gpc-il-governo-designa-krizia-kono-genini-giudice-supplente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
1 ora

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
1 ora

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
8 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
8 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
12 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
12 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
12 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
19.01.2022 - 13:17
Aggiornamento : 19:51

Gpc, il governo designa Krizia Kono-Genini giudice supplente

Il Consiglio di Stato accoglie la richiesta dell’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi e dà luce verde al rinforzo temporaneo

Il Consiglio di Stato ha dato luce verde, nella seduta di stamattina, al rinforzo provvisorio per l’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi. Ha quindi designato quale giudice supplente temporaneo, fino al 31 marzo, Krizia Kono-Genini, avvocata e da oltre dieci anni segretaria giudiziaria in seno all’Ufficio dei gpc.

Era stata la stessa autorità giudiziaria a chiedere al governo un rinforzo e a proporre per questa funzione Kono-Genini. Dunque un giudice supplente sino all’entrata in carica del quarto giudice ordinario. Dopo aver potenziato, con decisione presa nella sessione del giugno 2021, l’Ufficio dei gpc, ripristinando di fatto l’organico dei magistrati di garanzia, che la manovra di risparmio del 2016 per risanare le casse cantonali aveva ridotto di un’unità, il Gran Consiglio lo scorso novembre ha eletto René Libotte (quarto) giudice dei provvedimenti coercitivi. Libotte sarà però operativo solo dal prossimo 1° aprile, tenuto conto dei termini di disdetta del precedente impiego, quello di procuratore pubblico del Canton Grigioni. Non solo: il 1° aprile il presidente dell’Ufficio dei gpc Maurizio Albisetti Bernasconi terminerà la propria attività nella giurisdizione cantonale, dopo che in dicembre l’Assemblea federale lo ha eletto giudice della Corte di appello del Tribunale penale federale. Insomma, “la posizione del quarto giudice rimarrebbe scoperta per i primi mesi del 2022”, avevano evidenziato i giudici dei provvedimenti coercitivi nella lettera inviata il 30 dicembre al direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. Secondo i gpc, vi erano quindi i presupposti per l’applicazione dell’articolo 24 della Legge sull’organizzazione giudiziaria, in base al quale “in caso di vacanza di qualsiasi seggio giudiziario o d’impedimento di carattere durevole, il Consiglio di Stato può designare un supplente a ricoprire l’ufficio fino alla sostituzione o alla cessazione dell’impedimento”.

Il Consiglio di Stato non aveva perso tempo e, prima di procedere con la designazione del giudice supplente, aveva subito informato il parlamento della richiesta dell’Ufficio di gpc per un parere, dando così seguito a un invito formulato a suo tempo dal Gran Consiglio, autorità di nomina dei magistrati, quando vi è in ballo l’articolo 24 della Log. Sia la commissione ‘Giustizia e diritti’ sia l’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio avevano espresso preavviso favorevole alla designazione del supplente da parte del governo.

I giudici dei provvedimenti coercitivi sono chiamati, fra l’altro, a confermare o meno gli arresti e le carcerazioni di sicurezza ordinati dal Ministero pubblico, cantonale e della Confederazione, ad approvare o meno le richieste di proroga della detenzione preventiva, ad autorizzare o meno i controlli telefonici e la levata dei sigilli in relazione a documentazione sequestrata.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giudice supplente governo provvedimenti coercitivi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved