aiuti-ai-media-viscom-ticino-si-con-convinzione-al-pacchetto
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
11 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
15 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
15 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
15 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
15 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
15 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
16 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
16 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
17 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
20.01.2022 - 18:46

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato

“Riferendo in modo fondato e critico e informando su fatti e posizioni rilevanti, a volte anche scomode, i molti media formano la base dei processi democratici di formazione delle opinioni”. Non solo: “Con le loro relazioni da e per le regioni, permettono i dibattiti e contribuiscono alla coesione del nostro Paese federalista”. E quindi, “chi ha a cuore quanto esposto deve assolutamente votare sì il 13 febbraio”. A prendere nettamente posizione sul referendum sugli aiuti ai media, invitando a sostenere il pacchetto, è la sezione ticinese di Viscom, l’Associazione svizzera per la comunicazione visiva. “L’industria grafica ticinese, con i suoi circa mille collaboratori in Ticino, beneficia direttamente del pacchetto”, si legge in una nota firmata da Stefano Gazzaniga. Che aggiunge: “Per la nostra democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato. I beneficiari di un aumento indiretto alla distribuzione postale sono infatti anche un’infinità di piccole riviste che raggiungono tutti noi: dal bollettino parrocchiale al giornale di partito, dal mensile associativo alla rivista della fondazione benefica”. Senza questi sostegni, scrive Viscom Ticino, queste riviste “non potranno sopravvivere confrontate come sono con la crescente mancanza di risorse economiche. Anche se la comunicazione oggi è multicanale giocoforza dovranno optare per il digitale a discapito di molti lettori e della nostra economia”.

A beneficiarne soprattutto i piccoli media regionali

Ma al netto di tutto il pacchetto va sostenuto con convinzione, per Viscom Ticino, perché è “un pacchetto di misure efficaci per l’intero sistema dei media svizzeri”. Perché, si ricorda, “sono supportati circa 170 giornali e riviste in tutto il territorio svizzero, dai settimanali locali e quotidiani regionali fino alle testate nazionali; circa mille pubblicazioni di associazioni senza scopo di lucro, fondazioni e partiti politici di ogni schieramento politico; una moltitudine di piattaforme d’informazione online a pagamento; 21 stazioni radio locali e 13 stazioni televisive locali in tutte le regioni linguistiche della Svizzera; altre organizzazioni importanti per il settore dei media come le agenzie di stampa, le istituzioni per la formazione dei giornalisti, le organizzazioni di settore come ad esempio il Consiglio della stampa e le soluzioni infrastrutturali per l’industria nel suo complesso. Il pacchetto dei media è progettato per sette anni come soluzione ponte”.

Questo pacchetto è stato approvato il 18 giugno 2021 dal Parlamento, “e prevede di ampliare di 123 milioni di franchi l’anno i sussidi che esistono da decenni. Con i tre pilastri della promozione alla stampa, della promozione del digitale e delle misure generali per l’intero sistema dei media si raggiunge un pacchetto efficace”.

‘Uno scandalo che la Posta aumenti le tariffe’

Nel settore, si legge, “sono state sollevate anche questioni di politica normativa”. Nel senso che “è stato criticato il fatto che i grandi gruppi mediatici nazionali, che generano risorse finanziarie sufficienti all’infuori dell’industria dei media grazie ai loro impegni digitali, beneficiano anche di sostegni finanziari del pacchetto delle misure”. C’è un altro punto critico: “Da un lato la promozione indiretta della stampa, sostegno fondamentale per le pubblicazioni cartacee, dev’essere ampliata con riduzioni mirate delle tariffe postali, mentre allo stesso tempo la Posta vuole vanificare questi miglioramenti con l’aumento ingiustificato delle tariffe. È uno scandalo!”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti ai media referendum viscom
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved