scuola-superamento-dei-livelli-l-emendamento-domani-in-governo
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
1 ora

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
1 ora

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
1 ora

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
1 ora

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
1 ora

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
2 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
3 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
3 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
4 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
5 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
Bellinzonese
5 ore

Utoe Bellinzona in assemblea

Sabato 28 maggio nella sala del Consiglio comunale
Bellinzonese
6 ore

Officine Ffs a Castione: da Amica opposizione cautelativa

Le obiezioni dell’Associazione per il miglioramento ambientale. Contrari Municipio di Losone, Mancini&Marti, Pro Natura, Wwf, Ficedula e Unione contadini
Ticino
7 ore

Coronavirus, calano contagi e ospedalizzati in Ticino

Segnalati 50 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 37 persone ricoverate. Era da novembre che non si registravano dati così bassi
Ticino
13 ore

Che cosa ci dice il lavoro? Risponde Marazzi

La lectio magistralis dell’economista Supsi è un’occasione per fare il punto con lui su senso e cambiamenti della realtà locale e globale
Mendrisiotto
13 ore

‘Mettiamo un tetto alle auto sulle strade trafficate’

L’Ata dice ‘no’ a PoLuMe e corsia per i Tir e rilancia proponendo di trasferire i pendolari sul trasporto pubblico. Come si è fatto con i camion
Luganese
20 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
laR
 
18.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 08:24

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Sono giorni cruciali per le sorti della proposta del Dipartimento educazione cultura e sport di testare per due anni scolastici il superamento dei livelli A e B in terza media e l’introduzione dei laboratori. È l’opzione prospettata giovedì scorso dal Dipartimento diretto dal socialista Manuele Bertoli alla luce di due dati. Il primo: la richiesta al Gran Consiglio della maggioranza della commissione parlamentare della Gestione, Plr e Ppd in testa, di depennare dal Preventivo 2022 del Cantone la voce di spesa, 390mila franchi, per partire il prossimo anno scolastico direttamente col nuovo sistema, direttamente cioè senza alcuna preliminare sperimentazione. Il secondo dato, che è poi quello che ha stimolato il Decs a suggerire il test, è l’esito della consultazione avviata a suo tempo dal Dipartimento sul progetto, con il 64 per cento degli interpellati favorevoli ad accantonare i corsi attitudinali e di base. Domani, mercoledì, giorno della riunione settimanale del Consiglio di Stato, Bertoli sottoporrà per approvazione ai colleghi di governo l’annunciato progetto di emendamento al Preventivo affinché si possa avviare la sperimentazione dal settembre di quest’anno. Secondo nostre informazioni, il testo da un lato contempla aspetti tecnici, dall’altro accoglie quelle garanzie chieste durante il dibattito pubblico e dalle risposte alla consultazione, tra cui l’analisi del risultato della sperimentazione da parte di un ente esterno.

In caso di luce verde da parte dell’Esecutivo, assai verosimile, la proposta di emendamento, prima di essere presentata dal Consiglio di Stato nella sessione di settimana prossima del Gran Consiglio in occasione del dibattito e del voto sul Preventivo, passerà al vaglio della commissione della Gestione presieduta da Anna Biscossa (Ps), ma anche della commissione parlamentare Formazione e cultura coordinata da Alessio Ghisla. «La valuteremo e se del caso formuleremo anche noi delle indicazioni al plenum del Gran Consiglio», afferma il deputato popolare democratico.

Il tempo comunque stringe: i conti cantonali 2022 sono all’ordine del giorno della seduta parlamentare che si aprirà lunedì 24. Per questo motivo il Consiglio di Stato, se lo approverà, trasmetterà l’emendamento al Gran Consiglio già domani, senza quindi attendere l’ultimo giorno utile (il venerdì che precede la sessione del parlamento) per il deposito delle proposte di emendamento.

Dadò: di principio la porta è aperta

«Se il consigliere di Stato Bertoli e il governo proporranno qualcosa che corrisponde alla nostra presa di posizione noi siamo pronti a entrare in materia». Il presidente del Ppd Fiorenzo Dadò apre alla possibilità della sperimentazione, poiché «noi non siamo mai stati contrari per principio a metterla in pratica sulla questione dei livelli». Nella presa di posizione popolare democratica, infatti, «abbiamo ribadito che prima bisognava verificare il tutto in determinate sedi, e poi dopo due anni far valutare il tutto a un ente esterno e indipendente». Quindi se il Consiglio di Stato davvero nella sua seduta di mercoledì darà il via libera a un emendamento al Preventivo ’22, dal Ppd ci sarà via libera? Con «la premessa che devo ancora parlarne con il gruppo parlamentare», Dadò risponde che «abbiamo tolto la voce di spesa dal Preventivo perché era camuffata e perché non si trattava di una sperimentazione, ma di un’implementazione di questa misura. E ciò non poteva evidentemente essere accettato». Però, riprende il presidente del Ppd, «se il Consiglio di Stato arriva con una voce di spesa e il relativo emendamento che spiega quali saranno le sedi coinvolte, che afferma chiaramente che sarà coinvolta la commissione Formazione cultura e che la valutazione finale spetterà a un organo esterno, il Ppd di principio potrà accettarla». Sarà quindi sufficiente un emendamento al Preventivo e non un messaggio governativo vero e proprio? «Il messaggio semmai dovrà venir proposto quando e se il Consiglio di Stato dopo aver valutato gli effetti della sperimentazione deciderà di procedere con l’implementazione in tutte le sedi». Insomma, la porta è aperta.

Il Plr per ora non si sbilancia. E in casa Lega? «Ne parleremo in gruppo mercoledì (domani, ndr) e sarà il gruppo parlamentare a decidere – premette Michele Guerra –. Intanto osservo che quanto chiesto a suo tempo dalla maggioranza della commissione della Gestione, ossia di non introdurre direttamente il nuovo sistema, ma prima di tutto di sperimentarlo, è stato accolto dal Consiglio di Stato. E parlando a titolo personale – aggiunge il deputato e membro della Gestione – sono favorevole a sperimentare un rinnovo della scuola media. Ho sempre sostenuto la necessità di superare l’attuale sistema a livelli, che è vetusto e che ha dimostrato di non funzionare: ricordo il quasi 40 per cento di bocciature in prima liceo a conferma del fatto che la selezione alle medie non va, causa un sacco di problemi e va aggiornata con un qualcosa di più serio».

Sisa: criticamente favorevoli

Con una nota inviata ai media, il Sindacato studenti e apprendisti (Sisa) “ribadisce la sua posizione criticamente favorevole alla proposta presentata dal Decs” e invita “a non cedere all’ostruzionismo elettoralistico della destra”: sosteniamo il superamento dei livelli in terza media. Infatti, a preoccupare particolarmente il Sisa “sono le posizioni espresse dalla destra (neo)liberale, che non solo sono contrarie al superamento della differenziazione strutturale, ma si esprimono in favore di un sistema maggiormente selettivo e integrato all’economia privata”. Insomma, l’invito è “di non perdere l’occasione di andare verso una scuola maggiormente democratica”.

Leggi anche:

Superamento dei livelli, favorevoli due terzi dei consultati

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio di stato livelli scuola media sperimentazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved