nella-mappa-stradale-federale-anche-a2-a13-e-terza-corsia
Ti-Press/Grafica laRegione
Fissati i piani d’azione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
22 min

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
1 ora

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
1 ora

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
1 ora

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
1 ora

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
1 ora

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
2 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
2 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
2 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
2 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
2 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
Locarnese
2 ore

Colonia diurna estiva di Losone, iscrizione criticata

Il metodo ‘chi prima arriva meglio alloggia’ non è piaciuto alla Lista della sinistra, che chiede di cambiare modalità
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, annullata la cena di solidarietà pro bambini ucraini

All’evento organizzato dall’Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto si è iscritto un numero insufficiente di persone
Ticino
3 ore

‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’

Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
Mendrisiotto
3 ore

Genestrerio, messa per Maria Ausiliatrice

La celebrazione avrà luogo nella chiesa a lei dedicata alla Prella martedì 24 maggio alle ore 20
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso cerca gerenti per i suoi esercizi pubblici

Aperto il concorso per l’appalto degli esercizi pubblici presso la piscina comunale, lo stadio comunale del ghiaccio e il Palapenz
Locarnese
3 ore

Bavona e Toceno, scrivere la montagna del futuro

Lanciato il premio letterario internazionale Salviamo la montagna 2022: i contributi in lingua italiana vanno consegnati entro il 15 agosto
Luganese
4 ore

Omicidio Cantoreggi in Appello, per l’accusa è stato assassinio

La pp Tuoni ha richiesto 17 anni di carcere per il 35enne austriaco. La difesa: i ricorsi sono da respingere. Attimi di tensione fuori dall’aula
Mendrisiotto
4 ore

A Mendrisio il Ppd rilancia: ‘Dimezziamo i dicasteri’

In una interrogazione il gruppo mette sul tavolo la proposta, alternativa a tagli e aumento del moltiplicatore
Locarnese
4 ore

Lago Maggiore, seconda edizione del raduno velico 50 miglia

La regata si svolgerà sabato 21 e domenica 22 maggio. La premiazione avrà luogo sul lungolago di Ascona
Grigioni
4 ore

Tiro obbligatorio a Grono

Appuntamento per venerdì 20 maggio dalle 17.30 alle 19.30 allo stand di Oltra
Bellinzonese
4 ore

In Riviera è nata l’Associazione fortificazioni Lona

Dopo il recente acquisto comunale di alcune opere difensive ancora della Confederazione, un gruppo di appassionati si attiva per la valorizzazione
Bellinzonese
4 ore

Bellinzona, lite e botte fuori dal Woodstock

L’episodio risale a sabato sera, quando da una discussione tra giovani all’esterno del locale è nato uno scontro. Cinque le persone identificate
Bellinzonese
4 ore

Il Plr di Cadenazzo in assemblea

Appuntamento per sabato 21 maggio alle 17 nella sala multiuso delle scuole elementari
Luganese
4 ore

Caslano, canti in compagnia al Museo della pesca

L’evento ‘Canta chéla bèla’ si terrà il 21 maggio ed è dedicato al tema dell’amore nelle canzoni popolari
Bellinzonese
5 ore

Cercansi idee in ambito turistico nella regione del Gottardo

Il progetto con le migliori prospettive di mercato riceverà un finanziamento iniziale di 5’000 franchi per la sua realizzazione
Locarnese
5 ore

Locarno, in Mediateca ‘Dall’Est con amore’

Incontro aperto a tutti con la scrittrice Sara Rossi Guidicelli
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, OtherMovie torna a Casa Astra

Si rinnova il 22 maggio la collaborazione fra la manifestazione luganese e il Movimento dei senza voce
Locarnese
5 ore

Maggia, ‘il cagnolino è morto d’infarto e non perché aggredito’

Il piccolo chihuahua non sarebbe stato ucciso da un Husky ma sarebbe deceduto a seguito di un arresto cardiaco. Lo sostiene un secondo testimone
Locarnese
5 ore

Locarno, una nuova direttrice per l’Irsol

Svetlana Berdyugina subentra a Michele Bianda, che va in pensione dopo aver guidato l’istituto per 35 anni
Bellinzonese
5 ore

Il Coro Alto Ticino in concerto a Lodrino

Appuntamento per venerdì 20 maggio alle 20 nella chiesa parrocchiale
Bellinzonese
5 ore

Tazio Marti espone le sue opere alla Galleria Job di Giubiasco

La mostra ‘Alfabeti’ dipinti acrilici, sarà inaugurata sabato 21 maggio alle 11 con la presentazione del poeta Massimo Daviddi
Locarnese
7 ore

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
7 ore

Confermato: la centrale a biogas di Giubiasco si farà

Previsto dal 2008, l’impianto promosso da Amb e Ses smaltirà i rifiuti verdi e organici urbani producendo metano per la rete Metanord
Bellinzonese
7 ore

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati
27.01.2022 - 07:23
Aggiornamento : 09:51

Nella mappa stradale federale anche A2-A13 e terza corsia

Prostra promuove i due progetti ticinesi. Stralciata (e per sempre) la circonvallazione fra Stabio est e il Gaggiolo

Chi ha più confidenza lo chiama Prostra, acronimo per Programma di sviluppo strategico delle strade nazionali. E di sicuro per il Ticino e la sua rete viaria cambierà e non poche cose: negli 8,4 miliardi di franchi messi sul tavolo dal Consiglio federale fra il 2024 e il 2027 e tra gli oltre 2mila chilometri di arterie nazionali hanno trovato posto, infatti, anche due progetti al di qua del Gottardo. Dentro il pacchetto ci saranno il collegamento autostradale Bellinzona-Locarno e la terza corsia dinamica sull’A2 tra Lugano sud e Mendrisio. Tra i progetti esclusi si iscrive, invece, il prolungamento della superstrada Mendrisio-Stabio, ovvero la circonvallazione Stabio est-Gaggiolo, archiviata in via definitiva dopo vent’anni, merito anche della linea ferroviaria Mendrisio-Varese.

A2-A13, passo avanti

L’A2-A13, con il progetto in galleria “Bozza verde”, fa un importante passo avanti. Berna l’ha inserita nell’orizzonte realizzativo 2040, considerando che l’attuale collegamento tra Locarnese e Bellinzonese non è più in grado di assorbire il flusso veicolare e che ha un eccessivo impatto ambientale. In dettaglio: “Il progetto del Cantone Ticino è inteso a decongestionare i centri abitati, su ambo i versanti, dal grande afflusso di veicoli in transito, creando così le premesse per l’auspicata riqualificazione delle aree insediative interessate, in coordinamento con i piani di sviluppo territoriale lungo queste vie di comunicazione. Il progetto ha seguito un processo completo, è aggiornato e ha raggiunto un progredito stato di avanzamento. Si tratta quindi di una buona base da cui la Confederazione può muovere ulteriori passi. Restano aperte alcune questioni: come accorpare meglio gli impianti infrastrutturali in un territorio già denso di vincoli come il Piano di Magadino? Come sfruttare gli effetti sinergici per migliorare ulteriormente l’offerta di trasporto pubblico? Tali questioni saranno affrontate e risolte nel prosieguo dell’iter di progettazione”.

La luce in fondo a un lungo iter

«È una giornata storica che pone una pietra miliare nel dossier per la realizzazione del collegamento veloce tra Locarnese e Bellinzonese – è il commento del Consigliere di Stato Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio (Dt) –. Finalmente abbiamo l’assicurazione che la Confederazione concretizzerà il progetto. Ritrovarci fra i primi tre del Programma strade (Prostra) significa per noi aver risparmiato dieci anni di attesa. Anche se, va detto, la tempistica resta lunga».

Per premere sull’acceleratore, il Cantone aveva deciso qualche anno fa di procedere “motu proprio” con la progettazione. Una strategia vincente. «Per essere precisi bisogna andare ancora più indietro – specifica Zali –. Il momento di svolta è stato quando abbiamo chiesto all’allora consigliera federale Doris Leuthard di far indicare all’Ufficio federale delle strade (Ustra) il corridoio migliore per far passare l’arteria, fra i sei che erano in lizza a quel momento. Ustra lo ha fatto, benché non fosse obbligato, scegliendo il tracciato da preferire. E su questo abbiamo lavorato, per una strada che a quel tempo era ancora di proprietà del Cantone. Ovviamente, concentrandoci su una soluzione che Berna aveva già mostrato di apprezzare e progettarla a nostre spese ha permesso di farci trovarci pronti alla decisione giunta, finalmente, nelle scorse ore».

Positive le reazioni anche nel Locarnese. «Per la nostra regione è una tappa importante – commenta Paolo Caroni, presidente della Commissione intercomunale dei trasporti (Cit) di Locarnese e Vallemaggia –. Finalmente vediamo la luce in fondo a un lungo processo preparatorio e possiamo sperare di vedere il collegamento realizzato attorno al 2040. Va detto che se l’A2-A13 non fosse entrata ora nel Prostra, la galleria sarebbe slittata a chissà quando. Sicuramente la strategia del Ticino di anticipare, pagandola, la progettazione, ha dato ottimi frutti. Sono sicuro che con lo scavo di questo tunnel si apriranno nuovi scenari per lo sviluppo del Locarnese».

Soddisfatto pure il sindaco di Locarno Alain Scherrer: «Credo che per prima cosa dobbiamo esprimere la nostra gratitudine al Cantone e al Dt che hanno stanziato il credito per la progettazione. Hanno posto l’accento su questo collegamento, essenziale per tutto il Ticino, credendoci fino in fondo. Siamo uno dei pochi, se non l’unico, agglomerato urbano svizzero non allacciato direttamente alla rete autostradale nazionale. Ora, con le nuove certezze che giungono da Berna, questa anomalia sarà cancellata».

La posizione del Consiglio di Stato

Oltre a Zali, prende posizione l’intero Consiglio di Stato, che “si rallegra per il raggiungimento di questo nuovo importante traguardo, frutto della strategia messa in atto dal Dt volta ad anticipare la progettazione dell’opera. L’iter che ha portato all’invio del Progetto generale (Pg) all’Amministrazione federale ha dimostrato la coesione e l’unità d’intenti del Cantone Ticino in nome di un’opera a lungo attesa”.

Condivisione d’intenti e tracciato

La procedura concernente il dossier relativo al collegamento veloce A2 - A13, condivisa con tutti i portatori d’interesse ed elaborata dal Dt in stretta collaborazione con l’Ustra, conferma le tempistiche annunciate. Dopo l’approvazione nel 2016 da parte del Gran consiglio del credito di 9,6 milioni di franchi per l’allestimento del progetto di massima per la realizzazione del Piano generale del collegamento stradale A2-A13, il Consiglio di Stato si era immediatamente adoperato affinché venisse presentato un progetto condiviso all’indirizzo della Confederazione. Nel dicembre del 2019 il governo ticinese aveva trasmesso all’Ustra – filiale di Bellinzona – i piani aggiornati e definitivi del progetto. “L’anticipo – segnala il CdS in una nota ai media – ha consentito dunque di accelerare le tempistiche del processo di realizzazione, nonché di creare le premesse che hanno portato alla decisione del Consiglio federale. Il nuovo risultato raggiunto è stato reso possibile anche grazie all’ottima e fattiva collaborazione, nonché al supporto, del Gruppo di accompagnamento politico (Gap), del quale fanno parte rappresentanti dei Comuni di Cadenazzo, Gambarogno e Sant’Antonino, della Cit, della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese (Crtb), del Wwf, dell’Unione contadini ticinesi (Uct), del Tcs e di Agrifutura”.

Mendrisiotto, altalena di sentimenti

Ieri nel Mendrisiotto c’è, per contro, chi ha vissuto sentimenti contrastanti. Quando si parla di strade (vecchie e nuove) e di traffico, del resto, il Distretto fa presto a surriscaldarsi. E le scelte calate da Berna hanno avuto, di sicuro, un impatto non da poco sul territorio regionale. In effetti, per una terza corsia (dinamica e autostradale) che sale nella classifica delle misure da attuare - e prima del previsto -, c’è un tratto di superstrada (quello fra Stabio est e il valico del Gaggiolo) che scompare dalla mappa della rete viaria federale. Così se da una parte vi è chi - in testa un soddisfatto Consiglio di Stato - gioisce per la decisione comunicata dalla Consigliera federale Simonetta Sommaruga a favore del potenziamento dell’A2 tra Lugano sud e Mendrisio (il cosiddetto PoLuMe), dall’altra ci sono coloro che temono le conseguenze di un intervento ravvicinato. Adesso l’orizzonte temporale indicato è infatti quello del 2030: il governo federale sembra avere fretta, anticipando i lavori di un decennio sulla tabella di marcia e accantonando, per ora, poco più di un miliardo. Tutto merito, si fa capire, dello stato di pianificazione del dossier, oltre al fatto di muoversi in un "grande agglomerato urbano”, sicuri di contribuire a "rimuovere importanti criticità”.

Terza corsia: ‘Sono scandalizzato

Non ditelo, però, ai contrari che il maggio scorso erano andati fino a Berna per mettere proprio nelle mani di Sommaruga le oltre 6’300 firme dei cittadini preoccupati dal progetto di potenziamento autostradale. Il coordinatore Marzio Proietti è deluso dalla collega di partito e dalla decisione del governo. «Non solo, a questo punto sono scandalizzato da come improvvisamente (e senza alcun preavviso) venga anticipato un cantiere che sembrava fosse irrealizzabile prima - confessa Proietti -. Di certo così si bypassa l’opposizione manifestata dalla popolazione, alla quale non si lascia neanche il tempo di reagire. In più sconfessano in modo plateale gli obiettivi di coordinamento a livello nazionale dei piani viari, ferroviari e di salvaguardia del territorio scritti nella legislazione federale. Dalle informazioni che emergono si ha l’impressione, poi, che il Consiglio federale si sia pronunciato prima ancora che la consultazione degli uffici fosse conclusa. Dove stanno la democrazia e il rispetto delle regole?».

Chi, come Proietti, ha fatto di tutto per mettersi di traverso alla terza corsia non si capacita del fatto che a Berna si sia spinto sull’acceleratore, dando addirittura la precedenza a PoLuMe rispetto alla A2-A13 («lì in fondo il disagio attraversa i paesi sulla Cantonale, qui parliamo di autostrada»). D’altro canto, è messo nero su bianco fra le righe delle 124 pagine del Rapporto esplicativo diffuso ieri. La tempistica è chiara: il dossier sarà ultimato “probabilmente” quest’anno; la situazione richiede urgenza. Per dirla con Berna, “le opere il cui progetto generale sarà approvato in tempi brevi devono essere assegnate all’orizzonte realizzativo con la massima priorità”. Come la prenderanno i contrari (non rassicurati dal rinnovato impegno federale su infrastrutture e impatto ambientale)? Questo capitolo resta ancora da scrivere.

Stabio est-Gaggiolo: ‘Non è più attuale’

Sta di fatto che Prostra appare essere uno spartiacque tra i piani d’azione del prossimo futuro e le ambizioni del passato. Anche se la corsa verso PoLuMe, d’un canto, e l’abbandono della Stabio-Gaggiolo, dall’altro, potrebbero chiamare a pagare pegno le comunità locali. Marzio Proietti ne è sicuro: «Non si farà altro che spostare il problema. Potenziare una tratta e lasciarne indifesa un’altra caricherà Stabio e dintorni di ulteriore traffico: manca un coordinamento». Avversari per oltre due decenni, favorevoli e contrari al prolungamento della superstrada rischiano di ritrovarsi accomunati nel timore che con l’avvento della terza corsia la situazione in quel comprensorio del Distretto possa peggiorare.

È chiaro, e Fabrizio Plebani neppure la nasconde, scoprire che la circonvallazione verso il valico del Gaggiolo è un capitolo chiuso non può che far piacere a quanti non l’hanno mai digerita. «Come ex coordinatore del Comitato dei contrari - ormai inattivo da anni, ndr - non posso che essere contento di questo stralcio. Lo sono meno pensando alle prospettive che riguardano anche la viabilità a Stabio a fronte del riconoscimento della terza corsia. Porterà più traffico sulla A2 e più pressione sulla rete fra Mendrisio e Varese visto le strade attuali», rimarca ancora un deluso Plebani. Le incognite, fa capire, non mancano.

Troppo traffico, servono alternative

Lo pensa anche Edo Bobbià, il quale sul prolungamento della superstrada - una battaglia sua e del Comitato a favore, pure lui in «letargo» - l’ha sempre vista in modo opposto. «Anche sulla Mendrisio-Stabio sarà un bel problema e non si potranno chiudere gli occhi - ci dice -. L’impatto del potenziamento autostradale sarà importante. Non dimentichiamo che già oggi dopo le 15 dirigersi a Stabio è una impresa, e ogni giorno». Accettare lo stralcio della circonvallazione dalla mappa federale, quindi, è ancora più difficile. «Mi spiace, e molto, soprattutto in funzione del traffico, enorme, che colpisce la parte bassa di Stabio. Certo, a questo punto, non resta che rassegnarsi e gettare i quattro dossier sui quali si sono investite tante energie». La battaglia è persa ma Bobbià non risparmia qualche frecciatina al Municipio locale - «che si è sempre dimostrato tiepido se non contrario» - e alla stessa Confederazione («che non ci hai mai appoggiato»). «Personalmente, comunque, ritengo la decisione federale un errore. E ora occorrerà trovare una alternativa».

In realtà, sin dagli esordi un’altra via possibile era stata indicata da Ata, l’Associazione traffico e ambiente, e i contrari, progettando una moderazione qualificante della strada cantonale. Una proposta che adesso torna di attualità. «Il progetto andrebbe verificato - conferma Plebani -, ma è immaginabile. Chi abita nella zona merita considerazione».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
a2-a13 berna prostra superstrada terza corsia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved