cresce-l-interesse-per-la-citta-dei-mestieri
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
29 min

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
31 min

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più’

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
4 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
4 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
5 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
5 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
5 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
5 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
5 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
5 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
5 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
5 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
5 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
5 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
6 ore

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
6 ore

Giudici di pace riuniti a Losone

L’Assemblea annuale si terrà sabato al Centro la Torre
28.01.2022 - 18:22
Aggiornamento : 18:45

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale

Sono state oltre 7’600 le persone che l’anno scorso si sono rivolte, gratuitamente e senza appuntamento, alla Città dei mestieri, la struttura per consulenze, partecipazioni a eventi legate al mondo del lavoro e della formazione. La progressione è stata di oltre il 70% rispetto al 2020. Il primo semestre 2022 si apre con 70 eventi già in agenda e un padiglione virtuale nella fiera Swiss Virtual Expo, vincitrice del premio Möbius 2021. Sono questi i principali dati resi noti dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) e il Comitato guida della Città dei mestieri della Svizzera italiana per il secondo anno di attività. L’anno scorso la struttura di Bellinzona ha conseguito il label “en fonctionnement”, entrando così a tutti gli effetti nella rete internazionale delle Città dei mestieri.

Questo secondo anno di attività, seppur ancora segnato dalle difficoltà legate al coronavirus e alle restrizioni in vigore, si è distinto per il raggiungimento di due importanti traguardi. Nell’intervento di apertura, Manuele Bertoli, direttore del Decs, ha espresso soddisfazione per l’ottenimento del label definitivo di Città dei mestieri da parte del Réseau International des Cités des métiers con sede a Parigi. La Città dei mestieri della Svizzera italiana è ora formalmente la ventiseiesima struttura riconosciuta a livello internazionale, la seconda in Svizzera dopo quella di Ginevra, in una rete estesa in 7 nazioni e 3 continenti. Proseguendo con lo spirito d’iniziativa e la grande flessibilità dimostrati nel 2021, la Città dei mestieri della Svizzera italiana ha inoltre segnato un rilevante aumento dell’utenza, in particolare negli eventi di presentazione delle opportunità formative di base e superiore, per giovani e adulti, rafforzando sinergie e collaborazioni con le organizzazioni del mondo del lavoro.

Per Nicola Pini, presidente del Comitato guida che riunisce rappresentanti degli uffici cantonali coinvolti e le principali organizzazioni professionali e sindacali cantonali, il secondo anno di attività ha permesso di sviluppare ulteriormente il partenariato pubblico-privato e di coinvolgere ancora più attivamente i partner esterni e le organizzazioni del mondo del lavoro, in particolare nell’elaborazione e animazione del programma di eventi, con tanto di presentazioni di professioni e momenti di assunzione promossi da aziende o associazioni di categoria. Un’attenzione particolare, in questo senso, è stata dedicata alla formazione professionale, per i posti di apprendistato ma anche per i percorsi del terziario professionale. Inoltre, grazie al marchio ProMuove, la Città dei mestieri ha sostenuto interessanti iniziative sul territorio, ampliando ulteriormente sinergie e collaborazioni. Fra gli aspetti qualitativi da segnalare, oltre il già citato ottenimento della certificazione internazionale, anche il riscontro positivo di molti utenti, che negli appositi formulari hanno lodato disponibilità, professionalità e serietà dei consulenti. Infine, Pini ha rilevato come la Città dei Mestieri, grazie in particolare al suo Centro di documentazione e ai computer a disposizione dell’utenza, abbia permesso a diverse persone – se necessario con la dovuta consulenza – di effettuare ricerche di lavoro o candidature online, sostenendo così chi, in questa pandemia, ha sofferto della mancanza di conoscenze o infrastrutture informatiche.

Tatiana Lurati Grassi, capo dell’Ufficio della formazione continua e dell’innovazione della Divisione della formazione professionale, ha presentato una sintesi dell’attività. Nel 2021 si è constatato un incremento rilevante dell’utenza: 7’646 persone hanno usufruito di uno o più servizi offerti dalla struttura, 3’187 rispetto al 2020 (+71%). Si sottolinea in particolare un aumento di utenza negli eventi (+2’634 persone), nel centro di documentazione multimediale (+147 persone) e nelle consulenze dell’area Orientarsi (+111 persone). Nel 2021 sono stati organizzati 260 eventi, più che raddoppiati rispetto ai 114 del 2021, in presenza (48%) o online (52%).

I dati 2021 confermano che i fruitori della Città dei mestieri sono un pubblico diversificato. Vi è una sostanziale omogeneità tra uomini (52%) e donne (48%). Più della metà delle persone che si è rivolta alla struttura è in età adulta (55%), seguono i giovani tra i 18 e 25 anni (27%) e i ragazzi e ragazze con meno di 18 anni (18%). L’area di consulenza individuale maggiormente sollecitata è stata ‘Orientarsi’ (38%), seguita da ‘Trovare lavoro (30%), ‘Perfezionarsi e riqualificarsi’ (21%) e ‘Vivere l’apprendistato’ (11%).

Questo terzo anno di attività si apre con una ricca agenda degli eventi, 70 già programmati nel primo semestre 2022, e l’inaugurazione di un padiglione della Città dei mestieri della Svizzera italiana nella fiera Swiss Virtual Expo organizzata dall’associazione Ated e vincitrice del premio Möbius 2021 per la categoria “editoria mutante”. Il padiglione della Città dei mestieri della Svizzera italiana ha 25 stand, nei quali è possibile scaricare opuscoli informativi e visionare video. Oltre allo stand principale, vi sono 18 stand dei settori professionali con collegamenti diretti al sito www.orientamento.ch verso le professioni che si possono apprendere con la formazione professionale di base e 6 stand nei quali è possibile informarsi sul sistema formativo svizzero, sulla maturità professionale, come cercare un posto di apprendistato, sulla formazione professionale superiore e quella continua e sulle possibilità per apprendere una lingua straniera o per esperienze di mobilità. Si tratta di un progetto pilota che permetterà di esplorare nuove tecnologie e opportunità innovative per raggiungere in particolare il pubblico giovane alla ricerca di informazioni sulle professioni e sui percorsi formativi di base e superiore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
città mestieri svizzera formazione professionale mestieri svizzera italiana
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved