quote-rosa-ai-vertici-dell-amministrazione-commissione-divisa
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e lacuale.
Grigioni
23 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
laR
 
18.01.2022 - 18:18
Aggiornamento : 18:56

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È divisa a dir poco la commissione parlamentare Costituzione e leggi per quanto concerne il destino della mozione con cui Raoul Ghisletta (Ps) si è fatto promotore della richiesta di portare almeno al 30 per cento la presenza femminile ai vertici delle aziende e degli enti cantonali, dell’Amministrazione cantonale e delle commissioni. È divisa perché nella riunione commissionale odierna sono stati firmati due rapporti che, a causa di questioni relative alla validazione della firma di alcuni commissari assenti, non possono ancora vantare un sostegno definitivo.

Filippini: monitoraggio decennale, servono dati precisi

A ogni modo i rapporti sono due, si diceva. Uno è firmato da Lara Filippini (Udc), e nell’affrontare la richiesta di Ghisletta “invita a respingere la mozione così come proposta ed esorta il Consiglio di Stato ad allestire, tramite la Delegata per le pari opportunità, un rapporto decennale da sottoporre all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio o inserendolo nel Rendiconto del Consiglio di Stato”. Insomma, il tema va affrontato partendo da dati certi. Difatti, si continua a leggere nel testo, “il citato rapporto dovrà focalizzarsi sull’evoluzione della presenza femminile e maschile nelle posizioni dirigenziali (...) fornendo i relativi dati in maniera dettagliata ed esaustiva”. Perché la base di partenza citata nelle argomentazioni di Filippini è che “nel regolamento varato dal governo e di sua esclusiva competenza è già espressamente citato che ‘la rappresentanza di uno o dell’altro sesso deve essere, nella misura del possibile, di almeno il 30%’”. Dal monitoraggio in atto “emerge sì un miglioramento della situazione, ma emerge altresì una mancanza di dati in merito all’evoluzione della rappresentanza femminile in seno all’Amministrazione cantonale, ai gruppi di lavoro, alle commissioni e nella rappresentanza in enti di nomina cantonale”. Quindi? Quindi “solo con dati puntuali, chiari e precisi si può essere più oggettivi e incisivi nell’attuazione o nella scelta di correttivi riguardanti le politiche di parità di genere”. Per questo, “si ritiene necessario disporre di un monitoraggio costante della questione – per capire se effettivamente c’è un problema nella scelta derivante dal genere – sulla base di un rapporto annuale elaborato dalla Delegata per le pari opportunità”.

Lepori: il governo cambi il suo regolamento, rappresentanza di uno o dell’altro sesso non inferiore al 30%

Di diverso parere è il secondo rapporto sul tavolo, quello stilato da Daria Lepori (Ps). Anch’esso parte dall’articolo 4 capoverso 3 del Regolamento citato anche da Filippini, chiedendo di accogliere parzialmente la mozione “ritenendo opportuno” che il Consiglio di Stato riformuli tale articolo come segue: “La rappresentanza dell’uno e dell’altro sesso non può essere inferiore al 30 per cento. Occorre perseguire a lungo termine una rappresentanza paritetica dei due sessi. Se la proporzione di uomini o di donne è inferiore al 30 per cento, il Consiglio di Stato esige una motivazione scritta”. Non solo. Il rapporto di Lepori chiede che il governo “rilevi e metta a disposizione in maniera facilmente usufruibile i dati sull’evoluzione della rappresentanza femminile” e che “metta in atto misure di sensibilizzazione volte al miglioramento della presenza femminile, in particolare in vista del rinnovo nel 2023 delle commissioni e dei gruppi di lavoro extra parlamentari, dal momento che la loro istituzione avviene su sua decisione e che nel 2023 dovrà procedere al loro rinnovo sostituendo i membri uscenti e coloro che hanno accumulato 12 anni di attività”. Infine, la deputata socialista chiede che il nuovo articolo riformulato come da richiesta venga introdotto nelle leggi che regolano le partecipate del Cantone, quindi Azienda cantonale dei rifiuti, Azienda elettrica ticinese, BancaStato, Ente ospedaliero cantonale, Ente turistico ticinese, Usi e Supsi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amministrazione cantonale quote rosa rappresentanza femminile
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved