sergi-livelli-il-no-all-emendamento-e-stato-coerente
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
47 min

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
48 min

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
58 min

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
1 ora

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
1 ora

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
1 ora

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
2 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
3 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
3 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
4 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
5 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
5 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
6 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
7 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
13 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
13 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
laR
 
29.01.2022 - 05:30

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il tabellone del Gran Consiglio al termine della votazione che, mercoledì notte, ha sancito lo stop alla sperimentazione del superamento dei livelli chiesta con un emendamento al Preventivo dal Consiglio di Stato parlava chiaro: c’erano tre pallini rossi, in alto a sinistra. Tre voti contrari, quelli del Movimento per il socialismo, che alla fine sono risultati decisivi per l’affossamento della proposta del direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport Manuele Bertoli. Tre tasti rossi premuti che hanno provocato una tempesta a sinistra, dentro e fuori dal parlamento. «Non era in discussione una riforma della scuola media né l’abolizione dei livelli, si discuteva di un progetto che la maggioranza dei docenti e pure l’Mps ha ritenuto critico. Era nostro pieno diritto votare contro», dice a colloquio con ‘laRegione’ il coordinatore del Movimento per il socialismo Giuseppe Sergi. Conscio, come tutti - a partire da famiglie, docenti e allievi - che i problemi restano sul tavolo e vanno risolti.

Bocciata la proposta del Decs, il sindacato Vpod pare pronto a lavorare a un’iniziativa popolare che chiede la cancellazione dei livelli. Voi come vi posizionate?

Non siamo stati invitati a questa assemblea, ma di principio non siamo contrari. Anche se nella documentazione ho letto che per quanto riguarda il passaggio alle scuole medie superiori sarebbero queste a decidere i criteri, nel caso i livelli venissero davvero aboliti. Questo per noi sarebbe problematico. Saremmo favorevoli se, oltre a mettere al centro la questione dei livelli, ci fossero anche elementi di riforma della scuola media.

Ad esempio?

La prima cosa da affrontare è una vera riforma che tenga conto dei problemi della scuola media, che non sono solo i livelli, e che tenga conto di cosa c’è a monte e anche a valle. Non a caso nelle due prese di posizione delle scuole medie superiori c’era molto scetticismo, dal momento che non si prevedeva come integrare il problema dei livelli col proseguimento nel medio superiore. Noi riteniamo, e vedremo se entrerà nell’ottica della Vpod, che bisogna togliere tutte le limitazioni sia nell’ambito della formazione professionale sia nell’ambito scuole medie superiori, e che i livelli vadano aboliti come certificazione. Poi, non meno importante, occorre sviluppare una formazione d’integrazione all’interno della scuola che sostituisca i livelli. Il mondo degli insegnanti era estremamente critico sul progetto del Decs: Ocst, Movimento della scuola, collegi docenti. Non bisogna ripetere l’errore di non ascoltare chi la scuola la fa ogni giorno.

Bertoli in aula ha rivendicato il fatto che la scuola media funziona bene, però.

La scuola media fa acqua da tutte le parti e, ripeto, non solo perché ci sono i livelli. Non si può fare, come voleva Bertoli, una riforma dei livelli e toglierli senza occuparsi del problema dei programmi d’insegnamento. Un solo esempio: se qualcuno è soddisfatto dell’insegnamento delle lingue nella scuola media alzi la mano. Le statistiche sui licei e il fatto che siamo il cantone col più alto numero di scioglimento di contratti di apprendistato vuol dire che il biennio di orientamento non funziona.

Domanda secca, risposta secca: voi avete un problema personale con Manuele Bertoli?

No, non abbiamo alcun problema personale col direttore del Decs. L’emendamento era del Consiglio di Stato, non di Bertoli. Noi, due anni fa, abbiamo chiesto le sue dimissioni unite a quelle del direttore della Divisione della scuola Berger non perché volevano riaprire le scuole, ma criticando il fatto che avevano deciso la cosa infischiandosene realmente e radicalmente del punto di vista dei docenti. Questo modo di fare non è più accettabile perché non è democratico né inclusivo, dicevamo. Ecco, oserei dire che in questo contesto, sui livelli, si è sviluppato lo stesso concetto. Eravamo molto arrabbiati per questo modo di agire.

E avete votato contro, d’accordo. Molte volte, però, i vostri deputati Pronzini, Arigoni e Lepori non votano, non partecipano, si astengono… Con tre astensioni la sperimentazione sarebbe passata, vi dicono anche da sinistra.

La nostra è stata una chiara scelta, di cui eravamo convinti fin dall’inizio. Niente di personale, ripeto.

Sì, però su Facebook sono stati più di qualcuno i commenti, anche direttamente nelle pagine dell’Mps e di Matteo Pronzini, che vi hanno accusato di aver votato con la destra, di aver bloccato da sinistra qualcosa che famiglie e studenti auspicavano invece andasse avanti. Anche alcuni vostri militanti, a quanto si legge, sono parecchio delusi. Ps e Pc vi hanno attaccati frontalmente. Come risponde?

Rispondo che all’epoca non c’erano i social, ma le mail e le lettere che abbiamo ricevuto al momento delle votazioni sulla libera circolazione erano dello stesso tono: ‘Ma come, voi internazionalisti fate campagna per il no assieme a Bignasca o alla Lega?’. Il nostro no era diverso, era di sinistra. Come è andata a finire sul dumping e le misure di accompagnamento è lì da vedere. In questo caso la configurazione è simile, con un no di sinistra. Penso che qualcuno possa essere arrabbiato e pensare che abbiamo sbagliato, va bene, ma noi abbiamo una linea di opposizione al governo e siamo coerenti. Così come abbiamo una linea diversa anche dall’altra famiglia della sinistra, come la definiamo noi.

Non teme un boomerang elettorale, a un anno e poco più dalle Cantonali?

No. E anche se fosse, le nostre posizioni non le costruiamo per ragioni elettorali come fa qualcun altro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mps scuola media superamento dei livelli
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved