dal lontano 2015. Proprio lunedì scorso però la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ ha compiuto passi decisivi per giungere a un rapporto definitivo che dovrebbe essere firmato la prossima settimana. A dividere i deputati/commissari era soprattutto la questione della contenzione fisica inserita nella proposta di legge allegata al messaggio, invisa ai rappresentanti del Partito socialista. Misura che è stata eliminata, portando così all’adesione al progetto da parte della sinistra della ‘Giustizia e diritti’.

Maderni: è stato portato avanti un lavoro collegiale

«Siamo nella fase finale di un rapporto condiviso con tutta la commissione – dice con soddisfazione la liberale radicale Cristina Maderni, che ha stilato la bozza di documento –. È stato discusso ancora lunedì scorso e ora aspettiamo solo una risposta dal Consiglio di Stato su un dettaglio del decreto che dovrebbe arrivare in questi giorni. Dopodiché tornerà sul tavolo della commissione all’inizio della prossima settimana e a meno di imprevisti dell’ultimo minuto dovrebbe essere firmato anche dai socialisti, con eventuale riserva. C’è la volontà di tutti di portare la proposta a termine». Ci si attende dunque un rapporto unico e questo grazie al fatto che è stata eliminata dalla legge la parte della contenzione. «In questo tempo sono stati fatti diversi approfondimenti e sono stati apportati dei miglioramenti, anche perché il messaggio risaliva al 2015 e nel frattempo sono intercorsi una serie di cambiamenti e ci sono stati i giusti adeguamenti a quelle che sono l’attuale situazione e l’attuale prassi – considera Maderni –. Siamo tutti contenti di aver potuto migliorare quanto previsto e di aver portato avanti un lavoro collegiale. La volontà era di arrivare a concludere perché tutte le parti da noi audizionate hanno espresso l’importanza di realizzare una struttura di supporto ai giovani che affrontano situazioni particolari critiche». Se la firma arriverà effettivamente lunedì, il rapporto dovrebbe già approdare in Gran Consiglio nella sessione che si aprirà il 21 febbraio. «Questo però – sottolinea la deputata del Plr – è solo il punto di partenza, poi lo sviluppo del concetto pedagogico spetterà agli esperti del settore. Noi diamo lo strumento ma saranno loro a dover mettere i contenuti».

Lepori: decisivo il venir meno dell’aspetto carcerario

Si esprime con toni meno convinti Carlo Lepori, deputato socialista al Gran Consiglio e membro della commissione ‘Giustizia e diritti’, che conferma con un “sì” un po’ reticente il fatto che il rapporto unico sarà firmato anche dai commissari del suo partito, magari con riserva. «Siamo giunti a un compromesso ma da parte nostra rimangono un po’ di sentimenti misti a proposito di questo centro chiuso – commenta Lepori –. È stato un iter piuttosto travagliato. All’inizio io e molti altri eravamo contrari di principio al progetto, però nel frattempo abbiamo sentito molti pareri. Alcuni dicevano che la proposta è sbagliata, ma altri sostenevano che, se fatta bene, una nuova struttura di accoglienza potrebbe essere utile». L’adesione è giunta però solo dopo lo stralcio dalla proposta delle misure restrittive della libertà: «Per noi era imprescindibile che fosse tolto l’aspetto carcerario decisamente problematico. Poi abbiamo anche chiarito le possibilità di ricorso nel caso di misure restrittive simili a quelle in vigore per gli ospedali psichiatrici, con una commissione giuridica già esistente e preparata a discutere e a trattare questi tipi di problemi». Per i socialisti è fondamentale che la struttura non abbia uno scopo punitivo: «Il Centro non deve essere un riformatorio o un deposito dove si mettono questi giovani per qualche mese sperando che succedano miracoli perché sono chiusi dentro, ma dev’essere molto attivo a livello pedagogico e educativo». Per questo, spiega il deputato del Ps, 125mila franchi dei 3 milioni e 345mila del credito serviranno ad approntare un progetto educativo fatto con gli uffici cantonali che si occupano dei problemi della famiglia e dovrà essere accettato dalla Confederazione. «Il governo ha sottolineato che non possiamo suddividere il credito ma dobbiamo approvare tutto, quindi diamo il via libera all’intero ammontare che però sarà gestito in due fasi. Poi se nell’ipotesi poco probabile che la Confederazione (che cofinanzierà il progetto con altri 3 milioni, ndr) non fosse d’accordo o in caso ci fossero altri problemi, il resto del credito verrebbe bloccato». Commenta Lepori: «Adesso andiamo avanti, speriamo che tutto funzioni bene. Accettiamo il rapporto come l’abbiamo formulato e vediamo quale concetto pedagogico e educativo verrà messo in campo. Vorremmo inoltre cambiare il nome, ad esempio in Centro di accoglienza, perché Centro chiuso – ribadisce – proprio non ci piace. È una questione di forma, ma che fa capire anche il senso dell’operazione».

Leggi anche:

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carlo lepori centro educativo chiuso cristina maderni rapporto commissionale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved