prestazione-ponte-covid-il-governo-propone-la-proroga
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
21 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
23 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
28.01.2022 - 10:52
Aggiornamento : 17:19

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo

La prestazione ponte Covid verrà prorogata per almeno altri sei mesi, prorogabili fino alla fine del 2023 e con effetto retroattivo allo scorso 1° gennaio. La proposta del Dipartimento della sanità e della socialità (Dss) è stata fatta propria dal Consiglio di Stato che ha trasmesso il relativo messaggio all’attenzione della commissione competente del Gran Consiglio.

La prestazione ponte Covid, ricorda il Governo, “è una misura supplementare e complementare al sistema federale e cantonale di sicurezza sociale e agli aiuti puntuali erogati dalla Confederazione, dal Cantone, dai Comuni e dagli enti attivi sul territorio. Essa si rivolge in modo mirato alle persone che stanno attraversando un periodo di difficoltà economica a causa della pandemia di Covid-19, con particolare attenzione ai lavoratori indipendenti e ai lavoratori dipendenti che non possono beneficiare di indennità ai sensi della Legge sull’assicurazione contro la disoccupazione (Ladi) che si trovano temporaneamente in difficoltà poiché esclusi da altre forme di aiuti federali e cantonali”, si legge in una nota.

Durante i primi mesi dalla sua entrata in vigore, il 1o Marzo 2021 in seguito all’approvazione da parte del Gran Consiglio, e in considerazione dei costanti mutamenti dettati dalla pandemia nel quadro normativo delle prestazioni di sostegno, “i criteri di accesso e calcolo son stati adeguati tempestivamente dal Consiglio di Stato, in collaborazione con i Comuni, abbassando le soglie di accesso, allargando la cerchia dei beneficiari e accrescendo gli importi concessi, pur mantenendo il carattere mirato e straordinario della prestazione”, si legge ancora. Modifiche che sono state approvate dal Parlamento il 31 maggio 2021 e sono entrate in vigore con effetto retroattivo dal 1° maggio, con scadenza 31 dicembre.

Durante il 2021 i Comuni hanno ricevuto 2’221 domande delle quali 1’457 sono state evase con esito positivo (66%), per un contributo erogato totale di 2’274’461,95 franchi. Grazie alla consulenza individualizzata, alcuni cittadini sono stati indirizzati verso altri servizi o prestazioni di supporto.

L’esperienza condotta durante il 2021, debitamente monitorata grazie al coinvolgimento dei Comuni, ha permesso di osservare una leggera riduzione del numero di persone al beneficio delle prestazioni di aiuto sociale (assistenza) e dunque nel complesso di valutare positivamente l’impatto di questa prestazione.

La proposta di rinnovo del Consiglio di Stato da inoltre seguito alla proposta di rinnovo della prestazione di sei mesi a partire dal 1° gennaio 2022, avanzata dal Parlamento contestualmente alla recente approvazione del Preventivo. Il Messaggio che viene sottoposto al Gran Consiglio prevede l’entrata in vigore della Prestazione con effetto retroattivo al 1° gennaio 2022, per un periodo di almeno sei mesi, prorogabile fino a fine 2023.

Con questa formula il Consiglio di Stato potrà decidere in modo flessibile se continuare a mantenere questo strumento, in funzione dell’evoluzione delle conseguenze economiche della pandemia e delle misure di sostegno messe in atto dalla Confederazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
governo gran consiglio prestazione ponte covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved