ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
1 ora

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
1 ora

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
3 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
5 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
5 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
14 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
14 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
14 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
14 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
14 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
15 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
15 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
15 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
15 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
15 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
16 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
Ticino
16 ore

Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza

Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro, concerto di inaugurazione dell’organo

L’evento avrà luogo alle 20.30 presso la chiesa parrocchiale di Sant’Eusebio. Sarà il musicista Passuello a eseguire i brani
Bellinzonese
16 ore

A Bellinzona torna la giornata dedicata alla riparazione

La propone il Dipartimento del territorio sabato 3 dicembre presso la propria sede in via Franco Zorzi
Mendrisiotto
16 ore

Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti

Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
16 ore

PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici

Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
16 ore

Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto

La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Luganese
16 ore

Usi consegna i diplomi della Facoltà di scienze informatiche

Sono 123 le studentesse e gli studenti di 20 nazionalità diverse che hanno ricevuto la laurea di Bachelor, Master e dottorato
Bellinzonese
16 ore

In concerto a Giornico il trio solistico ‘Arrigo Galassi’

Sabato 3 dicembre alle 20.30 nella chiesa San Michele
Bellinzonese
16 ore

Mercatino di Natale a Malvaglia

Appuntamento per sabato 3 dicembre dalle 16 sulla piazza del Municipio
Bellinzonese
17 ore

Concerto del coro femminile DesDes a Chiggiogna

Appuntamento per giovedì 8 dicembre alle 17 nella chiesa Santa Maria Assunta
Mendrisiotto
17 ore

Tornielli, collaboratore di papa Francesco presenta il suo libro

‘Vita di Gesù’, è questo il titolo del racconto del vaticanista, che farà conoscere al pubblico venerdì 2 dicembre alle 20.15 al Centro Presenza Sud
Bellinzonese
17 ore

La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni

La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio: l’imputato ha scherzato col fuoco, e si è bruciato

Inflitta una pena di 13 mesi sospesi condizionalmente per due anni a un 23enne che nel 2017 ha bruciato dei cartoni, cagionando un incendio
Bellinzonese
17 ore

Giornico, popolazione invitata all’inaugurazione del Centro Tir

Sabato 3 dicembre porte aperte per scoprire la nuova struttura che entrerà ufficialmente in servizio venerdì 2
Luganese
17 ore

Norman Gobbi incontra i Municipi di Savosa e Canobbio

Proseguono le visite del direttore del Dipartimento delle istituzioni nei Comuni ticinesi. Il ciclo proseguirà il 10 gennaio nel Luganese
Grigioni
17 ore

Libri protagonisti di un calendario dell’Avvento a Grono

Giovedì 1° dicembre è previsto un corteo, l’apertura del primo libro e l’accensione dell’albero di Natale
Locarnese
18 ore

Intragna, distillatori all’opera

L’alambicco consortile sarà in funzione fino a domenica 11 dicembre. Interessati annunciarsi
laR
 
11.01.2022 - 20:17
Aggiornamento: 20:53

Ex funzionario Dss, ecco punto per punto il mandato per l’audit

Dalla Gestione sì unanime al rapporto della Sottocommissione finanze: ‘Quanto accaduto deve venire definitivamente chiarito’. Parola al Gran Consiglio

ex-funzionario-dss-ecco-punto-per-punto-il-mandato-per-l-audit
Ti-Press

“Quanto accaduto deve venire definitivamente chiarito. Si tratta di un atto dovuto nei confronti delle persone coinvolte, importante anche e soprattutto in un’ottica di prevenzione. Infatti, oltre che a fare chiarezza sul caso specifico (guardando a ritroso), l’audit dovrà occuparsi anche di analizzare l’attuale sistema in ottica futura, e quindi di apportare correttivi affinché oggi e domani situazioni simili non si possano verificare”. A dirlo nero su bianco, mettendo auspicabilmente la parola fine a un percorso piuttosto tortuoso, è all’unanimità la Commissione parlamentare della gestione, che nella riunione di stamattina ha fatto proprio il rapporto stilato dalla Sottocommissione finanze e dato quindi via libera alla proposta di audit esterno sulla vicenda dell’ex funzionario del Dipartimento sanità e socialità condannato, anni dopo aver compiuto i fatti, per coazione sessuale e violenza carnale con sentenza (aprile 2021) divenuta definitiva, della Corte d’appello e di revisione penale. Proposta sulla quale il Gran Consiglio si esprimerà nella sessione che comincerà lunedì 24 gennaio. Insomma, quello arrivato oggi è un semaforo verde al lavoro della sottocommissione firmato dal coordinatore Michele Guerra (Lega), Samantha Bourgoin (Verdi), Fiorenzo Dadò (Ppd), Ivo Durisch (Ps), Alessandra Gianella (Plr) e Paolo Pamini (Udc).

Sarà un audit “dai poteri accresciuti” che, si legge nel disegno di Decreto legislativo annesso, “deve essere svolto da un ente e/o da persone senza alcun legame con le autorità amministrative e politiche del Canton Ticino, preferibilmente fuori Cantone”. La Commissione dovrà ricevere un rapporto “indicativamente entro fine autunno 2022”. Questo anche per evitare che l’audit sia ancora in corso l’anno successivo, il 2023, quello delle prossime elezioni cantonali. E per scongiurare di conseguenza eventuali strumentalizzazioni politiche.

Fare luce su tutta la vicenda, dalla A alla Z

Il mandato, a più riprese promesso come incisivo ed esauriente nelle fasi della sua lunga gestazione, non sembra aver tradito le intenzioni. Infatti, andrà svolta una “verifica di eventuali azioni od omissioni non conformi alle prescrizioni legali cantonali, federali e internazionali in vigore pro tempore in Svizzera, nell’ambito dell’Amministrazione cantonale, concernente la gestione della procedura amministrativa e operativa dei fatti che hanno riguardato il funzionario dalla sua assunzione fino al momento del suo licenziamento compreso”. Così, per iniziare. Poi, a cascata, tutto il resto. Vale a dire “la verifica di eventuali azioni od omissioni non conformi alle responsabilità professionali e deontologiche inerenti ai compiti dell’Amministrazione cantonale e dei servizi sociali in particolare; verifica della procedura che ha portato al licenziamento del funzionario; valutazione della completezza e dell’attinenza alle leggi delle direttive interne, nonché della prassi e del rigore applicativo delle direttive stesse in vigore dall’assunzione del funzionario a oggi; verifica, coerentemente con quanto precede, della conformità o meno delle direttive interne all’Amministrazione cantonale rispetto alle prescrizioni legali cantonali, federali e internazionali in vigore in Svizzera dall’assunzione del funzionario a oggi; verifica della prassi seguita dall’Amministrazione cantonale nell’applicazione di queste direttive dall’assunzione del funzionario a oggi; verifica della conformità, sia delle direttive che delle prassi, alle campagne nazionali specifiche in materia di prevenzione delle molestie sul posto di lavoro; valutazione generale delle direttive e prassi attualmente in vigore e di eventuali proposte di adeguamento per rafforzare la tutela sia preventiva che di intervento in caso di abusi e molestie”.

Questo mandato dovrà quindi approfondire e chiarire dalla A alla Z quanto successo, e il profilo di chi sarà referente per l’audit è anch’esso tracciato con precisione: “L’audit verrà affidato a una persona, più persone o a un ente fuori Cantone (“preferibilmente”, si afferma nel Decreto, ndr)”, in seguito l’auditor, “riconosciuti per le loro competenze ed esperienze a livello nazionale, con certificate competenze scientifiche e giuridiche e contemporaneamente con esperienza di gestione di simili problematiche. Per la natura delicata dell’approfondimento e le necessità di indipendenza e imparzialità, l’auditor non dovrà avere nessun legame con l’Amministrazione pubblica ticinese né con la politica ticinese”. Questo auditor “potrà avvalersi di eventuali collaborazioni terze da lui designate, le quali saranno sottoposte agli stessi vincoli di confidenzialità dell’auditor”. Una simile indagine, infine, “per sua natura prevede approfondimenti sia dal profilo giuridico, sia della corretta applicazione delle norme in vigore nell’ambito della gestione del personale e delle procedure in essa previste, sia in ambito sociologico”.

‘Incontri con tutte le parti coinvolte’

La Commissione della gestione formula anche delle proposte concrete per lo svolgimento dei lavori, beninteso modificabili a discrezione di chi svolgerà l’audit. Nel dettaglio, si tratta di: “Richiesta ai detentori degli atti e della documentazione già raccolta e ritenuta rilevante per la gestione del caso dal profilo amministrativo, rispettando i limiti di acquisizione e trasmissione degli atti che fanno parte del procedimento penale sfociato in sentenza definitiva; richiesta alle parti coinvolte di un’indicazione sulle persone da incontrare e intervistare; incontri informativi con tutte le parti che si riterrà opportuno coinvolgere da parte dell’auditor; incontri con tutte le persone coinvolte; analisi dei fatti e della gestione del caso sulla base degli obbiettivi prefissati; redazione di un rapporto comprendente i punti elencati quali obiettivi da raggiungere; presentazione degli esiti alla Commissione della Gestione; eventuali approfondimenti, se l’esito del rapporto li rendesse necessari, con l’auditor al fine di migliorare la prevenzione e la gestione delle molestie all’interno dell’Amministrazione cantonale; restituzione di quanto emerso dall’audit al Gran Consiglio nelle forme dovute”.

I poteri accresciuti per la commissione

Torniamo ai poteri accresciuti che si propone di attribuire alla Gestione tramite il Decreto legislativo. Poteri aumentati ma solo per il mandato e per la durata di questo, come si precisa nell’iniziativa parlamentare elaborata. In pratica si suggerisce di conferire temporaneamente alla commissione parlamentare "alcune delle competenze inquisitorie” che la Legge sul Gran Consiglio attribuisce alla Cpi, la Commissione parlamentare d’inchiesta. Sei gli articoli di cui consta il Decreto. Il secondo è quello sull’obbligo di collaborare: “1) Chiunque è coinvolto dall’audit ha l’obbligo di collaborare analogamente a quanto previsto dall’articolo 42 della Legge sul Gran Consiglio per la Commissione parlamentare di inchiesta. 2) I membri della Commissione gestione e finanze sono tenuti al riserbo più assoluto e restano vincolati al segreto d’ufficio anche dopo il termine dei lavori commissionali, per tutti quei fatti alla stessa sottoposti e non portati a conoscenza del Gran Consiglio“.

Articolo 3 ("Procedura”): "1) Qualora una persona chiamata a riferire, nell’ambito degli accertamenti proposti dall’audit esterno, rifiuti di rispondere o di consegnare documenti all’ente e/o alle persone incaricate dell’audit stesso, questi ultimi danno avviso alla Commissione gestione e finanze affinché proceda formalmente applicando la comminatoria penale dell’articolo 292 del Codice penale svizzero e richiamando l’articolo 307 del Codice penale svizzero. 2) La Commissione gestione e finanze può delegare le competenze o farsi rappresentare nei suoi suddetti compiti da una sua delegazione o dalla sua Sottocommissione finanze”.

Il 292 punisce la “disobbedienza a decisioni dell’autorità”. Secondo questo articolo del Codice penale “Chiunque non ottempera a una decisione a lui intimata da una auto­rità competente o da un funzionario competente sotto commina­toria della pena prevista nel presente articolo, è punito con la multa”. L’articolo 307 del Codice tratta invece della “falsa testimo­nianza, falsa perizia, falsa traduzione o inter­pretazione”. E stabilisce che “Chiunque come testimonio, perito, traduttore o interprete in un pro­cedi­mento giudiziario, fa sui fatti della causa una falsa deposizione, una falsa constatazione o fornisce una falsa perizia o traduce falsa­mente, è punito con una pena detentiva sino a cinque anni o con una pena pecuniaria. Se il dichiarante ha prestato giuramento o ha promesso solenne­mente di dire la verità, la pena è una pena detentiva da sei mesi a cinque anni. Se la falsità concerne fatti non influenti sulla decisione del giudice, la pena è una pena pecuniaria”.

Passiamo all’articolo 4 del Decreto legislativo. Quello sulle sanzioni. “1) Chiunque è citato a comparire dinanzi all’autore dell’audit: a) è punito in conformità dell’articolo 292 del Codice penale svizzero se, senza causa legale rifiuta di presenziare, fare una dichiarazione o di produrre dei documenti; b) è punito in conformità dell’articolo 307 del Codice penale svizzero se, come testimone, rende falsa deposizione o, come perito, rende falso accertamento o fornisce falsa perizia. 2) Alla Commissione gestione e finanze non può inoltre essere opposto il segreto d’ufficio. Le competenze elencate nei capoversi 1) e 2) sono limitate esclusivamente al contesto del citato mandato di audit esterno e al tempo necessario per la sua esecuzione”. L’articolo 5 tratta del “Rapporto finale”. La commissione Gestione “presenta un rapporto che riassuma i fatti accertati all’indirizzo del Gran Consiglio per discussione. Al rapporto sono annesse, per voto del Gran Consiglio, le raccomandazioni formulate dall’auditor all’attenzione delle autorità competenti, nel rispetto della sfera intima e personale delle persone coinvolte”.

Dadò (Ppd): ‘Primo passo positivo’

Il costo dell‘intera operazione non è stato ancora stabilito. Ma la Gestione, spiega la sua presidente, la socialista Anna Biscossa, contattata dalla ’Regione’, «ha già un elenco di possibili auditor, fra persone ed enti, riconosciuti a livello nazionale sia per le loro competenze sia per aver già svolto compiti di questa natura per amministrazioni cantonali e federali, per enti pubblici e privati». Ottenuta luce verde dal plenum del Gran Consiglio, i potenziali auditor verranno contattati «per un preventivo». L’intenzione della Gestione è di procedere celermente.

La richiesta di un audit esterno è stata presentata con una mozione dal presidente del Ppd Fiorenzo Dadò all’indomani del rifiuto del Gran Consiglio di procedere all’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta. Era il 26 settembre 2020 quando ‘laRegione’ ne anticipò i contenuti. A più di un anno dalla richiesta, da noi interpellato Dadò dichiara che il compromesso raggiunto stamane in Gestione «dimostra che la temperanza è ancora un valore che conviene tenere presente, perché è dal 2018 che diciamo quanto sia doveroso e importante verificare nel dettaglio quello che è successo in questa vicenda. Ora finalmente sembrerebbe che questa esigenza non sia solo di due o tre deputati, ma generale: con la consapevolezza che serve ridare credibilità alle istituzioni». Per Dadò, quindi, «si tratta di un primo passo positivo, poi gli esiti dovranno essere analizzati con molta attenzione».

Un primo passo compiuto però dopo lungo tempo. «Cosa che ritengo inaccettabile: di questo lungo tempo trascorso sono più che dispiaciuta, sono costernata - riprende Biscossa -. Un ritardo che attribuisco in primis al Consiglio di Stato, che doveva rendersi conto subito della necessità di un audit esterno per fare chiarezza su cosa era successo. Ciò a tutela prima di tutto delle vittime, ma a tutela pure dell’Amministrazione cantonale. Un ritardo da ricondurre anche a un fattore culturale, e questo concerne pure fatti molto meno gravi. Ovvero il modo di concepire i rapporti tra uomini e donne».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved