processo-antonini-la-difesa-chiede-l-aggiornamento-del-processo
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Abbattimento del lupo: ’decisione necessaria ma tardiva’

L’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta il nullaosta del Governo all’uccisione del canide
Ticino
8 min

Il Prix SVC 2022 va alla Tecnomec di Stabio

L’azienda attiva nel campo della meccanica di precisione si è aggiudicata il primo premio. Sul podio anche Jetpharma Sa e R. Audemars Sa
Bellinzonese
10 min

La Ses inaugura la sua nuova sede a Biasca

Porte aperte sabato 21 maggio dalle 10.30 alle 15. Saranno proposte anche varie animazioni per i più piccoli
Ticino
24 min

Argor-Heraeus ha acquisito la Erbas di Mendrisio

L’azienda attiva nella lavorazione dei metalli preziosi con l’acquisizione entra anche nel settore dell’orologeria di lusso
Ticino
34 min

Uno studio per risparmiare acqua potabile ed energia

Lo chiede con un postulato al Consiglio federale Bruno Storni, anche per far fronte al crescente problema della siccità
Bellinzonese
37 min

Cadenazzo, tiro obbligatorio e in campagna

Appuntamento per domenica 22 maggio dalle 9 alle 11.30
Locarnese
39 min

Prato Sornico, dal ghiaccio in pista a quello nel... bicchiere

Sarà prolungata sull’intero anno l’apertura della buvette dell’impianto sportivo. Tornerà utile al turismo e agli utenti della vicina area per i camper
Locarnese
42 min

‘Racconta il tuo quartiere’ allo Spazio Elle di Locarno

Venerdì in ‘vetrina’ Club Andromeda e associazione Il Tragitto con l’Associazione di Quartiere Rusca e Saleggi
Bellinzonese
48 min

Bellinzona, Etnorama accompagnato dal progetto ‘Fuori tutto!’

L’installazione itinerante degli undici musei etnografici del Ticino è affiancata dalla volontà di coinvolgere volontari nel settore
27.01.2022 - 08:52
Aggiornamento : 11:19

Processo Antonini, la difesa chiede l’aggiornamento del processo

L’ex comandante delle guardie di confine è imputato, insieme all’ex capo di stato maggiore, per presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari

Inizia oggi al Tribunale Militare 3, presieduto dal colonnello Mario Bazzi, il processo all’ex comandante delle Guardie di confine ticinesi (Regione 4), Mauro Antonini e all’ex capo dello stato maggiore.

Entrambi dovranno rispondere di reiterata gestione infedele, reiterata falsità in documenti e appropriazione indebita per delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari in seno al corpo federale emerse nel 2018. I soldi sottratti venivano versati in una “cassa nera” i due correi hanno agito con astuzia al fine di procacciare loro profitti indebiti, sfruttando la loro posizione.

Soldi spesi in 35 carte regalo da 100 franchi, penna stilografica da centinaia di franchi donata a un ambasciatore, champagne e coltellini svizzeri.

Antonini e l’ex capo dello stato maggiore, difesi rispettivamente dagli avvocati Elio Brunetti e Daniele Meier, si professano innocenti. Accusatrice pubblica l’Amministrazione federale delle dogane che ha chiesto di non presenziare.

Principi elementari e fondamentali dell’accusa

Prima della fase istruttoria l’avvocato che difende Mauro Antonini, Elio Brunetti, solleva due sostanziali eccezioni procedurali/pregiudiziali rispetto all’atto d’accusa che si traducono in violazioni: «Non è possibile emanare un atto d’accusa nuovo (novembre 2021) e diverso dal precedente (maggio 2020). Non si tratta né di una modifica, né di un’integrazione, ma sostituisce di fatto l’atto d’accusa precedente. Ciò viola il principio accusatorio; emerge in maniera chiara manifesta la differenza, cambiando sostanzialmente la descrizione dei fatti (modificando anche le date) e dei comportamenti dei due imputati. La sostituzione di un atto d’accusa rispettosa può essere ammessa solo nel caso della desistenza dei reati». Brunetti conclude questa sua prima osservazione chiedendo di accogliere «questa prima eccezione giudiziale secondo l’articolo 136 della Codice penale militare, e decretare l’impossibilità odierno dibattimento».

‘Che il processo venga aggiornato’

Il patrocinatore continua quindi con una seconda eccezione riguardo all’indeterminatezza del nuovo atto d’accusa, costellato in più punti dalla locuzione «non meglio precisato luogo, non meglio precisate date eccetera. Si tratta di violazione del principio accusatorio, poiché il testo non è dettagliato sufficientemente e non specifica bene la comprensione di quali reati siano imputati e le relative pene. Conoscendo questi presupposti la difesa potrebbe prepararsi efficacemente», sottolinea e ribadisce: «L’atto d’accusa deve descrivere le imputazioni con linguaggio di procedura, preciso e conciso, specificando dove, come, quando le azioni sono state compiute. Qui ci sono numerose e gravi lacune nella descrizione dei fatti». L’avvocato sottolinea quindi come la precisione e la concisione siano essenziali per preparare una efficace strategia difensiva e far sì che gli imputati vengano giudicati obiettivamente. Chiede quindi che il processo venga aggiornato per poter preparare la difesa sul “nuovo atto d’accusa”.

Il processo è stato sospeso per un’ora, per permettere alla corte di deliberare sulle eccezioni avanzate dai legali dei due imputati.

Leggi anche:

Guardie di confine sotto inchiesta

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guardie confine mauro antonini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved