locarno-il-processo-a-mauro-antonini-e-coimputato-continua
Ti-Press
Elio Brunetti (a sinistra nella foto) difensore di Mauro Antonini (a dx)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
4 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
5 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
5 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
9 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
12 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
17 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
27.01.2022 - 13:05
Aggiornamento : 14:45

Locarno, il processo a Mauro Antonini e coimputato continua

La Corte non ha accolto le tre eccezioni procedurali sollevate dai legali della difesa, che avevano quindi chiesto l’aggiornamento del dibattimento

Il dibattimento continua; nonostante «l’atto d’accusa sia una pasticciata», a detta dei difensori. Il processo militare, apertosi stamane nell’aula della Corte d’appello e revisione penale del Pretorio di Locarno, a carico dell’ex comandante delle Guardie di confine Regione IV Mauro Antonini – difeso dall’avvocato Elio Brunetti – e dell’ex capo dello Stato maggiore – difeso da Daniele Meier –, andrà avanti nonostante tre eccezioni sollevate dal patrocinatore di Antonini e sottoscritte dal suo collega difensore. L’accusa, lo ricordiamo, è sostenuta dall’uditore Martino Righetti.

«Una pasticciata» degna di un copione cinematografico tragicomico: prima dall’apertura della fase istruttoria è stata data parola alla difesa che ha letteralmente sconquassato il dibattimento portando all’attenzione della Corte tre eccezioni che – secondo i due avocati – violerebbero la procedura e di conseguenza minerebbero la preparazione della difesa. La più importante eccezione pregiudiziale contravverrebbe al principio “ne bis in idem”, per cui una persona non può essere processata due volte per lo stesso reato.

Non sono state accolte le eccezioni sollevate dalla difesa

Le eccezioni procedurali sollevate riguardavano – secondo il legale di Antonini – in primo luogo l’emanazione di un nuovo e sostanzialmente diverso atto d’accusa (il primo del maggio 2020 e quello attuale di novembre 2021), in cui si parla di reiterata appropriazione indebita e non di truffa, per fare un esempio. «Non si tratta né di una modifica né di un’integrazione, ma di fatto di una nuova stesura. La differenza è manifesta», ha dichiarato in aula il patrocinatore. In secondo luogo, viene sollevata la questione dell’indeterminatezza dell’atto, quindi date, luoghi, persone e fatti sono descritti in maniera troppo vaga, quindi il testo è costellato della locuzione “non meglio precisato”. Il difensore ha perciò sottolineato e ribadito che «un atto d’accusa deve descrivere in maniera precisa e concisa. Qui ci sono numerose lacune nel riportare i fatti». La terza e più importante eccezione segnalata da Brunetti è la violazione del principio “ne bis in idem”: l’uditore secondo la difesa avrebbe implicitamente desistito dalle accuse di truffa e falsità in documenti, che di fatto corrisponderebbe a un decreto di abbandono. L’avvocato difensore ha quindi concluso il suo intervento chiedendo un aggiornamento del processo in virtù di alcuni articoli del Codice penale militare. In seguito gli ha fatto eco il collega della difesa, l’avvocato Daniele Meier che ha osservato come pure lui aveva preparato alcune eccezioni pregiudizievoli da esporre alla Corte, in gran parte formulate da Brunetti: si è quindi associato.

È seguita la risposta dell’uditore Righetti, piuttosto agguerrito e vivace, che ha rimandato al mittente le eccezioni sollevate, chiedendo alla presente Corte – naturalmente – di non accoglierle. «Sebbene in apparenza sembrino belle, le critiche sollevate lasciano il tempo che trovano», ha dichiarato piccato, sottolineando come la prassi della Procedura penale militare conceda che un nuovo atto d’accusa sostituisca il vecchio, affermando quindi che non ci sarebbe violazione del principio accusatorio. In merito all’indeterminatezza dell’atto d’accusa, l’uditore ha osservato «che è possibile, non vanno segnalate date precise. I fatti sono riportati in maniera sufficientemente dettagliata affinché il tribunale possa esprimersi», ha concluso.

Questo processo s’ha da fa

Il battibecco è stato acceso. Il presidente della Corte Mario Bazzi ha quindi sospeso il dibattimento affinché la stessa potesse prendere decisione riguardo alle tre eccezioni sollevate. Una volta ripreso, il colonnello Bazzi motivando la decisione ha stabilito che il dibattimento prosegua dal primo pomeriggio. Prima della pausa pranzo, è iniziata la fase istruttoria ripercorrendo i curricula personale e militare di ciascun imputato.

Gli antefatti (in breve)

L’inchiesta a carico dei due alti ufficiali era emersa circa quattro anni fa in seguito alla scoperta di alcune irregolarità finanziarie. Il lasso temporale delle azioni indebite intercorre fra il 2009 e il 2018. Entrambi gli imputati dovranno rispondere di reiterata gestione infedele, reiterata falsità in documenti e appropriazione indebita per delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari in seno al corpo federale. I soldi sottratti venivano versati in una “cassa nera”, secondo l’accusa i due correi hanno agito con astuzia al fine di procacciare loro profitti indebiti, sfruttando la loro posizione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dibattimento locarno mauro antonini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved