VAN Canucks
1
STL Blues
3
fine
(1-1 : 0-2 : 0-0)
consiglio-della-magistratura-ricusato-in-arrivo-quello-ad-hoc
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Ticino
2 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Mendrisiotto
2 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
10 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
12 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
13 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
13 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
13 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
13 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Locarnese
13 ore

Locarnese, il premio Giovanna Dalcol a Formation Partage

L’Ong si occupa di progetti di formazione e di educazione in diversi Paesi dell’Africa francofona
Luganese
13 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
13 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
Bellinzonese
14 ore

Ampio sostegno trasversale alla fusione nella Bassa Leventina

In un volantino un centinaio di persone e alcuni ‘tenori’ si schierano a favore dell’aggregazione
Locarnese
15 ore

Ascona, Antoinette al cinema Otello

Secondo appuntamento con il cineclub dell’Alliance française, martedì 25 e mercoledì 26 alle 18.15
Mendrisiotto
16 ore

‘30x30’, mostra collettiva alla Filanda di Mendrisio

Esposizione del Gruppo Acquarellisti Ticinesi fino al 30 gennaio per sottolineare il nuovo traguardo del sodalizio
12.01.2022 - 20:130
Aggiornamento : 23:24

Consiglio della magistratura ricusato, in arrivo quello ad hoc

L’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, dopo la sentenza del Tribunale d’appello, propone Silvia Torricelli, Fulvio Pezzati e Riccardo Crivelli

“Stante l’eccezionalità della procedura (mai prima d’ora il Tribunale d’appello aveva accolto un’analoga richiesta e di conseguenza mai prima d’ora un’Autorità è stata chiamata a designare un Consiglio della magistratura ad hoc)” e stando all’articolo 86 della Legge sull’organizzazione giudiziaria (“Il diritto di punire disciplinarmente si prescrive in un anno dal giorno in cui l’autorità di sorveglianza è venuta a conoscenza dei fatti contestati”), non c’è più tempo da perdere. Ecco perché l’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio ha formulato oggi il proprio rapporto all’indirizzo del plenum nel quale propone la designazione, per quanto riguarda i membri di nomina parlamentare di questo Consiglio della magistratura ad hoc, dell’avvocata Silvia Torricelli, in sostituzione dell’avvocato Battista Ghiggia; dell’avvocato Fulvio Pezzati, in sostituzione dell’avvocato Luca Beretta Piccoli; di Riccardo Crivelli, al posto di Ivan Pau-Lessi.

Perché si rende necessario

Perché un Cdm ad hoc? “Con sentenza 30 novembre 2021, notificata al Gran Consiglio il 2 dicembre scorso, il Tribunale d’appello ha accolto l’istanza di ricusa presentata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier nei confronti del Consiglio della magistratura e dei suoi membri”, ricorda l’Up del Gran Consiglio nel suo rapporto. “Lo stesso Tribunale ha quindi stabilito la necessità di designare un’autorità ad hoc chiamata a statuire sulla segnalazione”, una segnalazione di cui è stata oggetto Alfier. Come noto, l’istanza di ricusazione era stata avanzata dalla procuratrice per le modalità con le quali nel 2020, in occasione del rinnovo delle cariche al Ministero pubblico, il Cdm aveva esaminato le candidature – ritenendole, per finire, non idonee – di cinque procuratori, tra cui la pp, che avevano sollecitato un ulteriore mandato. Nonostante gli insolitamente impietosi giudizi, nei contenuti e nella forma, espressi dal Cdm, nel dicembre di quell’anno il Gran Consiglio ha riconfermato i cinque dopo che gli approfondimenti della sua commissione ‘Giustizia e diritti’ avevano evidenziato importanti lacune nella procedura adottata dal Consiglio della magistratura presieduto dal giudice Werner Walser. Lacune/irregolarità come la violazione del diritto di essere sentito.

Sulla nomina dei membri laici del Cdm ad hoc, il parlamento si pronuncerà nella seduta del 24 gennaio. Dei quattro componenti non togati del Consiglio in carica (per legge i membri del Cdm sono sette, tre dei quali magistrati designati dall’Assemblea dei magistrati) solo uno non è stato ricusato: è Beatrice Fasana, eletta dal Gran Consiglio nel Cdm nel giugno 2021. Silvia Torricelli, avvocato e notaio, già giudice d’Appello ed ex magistrato dei minorenni, fa parte della Commissione di esperti chiamata a valutare l’idoneità degli aspiranti giudici e pp a ricoprire la carica, con relativo preavviso all’attenzione del parlamento, autorità di nomina delle toghe. In caso di designazione quale membro del Consiglio della magistratura ad hoc, lascerà la Commissione di esperti, essendo incompatibili le due cariche. Da ricordare poi che il Cdm ricusato terminerà in ogni caso il proprio mandato alla fine di quest’anno. Ed è assai probabile che i tre membri non togati che entreranno nel Cdm ad hoc vengano eletti/confermati, previa la loro disponibilità, quando a dicembre il parlamento nominerà i quattro componenti laici del nuovo (ordinario) Consiglio della magistratura.

Gpc, anche l’Up dice sì alla designazione governativa di un giudice supplente temporaneo

Restando al settore giustizia, oggi anche l‘Ufficio presidenziale del Gran Consiglio ha dato luce verde alla designazione da parte del governo di un giudice supplente temporaneo, sino a fine marzo, per l’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi (gpc). Un preavviso favorevole che segue quello espresso lunedì dalla ‘Giustizia e diritti’, secondo la quale vi sono le condizioni per l’applicazione dell’articolo 24 della Legge sull’organizzazione giudiziaria (“In caso di vacanza di qualsiasi seggio giudiziario o d’impedimento di carattere durevole, il Consiglio di Stato può designare un supplente a ricoprire l’ufficio fino alla sostituzione o alla cessazione dell’impedimento”). A sollecitare il rinforzo provvisorio è stato lo stesso Ufficio giudiziario, considerato che il quarto giudice ordinario (René Libotte, eletto lo scorso novembre dal Gran Consiglio) entrerà in funzione solo il primo di aprile. Data, peraltro, in cui l’attuale presidente dei giudici dei provvedimenti coercitivi Maurizio Albisetti Bernasconi cesserà di lavorare nella giurisdizione cantonale, dopo la sua elezione, ad opera dell’Assemblea federale, a giudice della Corte d’appello del Tribunale penale federale.

«Nella seduta di settimana prossima procederemo alla designazione del giudice supplente temporaneo», dice il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi. E quasi certamente la scelta cadrà sull’avvocata Krizia Kono-Genini, da oltre dieci anni segretaria giudiziaria in seno all’Ufficio dei gpc. Nome proposto dai giudici dei provvedimenti coercitivi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved