ex-funzionario-dss-si-del-gran-consiglio-all-audit-esterno
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
4 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
10 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
10 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
12 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
15 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
15 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
Ticino
15 ore

Pamini: si è capito che i conti pubblici devono tornare

Il sì al decreto. Il deputato Udc: ora c’è un chiaro indirizzo politico. Ghisletta (Ps): pronti a dare battaglia
Mendrisiotto
16 ore

Ecocentro di Morbio, ‘non ci aspettavamo un no così netto’

Le reazione alla bocciatura del progetto da oltre 2 milioni di franchi. ‘Ora aspettiamo delle altre proposte dal Municipio‘
Locarnese
16 ore

Associazione Cristiano Castelletti in assemblea a S. Nazzaro

Venerdì 10 giugno dalle 19 uno sguardo sulle attività nel ricordo dello studioso, divulgatore e giornalista di Minusio, prematuramente scomparso
Locarnese
16 ore

Parte al galoppo il Circolo ippico Piano di Magadino

L’equitazione a tutto tondo per il sodalizio appena ufficialmente riconosciuto e accolto dalla Federazione ticinese sport equestri
Locarnese
17 ore

La Verzasca? Il camoscio, le montagne, il Ponte e le acque

‘Viv insema - Insema l’è mei’, stemma proposto da un autore ancora anonimo, ha (stra)battuto le altre due candidature portate al voto in Valle
Bellinzonese
17 ore

Ambrì, inaugurato il primo asilo nido dell’Alta Leventina

Il Botton d’Oro, gestito dalla Fondazione Pro Infantia, può accogliere fino a 17 bambini dai 3 mesi compiuti fino ai 4 anni
Bellinzonese
18 ore

A Bellinzona nessuna notte bianca quest’anno

Stando alla neonata associazione EsercEventi, il Municipio sembrerebbe però ‘propenso a sostenere l’organizzazione di un simile evento nel 2023’
Ticino
20 ore

Sì al risanamento dei conti agendo prioritariamente sulle spese

Approvato dalla maggioranza dei ticinesi il ‘decreto Morisoli’: gli elettori si sono espressi favorevolmente nella misura del 56,9%
Grigioni
20 ore

Elezioni grigionesi, nel Moesano vincono il Centro e le donne

Sono stati eletti nel Gran Consiglio Piera Furger, Rosanna Spagnolatti ed Eleonora Righetti del Centro, Samuele Censi (Plr) e Manuel Atanes (Ps/Verdi)
Grigioni
21 ore

Grigioni, l’Udc resta ancora fuori dal governo

Il candidato democentrista Roman Hug si è piazzato sesto. Eletti Marcus Caduff, Martin Bühler, Peter Peyer, Carmelia Maissen e Jon Domenic Parolini
GALLERY
Luganese
22 ore

La Capriasca si mette in posa (a Roveredo e a Treggia)

Inaugurata oggi la mostra che affianca i ritratti d’epoca di Remo Canonica con quelli contemporanei di Giuseppe Pennisi. Esperimento davvero riuscito
Gallery
Bellinzonese
23 ore

Infortunio mortale in via Cà d’Fidel a Semione

La vittima è un 66enne residente nel Canton Lucerna che stava effettuando lavori in una canna fumaria
Mendrisiotto
1 gior

Tour de Suisse, il Mendrisiotto è pronto

Il 16 giugno diversi comuni accoglieranno tifosi e spettatori con esibizioni, musica e intrattenimenti per tutte le età
Ticino
1 gior

‘In questo modo lavoriamo con gli autori di violenza domestica’

‘Inizialmente minimizzano, poi spesso iniziano a vedere le loro azioni in maniera diversa’. Un primo bilancio sul ‘Programma di prevenzione’ obbligatorio
laR
 
24.01.2022 - 16:35
Aggiornamento : 19:20

Ex funzionario Dss, sì del Gran Consiglio all’audit esterno

Via libera parlamentare quasi unanime all’indagine esterna con poteri accresciuti. Bertoli: attendiamo di vedere se risultati distanti da quanto accertato

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Via libera quasi unanime da parte del Gran Consiglio all’audit esterno con poteri accresciuti per fare chiarezza su quanto successo nel caso dell’ex funzionario del Dss condannato in via definitiva per reati sessuali e per evitare che casi del genere non si verifichino più. Con 71 favorevoli e 4 astenuti, il parlamento ha quindi dato luce verde al decreto legge contenuto nell’iniziativa parlamentare elaborata messo a punto dalla sottocommissione finanze della Commissione parlamentare della gestione.

Sottocommissione il cui coordinatore, il leghista Michele Guerra, annota che «non intendo dare nessun giudizio politico, ma vorrei dare spazio solo alla pura oggettività della proposta: cioè la volontà unanime e solidissima di fare una volta per tutte piena e totale luce su questa vicenda, senza soggettività di sorta». Una volontà unanime che per Guerra «superando ogni steccato ha saputo generare qualcosa che va totalmente oltre le posizioni politiche o gli atti parlamentari». Una soluzione ibrida, quella dell’audit esterno con poteri accresciuti, che il deputato leghista ritiene «importante, perché sarà assegnato a professionisti da competenze comprovate, che conoscono la delicatezza di questi casi». E sui poteri accresciuti, Guerra spiega che «saranno conferiti momentaneamente alla Commissione parlamentare della gestione, che nel suo esercizio li garantisce all’esecutore dell’audit stesso. Tra questi, figura l’obbligo delle persone chiamate a collaborare. Pena, sanzione penale».

Dadò: un’importanza chiara anche a chi era scettico

L’audit esterno nasce anche e soprattutto da un atto parlamentare del presidente del Ppd Fiorenzo Dadò, che ricorda come «dopo la bocciatura della prima richiesta di istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta per far luce sugli aspetti amministrativi, occorreva e occorre capire come venivano affrontati i casi di molestie, mobbing e discriminazioni e quali fossero gli strumenti a garanzia dei denuncianti. Nonché, importantissimo, il grado d’indipendenza di coloro che sono tenuti a prendere decisioni». Dadò si felicita del fatto che «l’importanza di questa inchiesta amministrativa oggi è chiara anche chi all’inizio era scettico», ma che «avrebbe dovuto essere stata decisa prima dal governo, senza il nostro intervento, evitando tre anni di dolore insistenza oltre ad alcune, troppe polemiche». Insomma, «le risposte date dal governo ai numerosi atti parlamentari non hanno convinto e non erano sufficienti a chiudere il caso e ripristinare la credibilità delle istituzioni». Adesso, riprende Dadò, «occorre gettare le basi affinché giovani, donne e uomini che lavorano con e nell’Amministrazione cantonale non subiscano più atti simili».

Gianella: risposta equilibrata

«Fin dall’inizio l’obiettivo del Plr è stato fare chiarezza su quanto successo», premette la capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella. Partendo «dal verificare se le vittime e chi è chiamato a proteggerle sapesse, e sappia, cosa fare per garantire a tutti un ambiente sano e rispettoso». Che le consegne siano chiare, detta altrimenti. Ed è per questo che «la soluzione proposta, al contrario della Cpi, è una risposta equilibrata, professionale e non politica». Anche per Gianella è importante agire in ottica futura, «perché approntare eventuali correttivi oggi aiuterà a non far accadere più certi fatti. Nonostante le accuse di insabbiare e nascondere che abbiamo ricevuto, termini che ancora oggi mi fanno rabbrividire, riteniamo si debba capire cosa non ha funzionato».

Aldi: prima domanda delle vittime è: ‘Sarò creduta?’

Per la leghista Sabrina Aldi «se dal profilo penale l’iter è concluso, rimangono aperti numerosi interrogativi: è vero che tutti sapevano? Che si facevano battutine in ufficio? Come mai questo funzionario non è stato licenziato con procedura immediata?». Per Aldi «è nostro dovere dare risposte chiare, lo dobbiamo alle vittime e a tutti coloro che non hanno ancora avuto il coraggio di denunciare». Ed è proprio a loro che Aldi dedica un pensiero: «Da avvocato seguo alcune vicende di questo tipo, la prima domanda che viene sempre posta a un legale è sapere se si verrà credute o no. ‘È la mia parola contro la sua’, dicono. È fondamentale che davanti a certe situazioni suonino mille campanelli d’allarme».

Biscossa: se emergeranno responsabilità, sanzionare con tutti gli strumenti

Anna Biscossa (Ps) riprende quanto sostenuto da Dadò: «Ero e resto sconfortata per il fatto che non si sia fatto prima questo passo, mi permetto di ripetere che il Consiglio di Stato avrebbe dovuto scegliere la strada dell’indagine esterna sull’operato dell’Amministrazione». L’audit, dice ancora Biscossa, «ha certamente la finalità di capire cosa sia accaduto nella gestione del caso dell’ex funzionario del Dss prima, e poi se leggi, regolamento, procedure e norme siano adeguati a quanto richiesto da norme e obiettivi federali e internazionali». Se da questo audit «emergeranno responsabilità individuali, devono essere denunciate e sanzionate con tutti gli strumenti. Se invece verrà fuori che era una questione di sistema, ci sono gli strumenti necessari per verificare che oggi questo sistema non esiste più».

Appoggio anche dai Verdi con Samantha Bourgoin: «L’audit esterno è il metodo adeguato» e dall’Udc con Paolo Pamini: «Contenti per la soluzione trovata».

Lepori Sergi: vittime non sono tutelate

A storcere il naso è invece il Movimento per il socialismo che con Angelica Lepori Sergi, rileva che «per noi non c’è alcuna garanzia che l’audit venga svolto nel miglior modo possibile: è importante proteggere le vittime, ma vi apprestate a votare un decreto che non tutela minimamente le vittime stesse. L’obbligo per tutti i chiamati a testimoniare, lede la possibilità delle vittime di non testimoniare per non subire un’altra violenza. Questa garanzia deve essere esplicitata nel decreto». Dubbi anche da Tamara Merlo (Più donne): «La Commissione parlamentare d’inchiesta sarebbe stata sicuramente uno strumento migliore. La sua attualità dipenderà dalla qualità dell’audit e dai suoi risultati: vi aspettiamo al varco».

Bertoli: attendiamo sereni

Il presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli rileva che «un sì all’audit significa che gli accertamenti che il governo ha fatto e le risposte date non sono stati reputati sufficienti, ne prendiamo atto, attendiamo serenamente cosa uscirà da questo audit e verificheremo se i risultati saranno significativamente distanti da quello che il governo ha accertato e riferito in quest’aula. Spero che non ci si innamori delle conclusioni preconcette, questa procedura speriamo che chiarirà definitivamente le cose per tutti». Finito? No. Perché Bertoli ricorda pure che «ci sono due elementi presenti nel caso di istituzione di una Cpi non presenti nel decreto: il primo, le persone per le quali si giunge a concludere che ci siano elementi a carico devono essere messe nella condizione di saperlo e presentare le proprie osservazioni; lo stesso principio vale per Consiglio di Stato e Amministrazione cantonale, dovesse uscire qualcosa di questo tipo, sarebbe giusto che il governo ne venisse informato per presentare le sue osservazioni. Non solo le vittime devono essere tutelate, ma anche le persone che ingiustamente possono venire accusate siano messe nella condizione di difendersi».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
audit esterno ex funzionario dss gran consiglio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved