ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 min

Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini

Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
32 min

Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città

Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
Mendrisiotto
36 min

Valichi secondari, ‘di notte bisogna chiuderli’

Lorenzo Quadri (Lega) presenta una mozione al Consiglio federale, dopo l’insuccesso di una analoga presentata nel 2014 dalla collega di partito Pantani
Bellinzonese
1 ora

Esplode la spesa ‘perché il Municipio non ha fatto i compiti’

Preventivo ’23 di Bellinzona: la maggioranza Plr, Sinistra e Centro della Gestione giudica troppo blanda la spending review e teme misure drastiche
Locarnese
1 ora

Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023

Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Locarnese
4 ore

Sull’argine di Losone correre è tutta un’altra cosa

Grazie all’apposito fondo di rivestimento e alle demarcazioni podistiche è possibile svolgere allenamenti specifici in mezzo alla natura
Ticino
4 ore

Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)

È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
5 ore

Hangar 1, il Cantone risponde alle Città

Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Ticino
7 ore

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi
Luganese
8 ore

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
Locarnese
8 ore

Valmaggia, il Giro del Mondo di Emilio Balli

In occasione dell’Assemblea di venerdì il Museo illustrerà il programma d’attività futuro. Si ripartirà con una mostra inedita e prestigiosa
Luganese
8 ore

Dfa, consegnati i premi del Lions club Ceresio

I riconoscimenti per le migliori tesi di Bachelor sono stati attribuiti a Martina Poggi (Scuola elementare) e a Sofia Pisottu (Scuola dell’infanzia)
Grigioni
10 ore

Frana in Val Calanca: sgombero a pieno regime

Le previsioni meteo potrebbero compromettere la riapertura della strada attesa per il fine settimana
Luganese
22 ore

Campione d’Italia in versione Natale 2022 fra musica e doni

Doppio appuntamento, giovedì 8 e domenica 18 dicembre, nell’enclave con la ‘Casa di Babbo Natale’ e tanto altro
Luganese
1 gior

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
1 gior

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
Bellinzonese
1 gior

Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre

Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior

Mappo-Morettina, si rifà la segnaletica orizzontale

Per consentire i lavori la galleria stradale verrà chiusa al traffico la notte da domenica 11 dicembre a venerdì 16. Il traffico passerà dalla cantonale
Mendrisiotto
1 gior

Balerna, l’Acp cessa l’attività con una festa

L’Associazione cultura popolare chiuderà definitivamente a fine dicembre dopo 46 anni. Il 16 dicembre un evento pieno di sorprese
Locarnese
1 gior

Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale

Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior

Le Terre del Ceneri nella Toile de Jouy

Appuntamento martedì 13 dicembre alla biblioteca cantonale di Bellinzona per la vernice della mostra
Locarnese
1 gior

Gordola, Gruppo Alternativa in assemblea

La formazione politica si riunirà venerdì prossimo, alle 19, nella Sala Patriziale. Al termine vi sarà un rinfresco
laR
 
24.01.2022 - 16:35
Aggiornamento: 19:20

Ex funzionario Dss, sì del Gran Consiglio all’audit esterno

Via libera parlamentare quasi unanime all’indagine esterna con poteri accresciuti. Bertoli: attendiamo di vedere se risultati distanti da quanto accertato

ex-funzionario-dss-si-del-gran-consiglio-all-audit-esterno
Ti-Press

Via libera quasi unanime da parte del Gran Consiglio all’audit esterno con poteri accresciuti per fare chiarezza su quanto successo nel caso dell’ex funzionario del Dss condannato in via definitiva per reati sessuali e per evitare che casi del genere non si verifichino più. Con 71 favorevoli e 4 astenuti, il parlamento ha quindi dato luce verde al decreto legge contenuto nell’iniziativa parlamentare elaborata messo a punto dalla sottocommissione finanze della Commissione parlamentare della gestione.

Sottocommissione il cui coordinatore, il leghista Michele Guerra, annota che «non intendo dare nessun giudizio politico, ma vorrei dare spazio solo alla pura oggettività della proposta: cioè la volontà unanime e solidissima di fare una volta per tutte piena e totale luce su questa vicenda, senza soggettività di sorta». Una volontà unanime che per Guerra «superando ogni steccato ha saputo generare qualcosa che va totalmente oltre le posizioni politiche o gli atti parlamentari». Una soluzione ibrida, quella dell’audit esterno con poteri accresciuti, che il deputato leghista ritiene «importante, perché sarà assegnato a professionisti da competenze comprovate, che conoscono la delicatezza di questi casi». E sui poteri accresciuti, Guerra spiega che «saranno conferiti momentaneamente alla Commissione parlamentare della gestione, che nel suo esercizio li garantisce all’esecutore dell’audit stesso. Tra questi, figura l’obbligo delle persone chiamate a collaborare. Pena, sanzione penale».

Dadò: un’importanza chiara anche a chi era scettico

L’audit esterno nasce anche e soprattutto da un atto parlamentare del presidente del Ppd Fiorenzo Dadò, che ricorda come «dopo la bocciatura della prima richiesta di istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta per far luce sugli aspetti amministrativi, occorreva e occorre capire come venivano affrontati i casi di molestie, mobbing e discriminazioni e quali fossero gli strumenti a garanzia dei denuncianti. Nonché, importantissimo, il grado d’indipendenza di coloro che sono tenuti a prendere decisioni». Dadò si felicita del fatto che «l’importanza di questa inchiesta amministrativa oggi è chiara anche chi all’inizio era scettico», ma che «avrebbe dovuto essere stata decisa prima dal governo, senza il nostro intervento, evitando tre anni di dolore insistenza oltre ad alcune, troppe polemiche». Insomma, «le risposte date dal governo ai numerosi atti parlamentari non hanno convinto e non erano sufficienti a chiudere il caso e ripristinare la credibilità delle istituzioni». Adesso, riprende Dadò, «occorre gettare le basi affinché giovani, donne e uomini che lavorano con e nell’Amministrazione cantonale non subiscano più atti simili».

Gianella: risposta equilibrata

«Fin dall’inizio l’obiettivo del Plr è stato fare chiarezza su quanto successo», premette la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella. Partendo «dal verificare se le vittime e chi è chiamato a proteggerle sapesse, e sappia, cosa fare per garantire a tutti un ambiente sano e rispettoso». Che le consegne siano chiare, detta altrimenti. Ed è per questo che «la soluzione proposta, al contrario della Cpi, è una risposta equilibrata, professionale e non politica». Anche per Gianella è importante agire in ottica futura, «perché approntare eventuali correttivi oggi aiuterà a non far accadere più certi fatti. Nonostante le accuse di insabbiare e nascondere che abbiamo ricevuto, termini che ancora oggi mi fanno rabbrividire, riteniamo si debba capire cosa non ha funzionato».

Aldi: prima domanda delle vittime è: ‘Sarò creduta?’

Per la leghista Sabrina Aldi «se dal profilo penale l’iter è concluso, rimangono aperti numerosi interrogativi: è vero che tutti sapevano? Che si facevano battutine in ufficio? Come mai questo funzionario non è stato licenziato con procedura immediata?». Per Aldi «è nostro dovere dare risposte chiare, lo dobbiamo alle vittime e a tutti coloro che non hanno ancora avuto il coraggio di denunciare». Ed è proprio a loro che Aldi dedica un pensiero: «Da avvocato seguo alcune vicende di questo tipo, la prima domanda che viene sempre posta a un legale è sapere se si verrà credute o no. ‘È la mia parola contro la sua’, dicono. È fondamentale che davanti a certe situazioni suonino mille campanelli d’allarme».

Biscossa: se emergeranno responsabilità, sanzionare con tutti gli strumenti

Anna Biscossa (Ps) riprende quanto sostenuto da Dadò: «Ero e resto sconfortata per il fatto che non si sia fatto prima questo passo, mi permetto di ripetere che il Consiglio di Stato avrebbe dovuto scegliere la strada dell’indagine esterna sull’operato dell’Amministrazione». L’audit, dice ancora Biscossa, «ha certamente la finalità di capire cosa sia accaduto nella gestione del caso dell’ex funzionario del Dss prima, e poi se leggi, regolamento, procedure e norme siano adeguati a quanto richiesto da norme e obiettivi federali e internazionali». Se da questo audit «emergeranno responsabilità individuali, devono essere denunciate e sanzionate con tutti gli strumenti. Se invece verrà fuori che era una questione di sistema, ci sono gli strumenti necessari per verificare che oggi questo sistema non esiste più».

Appoggio anche dai Verdi con Samantha Bourgoin: «L’audit esterno è il metodo adeguato» e dall’Udc con Paolo Pamini: «Contenti per la soluzione trovata».

Lepori Sergi: vittime non sono tutelate

A storcere il naso è invece il Movimento per il socialismo che con Angelica Lepori Sergi, rileva che «per noi non c’è alcuna garanzia che l’audit venga svolto nel miglior modo possibile: è importante proteggere le vittime, ma vi apprestate a votare un decreto che non tutela minimamente le vittime stesse. L’obbligo per tutti i chiamati a testimoniare, lede la possibilità delle vittime di non testimoniare per non subire un’altra violenza. Questa garanzia deve essere esplicitata nel decreto». Dubbi anche da Tamara Merlo (Più donne): «La Commissione parlamentare d’inchiesta sarebbe stata sicuramente uno strumento migliore. La sua attualità dipenderà dalla qualità dell’audit e dai suoi risultati: vi aspettiamo al varco».

Bertoli: attendiamo sereni

Il presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli rileva che «un sì all’audit significa che gli accertamenti che il governo ha fatto e le risposte date non sono stati reputati sufficienti, ne prendiamo atto, attendiamo serenamente cosa uscirà da questo audit e verificheremo se i risultati saranno significativamente distanti da quello che il governo ha accertato e riferito in quest’aula. Spero che non ci si innamori delle conclusioni preconcette, questa procedura speriamo che chiarirà definitivamente le cose per tutti». Finito? No. Perché Bertoli ricorda pure che «ci sono due elementi presenti nel caso di istituzione di una Cpi non presenti nel decreto: il primo, le persone per le quali si giunge a concludere che ci siano elementi a carico devono essere messe nella condizione di saperlo e presentare le proprie osservazioni; lo stesso principio vale per Consiglio di Stato e Amministrazione cantonale, dovesse uscire qualcosa di questo tipo, sarebbe giusto che il governo ne venisse informato per presentare le sue osservazioni. Non solo le vittime devono essere tutelate, ma anche le persone che ingiustamente possono venire accusate siano messe nella condizione di difendersi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved