telefonate-dai-falsi-poliziotti-una-vittima-nel-mendrisiotto
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
18 min

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
18 min

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
18 min

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
6 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
11 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
11 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
11 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
24.01.2022 - 11:32
Aggiornamento : 16:28

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime

Continuano ad arrivare alla Polizia cantonale le segnalazioni di tentate truffe telefoniche, condotte in particolare con il modus operandi, già noto, del “falso poliziotto”: la vittima viene contattata telefonicamente da una persona che cerca di carpire abilmente informazioni riguardanti la sua sfera privata così da convincerla a cedere e a consegnare ingenti somme. Rispetto al passato, sottolinea la Polizia cantonale, le modalità appaiono tuttavia maggiormente articolate. Al riguardo, nei giorni scorsi in Germania, nell’ambito di una serie di accertamenti che ha portato a sventare un raggiro, sono stati intercettati con la fattiva collaborazione delle autorità tedesche due uomini e una donna che stavano viaggiando con circa 40mila franchi consegnati nelle ore precedenti da un’anziana del Mendrisiotto.

I truffatori agiscono con due modalità: nei casi più recenti, spacciandosi per agenti di polizia, chiedono insistentemente alla vittima una grossa somma di denaro per coprire le spese per la cauzione di un congiunto, responsabile di un grave incidente della circolazione e che, a loro dire, rischia la carcerazione entro poche ore se non verrà versata una somma di diverse migliaia di franchi, che la vittima dovrebbe prelevare, indotta dallo scarso tempo a disposizione millantato dai truffatori, e consegnare a una terza persona che passerà a ritirarla. La Polizia precisa che le telefonate giungono principalmente su telefoni fissi, da un numero che appare spesso come “sconosciuto” sul display del telefono. Per rendere difficile la loro identificazione, gli autori dei raggiri, che agiscono dall’estero, tendono ad affidare a persone residenti o attive in Ticino (spesso autisti o conducenti di taxi), con un pretesto e in cambio di un compenso, l’incarico di ritirare al domicilio della vittima il pacchetto contenente il denaro da trasportare oltre i confini nazionali. Chi si presta a questo genere di attività, avvertono le forze dell’ordine, si rende così perseguibile penalmente, come dimostra il caso sopra citato.

Vi è poi un secondo genere di raggiro, più elaborato nei tempi di esecuzione. I truffatori si presentano sempre come membri delle forze di Polizia, instillando paura nella vittima millantando una serie di problematiche di sicurezza nel suo sistema bancario e carpendone la fiducia tramite numerose telefonate. A quel punto, la persona presa di mira viene convinta a recarsi in banca per prelevare tutti i risparmi, e a nasconderli e metterli al sicuro momentaneamente all’esterno dell’abitazione: risparmi che spariranno nottetempo per mano dei truffatori. In quest’ultimo caso, la chiamata non proviene da un numero sconosciuto ma da un’utenza che sembra essere ricollegabile alle forze dell’ordine, poiché i truffatori utilizzano un sistema che permette di camuffare il proprio numero, simulandone uno ricollegabile in qualche modo alla Polizia (ad esempio +41 91 117 117).

La Polizia cantonale ribadisce i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Essere sempre diffidenti quando si ricevono chiamate con richieste di denaro.
  • Non citare mai il nome dei propri parenti al telefono. Specificare che in casi d’emergenza bisogna dapprima consultarsi con qualcun altro e interrompere subito la conversazione telefonica. Poi contattare un parente che si conosce bene e di cui ci si fida e con lui/lei verificare le informazioni.
  • Non consegnare mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti.
  • Non dare a nessuno informazioni sui propri averi, né su quelli tenuti in casa né su quelli depositati in banca.
  • Se una chiamata sembra sospetta, informare subito la polizia, telefonando al 117 (numero d’emergenza).
  • Informare i parenti e conoscenti e sensibilizzarli dell’esistenza di questo tipo di truffa.
Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
falsi poliziotti polizia cantonale truffe telefoniche
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved