operazione-imponimento-oltre-sessanta-condanne
Denaro e riciclaggio (Ti-Press/A. Crinari)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
54 min

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
1 ora

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
1 ora

Carona, si rovescia con lo scavatore e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
2 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
3 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
3 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
4 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
10 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
10 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
18 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
27.01.2022 - 19:31
Aggiornamento : 23:42

Operazione ‘Imponimento’, oltre sessanta condanne

La sentenza su uno dei filoni dell’inchiesta italiana contro la ’ndrangheta che aveva portato anche ad alcuni arresti in Svizzera

di Marco Marelli

Sessantacinque condanne per oltre seicento anni di carcere. Questa in sintesi la sentenza del filone in ‘abbreviato’ della maxi operazione ‘Imponimento’ contro i clan ’ndranghetisti del Vibonese: 147 gli indagati, cui una ottantina arrestati nel luglio 2020, beni per 170 milioni di euro sequestrati, in parte anche in Svizzera. A un anno e mezzo del blitz primo importante verdetto in un altro maxi processo istruito dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri.

La sentenza, pronunciata nei giorni scorsi dal gup distrettuale Francesco Rinaldi, ha accolto le richieste di condanna formulata nel dicembre scorso dal procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e dai sostituti Antonio De Bernardo e Chiara Bonfandini, incominciando dai 20 anni (la condanna più pesante) inflitta a Rocco Anello, 59enne capo dell’omonima cosca di Filadelfia, sbarcato in Svizzera nel 2003, dove si è creato un impresa, grazie alla collaborazione di numerosi calabresi, fra cui uno residente a Grancia, arrestato il 15 giugno dello scorso anno e per quanto è dato sapere ancora in attesa di estradizione, chiesta dalla magistratura calabrese. Undici anni e due mesi sono stati inflitti ad Antonio Luciano Galati, 25enne originario di Lamezia Terme, residente a Oftringen (Canton Argovia). L’accusa aveva chiesto la condanna a dieci anni.

Associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di armi, riciclaggio, intestazione fittizia di beni, corruzione, estorsione con l’aggravante della mafiosità, turbativa d’asta, truffe e reati ambientali le accuse che a vario titolo hanno portato alle 65 condanne. Le richieste di condanna si erano basate sulla corposa ordinanza di custodia cautelare (oltre 4mila pagine) e sul racconto di numerosi pentiti, fra cui Gennaro Pulici, personaggio molto conosciuto in Ticino, dove per un paio d’anni ha operato a Lugano, arrivato per riciclare oltre 50 milioni di euro. Soldi che gli erano stati affidati da cosche del lametino. Traffico internazionale e armi e riciclaggio sono reati radicati alla presenza di Rocco Anello in Svizzera.

Intestazione fittizia di beni è l’accusa contestata al calabrese residente in Ticino, che in diverse occasioni ha incontrato il boss ’ndranghetista in riva al Ceresio. Incontri ammessi: “Rocco Anello è un mio amico, per cui quando veniva in Svizzera lo incontravo”. La presenza da Rocco Anello in Svizzera è stata puntualmente illustrata durante la requisitoria da cui era emerso come il boss di Filadelfia, nel corso degli anni, aveva allargato i propri orizzonti e i confini criminali oltre confine. I primi segnali di questo allargamento erano arrivati dall’inchiesta ‘Gentleman’ condotta dalla Dda di Catanzaro, culminata l’11 marzo 2015 con l’arresto di 32 persone, e dalla quale erano emersi alcuni contatti telefonici tra Rocco Anello e due fratelli indicati come contatti, residenti uno nel Luganese, l’altro nel Canton Argovia. L’accusa si è soffermata sugli interessi della cosca di Filadelfia in Svizzera: traffico di armi e droga, spaccio di moneta falsa (soprattutto banconote da 50 euro), gestione di attività commerciali (ristoranti, bar e night club) e traffico di valuta (dalla Svizzera alla Calabria). Degli affari sporchi del clan Anello nella Confederazione elvetica si è iniziato a parlare nel 1998 in una inchiesta in cui Rocco Anello risultava implicato in un traffico di armi dalla Svizzera alla Calabria.

Nel frattempo a Lamezia Terme continua il processo nei confronti di 75 imputati che non hanno scelto il rito abbreviato. Fra loro quattro calabresi, residenti nel Canton Argovia, accusati di aver avuto importanti ruoli nei traffici sporchi di Rocco Anello.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anello inchiesta operazione ‘imponimento svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved