riforma-tutorie-ora-bisogna-accelerare
Sabrina Aldi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
25 min

Colpo di scena a Val Mara: lo sfidante sindaco si dimette

Daniele Maffei, tra i motori del progetto di aggregazione, lascia il Municipio dopo essere stato superato in votazione e al ballottaggio
Bellinzonese
30 min

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand dei Saleggi

Giovedì 19 maggio dalle 17 alle 19
Mendrisiotto
43 min

Aggregazioni, Gobbi dai Comuni del Mendrisiotto

Tra i temi il progetto di fusione del Basso Mendrisiotto che entrerà nel vivo a inizio giugno
Bellinzonese
46 min

Festa di primavera con la Civica filarmonica di Giubiasco

Appuntamento al Mercato coperto per domenica 22 maggio
Bellinzonese
53 min

Festa del mulino a Calonico

Appuntamento per sabato 28 maggio con dimostrazione, grigliata, musica e mercatino
Bellinzonese
1 ora

Biasca, firmacopie con Gianluca Grossi

Sabato dalle 14 alle 17 con discussione del nuovo libro ‘La libertà è una parola. Sul giornalismo apocalittico’
Bellinzonese
1 ora

Morti a Sementina: ‘vicinanza’ ma non scuse dal Municipio

Il capodicastero Giorgio Soldini ribadisce il sostegno ai vertici che andranno a processo nei prossimi mesi
Ticino
1 ora

TiSin, i leghisti Aldi e Bignasca lasciano il ‘sindacato’

Capogruppo e vicecapogruppo in Gran Consiglio della Lega si dimettono e ritirano la firma dall‘associazione. Ceruso: ’No comment, daremo comunicazioni’
Locarnese
1 ora

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio.
Ticino
1 ora

Nelle case anziani nessun contagio di coronavirus da ieri

Nelle ultime 24 ore registrati in Ticino 113 casi e zero decessi. Negli ospedali si contano 69 pazienti Covid, di cui tre nei reparti di terapia intensiva
Luganese
1 ora

Franklin College, laurea ad honorem e altre lauree

Cerimonia di consegna per 61 studenti al Palazzo dei Congressi di Lugano
Locarnese
1 ora

Locarno, ferite lievi per uno scooterista urtatosi con un’auto

L’incidente della circolazione è successo poco prima delle 11, all’incrocio fra via Varesi e via Ballerini
Mendrisiotto
1 ora

A Brusino il film festival dove le immagini parlano

La terza edizione del Momòhill Film Fair si terrà dal 19 al 21 maggio nella sala multiuso. I film in concorso sono 27
18.01.2022 - 21:07
Aggiornamento : 21:59

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi

«Credo che come deputati dobbiamo ora spingere sull’acceleratore per quel che riguarda il futuro del settore, importante e delicato, delle tutele e delle curatele - dice la leghista Sabrina Aldi -. Lo scorso mese il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio con cui propone una nuova organizzazione in Ticino delle autorità di protezione, che io reputo nel complesso valida. Adesso tocca al Gran Consiglio fare la sua parte, senza perdere tempo. Perché la riforma del sistema è urgente. Perché in ballo ci sono persone fragili, alcune divenute ancor più fragili a causa dei contraccolpi della pandemia, le quali necessitano delle misure di protezione previste dal Codice civile. Allo Stato il compito di decidere con sollecitudine i provvedimenti adeguati nell’interesse e per il bene di tali persone. Da questo punto di vista le Arp hanno mostrato i loro limiti». La presidente della commissione parlamentare ’Giustizia e diritti’ condivide quanto prospettato dal governo, e cioè l’abbandono del (vigente) modello amministrativo, incentrato sulle Arp, le Autorità regionali protezione, che fanno capo ai Comuni, e l’adozione di quello giudiziario, con l’istituzione di Preture specifiche, le Preture di protezione. Sulla “cantonalizzazione” del settore tutele e curatele la parola passa così al Gran Consiglio. Il messaggio è stato varato poco prima di Natale dal Consiglio di Stato e verrà formalmente attribuito, per essere esaminato, alla ‘Giustizia e diritti’ settimana prossima, nella prima sessione parlamentare del 2022.

‘Obiettivo: rapporto commissionale entro l’estate’

Sarà una sottocommissione della ‘Giustizia e diritti’, sottocommissione coordinata dalla stessa Aldi e dal popolare democratico Luca Pagani, a vagliare la riforma tratteggiata dal governo. «Con i colleghi commissari, e in particolare con Pagani, discuterò come procedere - riprende Aldi -. Esprimendomi sempre a titolo personale, non vedo comunque la necessità di rifare il lavoro che ha già fatto il Consiglio di Stato». Il messaggio «è infatti frutto anche di una consultazione che il Dipartimento istituzioni aveva avviato sul progetto interpellando circa duecento interessati fra enti pubblici e privati. Ovviamente se ci saranno degli aspetti del messaggio che riterremo opportuno approfondire lo faremo, anche con delle audizioni». L’obiettivo di Aldi, tuttavia, «è di procedere con una certa celerità, per arrivare, come spero, ad avere un rapporto commissionale entro l’estate, un documento solido anche in vista della votazione popolare», dato che la riforma implica dei cambiamenti pure nella Costituzione cantonale.

L’Associazione genitori non affidatari: occhio a picchetto e mediazione

Nei giorni scorsi intanto l’Associazione genitori non affidatari (Agna) ha scritto alla ’Giustizia e diritti’, suggerendo alcuni correttivi alla riforma. «Sia chiaro, siamo perfettamente d’accordo con il passaggio al modello giudiziario - tiene a precisare il presidente di Agna Pietro Vanetti -. Certo, avremmo preferito la creazione di un Tribunale di famiglia, ma anche le Preture di protezione rappresentano un passo nella giusta direzione. Proponiamo delle modifiche legislative che secondo noi potrebbero migliorare la riforma». L’associazione chiede per esempio di inserire nella Legge sull’organizzazione giudiziaria la disposizione per cui le Preture di protezione “assicurano un servizio di picchetto per consultazioni urgenti nei fine settimana dal venerdì sera al lunedì mattina e nei giorni festivi infrasettimanali”. Un altro aspetto sul quale Agna pone l’accento è la mediazione. "Le Preture di protezione, laddove possibile, favoriscono la conciliazione e la mediazione“, recita l’articolo di legge confezionato dal Consiglio di Stato. L’associazione suggerisce la seguente versione: “Le Preture di protezione, laddove ritenuto utile, ordinano una mediazione”. La proposta, spiega Agna, “toglie solo in parte il potere di apprezzamento al giudice, perché dapprima deve comunque valutare se la mediazione è utile”. Non sono gli unici correttivi formulati dall’associazione. «Affinché il modello giudiziario si riveli efficace, sarà determinante - sottolinea Vanetti - la scelta delle persone che comporranno i collegi giudicanti chiamati a decidere le misure di protezione e che saranno designate dal Gran Consiglio. Per questo proponiamo che gli aspiranti pretori di protezione, i loro aggiunti e i candidati membri specializzati in psicologia, pedagogia, medicina e lavoro sociale siano sottoposti preliminarmente a un assessment».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agna aldi giustizia preture protezione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved